“Domani vedrai”, Gigi D’Alessio e il coraggio di reinventarsi – RECENSIONE

Disponibile dallo scorso 12 luglio il nuovo singolo del cantautore partenopeo “Domani vedrai

Un featuring con se stesso, fino a questo momento nessuno aveva mai pensato ad un’ipotesi del genere (vabbè c’è stato Izi qualche mese fa, ma facciamo finta di niente). “Domani vedrai” è il nuovo singolo di Gigi D’Alessio, oserei dire un brano sorprendente, inatteso e, se ascoltato più volte, piuttosto piacevole. Di primo acchito la reazione potrebbe apparire piuttosto traumatica, soprattutto per chi è cresciuto a pane, miele e “le domeniche d’agosto quanta neve che cadrà”, poi subentra in gioco la razionalità e si contestualizza la poetica e le sonorità del cantautore partenopeo al mondo musicale di oggi, che nel giro di vent’anni è notevolmente cambiato.

Scende a patti con il 2019 Gigi D’Alessio, ma lo fa a suo modo, proponendo un curioso feat con se stesso in dialetto napoletano, la lingua con cui ha esordito negli anni ’90 pubblicando ben sei dischi che lo hanno consacrato come idolo indiscusso del Regno delle Due Sicilie, prima di intraprendere il suo percorso su scala nazionale con Sanremo 2000 e l’intramontabile “Non dirgli mai”. In tal senso, “Domani vedrai” rappresenta un passo in avanti dal punto di vista del sound, ma anche un ritorno alle origini per quanto riguarda il recupero del dialetto napoletano, che possiamo considerare un po’ la sua lingua madre, con cui riesce ad esprimere una piena e consapevole credibilità.

Dopo aver riguadagnato l’attenzione mediatica con la vittoria della sesta edizione di The Voice of Italy, e aver pubblicato il singolo Quanto amore si da in compagnia di Guè Pequeno, siamo davvero curiosi di ascoltare il suo nuovo album in studio, il diciottesimo in ventisette anni di carriera, che vedrà la luce in autunno, nel quale saranno contenute altre collaborazioni e nuove sorprese. Senza alcun ragionevole dubbio, Domani vedrai rappresenta un’insolita e inedita trasformazione per Gigi D’Alessio, un artista che ha sempre diviso il pubblico tra haters e lovers pur rimanendo se stesso e che, siamo certi, continuerà a farlo anche in questo frangente. Ai posteri l’ardua sentenza. A vita toja nunn’a fa scamazza’ a nisciuno, arape o core e vive pe t’annammurà.

Acquista qui il brano |

Domani vedrai | Video

Domani vedrai | Testo

Questa notte senza luna, è luna nera
sta cadendo il mondo addosso
a te stasera
quanta pioggia dai tuoi occhi
ca nun te fa chiu’ vere
com’è grande questo letto
stanotte sul pe te

Non puoi spegnere il tuo sole, fa come il sole
tieni il cuore sempre acceso
come un motore
non guardare adesso il cielo
na stell’ nun po’ carè
chi ti ha bruciato tutti i sogni
faceva ammor cu te

A vita toja nunn’a fa scamazza’ a nisciuno
arape o core e vive pe t’annammura
scetate a chistu suonne nun te fa cchiu’ male
quante nu Papa more nato se ne fa rimane
o vient cacc e nuvol e te puort o suol
a notte e stelle a luna pe te fa sunnà

Forse è vero un grande amore
non può finire
ma si può dimenticare
per non soffrire
quel che è stato già passato
e nun se po cancellà
riapri questo cuore usato
te po fa ancora sunnà

A vita toja nunn’a fa scamazza’ a nisciuno
arape o core e vive pe t’annammura
scetate a chistu suonne nun te fa cchiu’ male
quante nu Papa more nato se ne fa rimane
o vient cacc e nuvol e te puort o suol
a notte e stelle a luna pe te fa sunnà

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.