“L’ammore”, puro incanto per Gigi D’Alessio e Fiorella Mannoia – RECENSIONE

Disponibile dallo scorso 18 ottobre il nuovo singolo del cantautore partenopeo, nuovo estratto da “Noi due

Dopo aver collaborato con Guè Pequeno in Quanto amore si dà e realizzato un featuring con se stesso in Domani vedrai, per Gigi D’Alessio è tempo di lanciare un nuovo duetto con Fiorella Mannoia, l’interprete per eccellenza, per la prima volta alle prese con un inedito cantato in lingua napoletana. Si intitola “L’ammore” il brano che, senza alcuna fatica, possiamo considerare un capolavoro di rara bellezza, che profuma già come un nuovo classico della canzone partenopea. Il brano, disponibile in rotazione radiofonica dal 18 ottobre, è estratto dall’ultimo disco “Noi due” (qui la nostra recente intervista), in cui il cantautore è riuscito a mettere insieme origini e tradizione con sonorità più contemporanee e collaborazioni di diverso stampo, tra cui spiccano i nomi di Giusy Ferreri, Emis Killa e Luchè.

Apprezzabile la scelta di far cantare la Mannoia in napoletano, perché se lo avesse interpretato un’artista partenopea non avrebbe reso in egual misura, Fiorella è riuscita a fare peso ad ogni singola parola, con la naturalezza che contraddistingue le sue performance da oltre quarant’anni, riuscendo a risultare credibile proprio come Mia Martini, altra icona dell’interpretariato che è si è calata perfettamente nella memoria, nel folclore e nell’animo napoletano.

In tal senso, possiamo considerare “L’ammore” un po’ come una nuova “Cu’mmè”, perché arriva dritta al cuore ed emoziona diventando comprensibile alle orecchie di tutti, con il linguaggio universale tipico dei sentimenti. Onore e gloria a Gigi D’Alessio che, ancora una volta, si mostra essere il cantastorie dell’amore che tutti conosciamo, c’è chi lo apprezza e chi storce il naso, perché non possediamo di certo tutti lo stesso tipo di sensibilità e, si sà, le ballate romantiche possono creare un certo snobbismo da parte di pseudo-intellettualoidi, come se la poesia si nascondesse solo tra temi sociali o argomenti di tutt’altra natura.

Dopo aver sperimentato altre sonorità, il cantautore rispolvera quello che possiamo considerare il suo corredo musicale, impreziosito da un arrangiamento orchestrale degno di nota, composto dalla chitarra classica suonata da Daniele Bonaviri, il basso di Roberto D’Aquino, le tastiere e gli archi di Adriano Pennino e, come ciliegina sulla torta, il “cleofono” di Pericle Odierna, uno strumento curioso e artigianale che dona ulteriore magia all’ascolto finale.

Per concludere, il cuore e la melodia stanno a D’Alessio come le melanzane stanno alla parmigiana, per una questione di linea si possono pure grigliare per evitare di friggerle, ma la ricetta originale resta sempre la migliore, così come il napoletano resta la lingua attraverso la quale Gigi riesce ad esprimersi al meglio (come accade anche per un altro piccolo gioiello dell’album, intitolato “Mentre a vita se ne va”). Fiorella Mannoia aggiunge classe ed eleganza ad un pezzo confezionato su misura per lei, che non poteva essere interpretato da nessun altro.

Questo e molto altro ancora è “L’ammore”, una canzone rara e preziosa che tenta di dare risposte a domande primordiali riguardanti il nobile sentimento per antonomasia, che prima ti mette la luna tra le mani e poi ti spegne la luce dentro al cuore, una fontana di lacrime non appena perdi la persona a cui vuoi bene, ma quando meno te l’aspetti tutto si rianima e torni ad innamorarti nuovamente. Ecco, lo vedete? Tradotto in italiano non rende allo stesso modo e poi io non sono certo Gigi D’Alessio, un signor musicista e un esperto conoscitore delle sette note. Questo, piaccia o non piaccia, è un merito che gli deve essere unanimemente attribuito.

Acquista qui il brano |

L’ammore | Video

L’ammore | Testo

E vvote me domande si l’ammore
è sul ‘na parola e nient cchiu’
te fa sta buon’ ma quann t’ fa male
u ciel’ se fa nire addo’ staje tu
si tien’ l’uocchie apierte rint’o scuro
a nott po te mett cchiu’ paura.

L’ammore
primme te mette a luna miez’e mmane
e poi te leva a luce rint’o core
è nu surrise i miez’ a na parola
ca nun saje capì

L’ammore
s’azzecche n’guoll comm’a ll’acqua e mare
quanne s’asciutt’ resta sule o sale
ca chianu chianu trase dint’e vene
e nun sape ascì.

Pur’io nu sacc’ e vote agg’ chiagniuto
teneve o munno mmano
e aropp niente cchiu’
sapisse quanta vote agg’ sunnato
e stess’ cose ca mo suonne tu
nun se sciuglieve a neve sott’u sul’
si o viente m’ha spugliav’ pe f’ammore

L’ammore
primme te mette a luna miez’e mmane
e poi te leva a luce rint’o core
è nu surrise i miez’ a na parola
ca nun saje capì

L’ammore
s’azzecche n’guoll comm’a ll’acqua e mare
quanne s’asciutt’ resta sule o sale
ca chianu chianu trase dint’e vene
e nun sape ascì

Pecche’ l’ammore
è na funtana e lacreme int’o core
quann’ hai perduto a chi hai voluto bene
ah, nun te fa cchiù durmi’
ah, nun te fa cchiu’ campà
ma… si dice natu si
po… tuorn’ a t’annammura’
si, tuorne a t’annammura’

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.