Giordana Angi

Recensione del singolo che anticipa la pubblicazione del nuovo album d’inediti

Ci sono canzoni che emozionano pur rivelandosi semplici: “Un autunno fa“, la nuova di Giordana Angi, è una di queste. Punto. Non ci sarebbe, in realtà, molto da aggiungere al racconto di questo nuovo singolo della cantautrice italo-francese perchè la realtà delle cose è proprio questa: un brano semplice, lineare e, in qualche modo, tradizionalmente fuori moda ma estremamente potente, suggestivo ed emozionante.

Un pianoforte minimalista, una voce limpidamente scandita nelle sue stesse tonalità più tenui ed un testo sincero tutto imperniato su di una riflessione personale che guarda all’io prima di rivolgersi verso fuori al ricordo di un amore. La canzone cresce, poi, con la sua consueta progressività accompagnando anche la salita vocale che si colora di sfumature più ruvide ed una strumentazione più completa grazie alla sezione ritmica.

“Tutto quello che io vorrei è un autunno fa”: è su questo claim che si gioca l’intera costruzione del pezzo a livello concettuale. Giordana guarda ad un passato ben preciso in cui l’amore di cui canta viveva giorni felici. Amore che, in realtà, si può sostituire senza tanta difficoltà alla propria personale esistenza qualora l’ascoltatore voglia introiettare la lettura su di sè.

Tra i riferimenti di ciò che è stato e che non è più, la Angi si dimostra sconsolata di fronte ad un nuovo giorno che viene “anche se non ne sentirei il bisogno” mentre la mente va a “quelle notti sulle scale a raccontarci, a immaginare una nuova vita”. Una nuova vita che “poi non l’hai voluta”. Ma questo finisce in secondo piano mentre immagini nitide si alternano a sensazioni e metafore tra un centro di Milano deserto e buio, vestiti gettati a terra e bolle che rappresentano un’unione fragile e precaria. Tra passato e futuro l’amore si consuma e lascia le proprie scorie in una voce che, con le proprie increspature, si conferma nuovamente tra le più adatte a raccontare lo struggimento ed il tormento.

Giordana Angi per “Un autunno fa” ha scelto di guardare coraggiosamente al passato. Non lo ha fatto solo raccontando di una storia andata ma anche sposando una forma-canzone non più così in uso nella nostra attualità musicale che preferisce racconti superficiali, spesso non riguardanti l’io interiore e sfruttanti melodie appiccicose e motivetti dal facile appeal. Il pianoforte ed un cuore in frantumi faticano a trovare spazio nella discografia di oggi ma quando c’è di mezzo l’emozione, il racconto autentico ed una canzone che ha tutti gli elementi per arrivare dritta all’ascoltatore ogni barriera merita di essere abbattuta. Ne va della sincerità della musica che non conosce tempo. Viceversa, riconosce l’emozione. E qui ce n’è. E tanta.

Acquista qui il brano |

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.