Eurovision 2022

Tutto quello che c’è da sapere sullo spettacolo che andrà in scena stasera sul palco del Pala Olimpico di Torino

Andrà in scena questa sera, sabato 14 maggio, la finalissima della 66° edizione dell’Eurovision Song Contest, l’annuale kermesse musicale trasmessa in diretta su Rai Uno dal Pala Olimpico di Torino, condotta in lingua originale da Laura Pausini, Alessandro Cattelan e Mika, con il commento in italiano realizzato da Gabriele Corsi, Cristiano MalgioglioCarolina Di Domenico.

Come risaputo, ad ospitare la manifestazione quest’anno sarà l’Italia, nazione vincitrice della passata edizione con l’emozionante cavalcata dei Maneskin che, con la loro “Zitti e buoni”, hanno conquistato su larga scala il pubblico europeo. Ospiti di questo ultimo appuntamento saranno proprio loro, l’occasione ideale per presentare per la prima volta il nuovo singolo “Supermodel”.

Presente all’appello anche Gigliola Cinquetti, prima storica vincitrice italiana nel lontano 1964, che ci proporrà l’intramontabile “Non ho l’età”. Attese anche le performance dei due conduttori Mika e Laura Pausini, mentre per quanto riguarda la gara si esibiranno i venti Paesi che hanno superato le qualificazioni più i cinque Big Five ammessi di diritto alla finalissima.

Si esibiranno in ordine: We Are Domi per la Repubblica Ceca, WRS per la Romania, MARO per il Portogallo, The Rasmus per la Finlandia, Marius Bear per la Svizzera, Alvan & Ahez per la Francia, Subwoolfer per la Norvegia, Rosa Linn per l’Armenia, Mahmood & Blanco per l’Italia, Chanel per la Spagna, S10 per i Paesi Bassi, Kalush Orchestra per l’Ucraina, Malik Harris per la Germania, Monika Liu per la Lituania, Nadir Rustamli per l’Azerbaijan, Jèrèmie Makiese per il Belgio, Amanda Georgiadi Tenfjord per la Grecia, Systur per l’Islanda, Zdob şi Zdub & Advahov Brothers per la Moldavia, per Cornelia Jakobs per la Svezia, Sheldon Riley per l’Australia, Sam Ryder per il Regno Unito, Ochman per la Polonia, Konstrakta per la Serbia e Stefan per l’Estonia.

Tutto pronto, dunque, per questo ultimo appuntamento con il terzo Eurovision Song Contest della storia organizzato in Italia, che arriva a trentuno anni di distanza dall’ultima edizione romana datata 1991. Ricordiamo che ogni Paese non potrà votare per il proprio rappresentante, per cui in Italia potremo esprimere le nostre preferenze per le altre ventiquattro performance. Che dire? Che vinca il migliore!

Eurovision Song Contest 2022 | Running order

  1. 🇨🇿 Repubblica Ceca: We Are Domi – Lights off
  2. 🇷🇴 Romania: WRS – Llámame
  3. 🇵🇹 Portogallo: MARO – “Saudade, Saudade”
  4. 🇫🇮 Finlandia: The Rasmus – Jezebel
  5. 🇨🇭 Svizzera: Marius Bear – Boys Do Cry
  6. 🇫🇷 Francia: Alvan & Ahez – Fulenn
  7. 🇳🇴 Norvegia: Subwoolfer – Give That Wolf A Banana
  8. 🇦🇲 Armenia: Rosa Linn – Snap
  9. 🇮🇹 Italia: Mahmood & Blanco – Brividi
  10. 🇪🇸 Spagna: Chanel – SloMo
  11. 🇳🇱 Paesi Bassi: S10 – De Diepte
  12. 🇺🇦 Ucraina: Kalush Orchestra – Stefania
  13. 🇩🇪 Germania: Malik Harris – Rockstars
  14. 🇱🇹 Lituania: Monika Liu – Sentimentai
  15. 🇦🇿 Azerbaijan: Nadir Rustamli – Fade To Black
  16. 🇧🇪 Belgio: Jérémie Makiese – Miss You
  17. 🇬🇷 Grecia: Amanda Georgiadi Tenfjord – Die Together
  18. 🇮🇸 Islanda: Systur – Með Hækkandi Sól
  19. 🇲🇩 Moldavia: Zdob şi Zdub & Advahov Brothers – Trenulețul
  20. 🇸🇪 Svezia: Cornelia Jakobs – Hold Me Closer
  21. 🇦🇺 Australia: Sheldon Riley – Not The Same
  22. 🇬🇧 Regno Unito: Sam Ryder – SPACE MAN
  23. 🇵🇱 Polonia: Ochman – River
  24. 🇷🇸 Serbia: Konstrakta – In Corpore Sano
  25. 🇪🇪 Estonia: Stefan – Hope
The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

By Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.