A tu per tu con la giovane cantante romana, in uscita con il singolo estivo intitolato “Bacio a distanza

Solarità e orecchiabilità, questi i due elementi principali alla base di “Bacio a distanza”, il nuovo singolo di Giulia Penna, artista che vanta numeri da capogiro sui social network, ben 1,3 milioni di follower su Instagram e 1,2 milioni su TikTok, oltre 18 milioni di visualizzazioni su YouTube e 1,6 milioni di ascolti su Spotify. Il brano, disponibile in radio e sulle piattaforme digitali a partire dallo scorso 3 luglio, è accompagnato da un divertente videoclip ricco di ospiti del calibro di J-Ax, Clementino, Francesco Sarcina, Alessio Bernabei e molti altri.

Ciao Giulia, benvenuta. Partiamo dal tuo nuovo singolo “Bacio a distanza”, cosa racconta?

«Questo brano è nato durante la quarantena, in realtà è un pezzo coloratissimo e di rilancio, che parla della voglia di tornare a divertirci con le persone che amiamo e che abbiamo baciato a distanza durante le numerose videochiamate che ci hanno tenuto compagnia durante questi ultimi mesi».

Un pezzo che fa da colonna sonora a questa estate così diversa dalle altre. Tu, personalmente, come la vivrai e come te la immagini?

«Sicuramente sarà un’estate particolare, infatti, anche il videoclip del brano è stato scelto proprio per rappresentare questa vita attuale, il mio giugno e il mio luglio. Ho chiamato tutti i miei amici artisti chiedendo loro di rappresentare con alcune immagini i loro preparativi per quest’estate. Penso che ad agosto riuscirò a farmi un po’ di vacanza, un po’ di sole ci vuole, fa bene all’umore e ci servirà per ripartire a settembre più forti di prima».

Sempre di più il web sta diventando una valida alternativa al monopolio rappresentato fino a pochi anni fa dai talent show. Come descriveresti il tuo rapporto con i social?

«Per me i social sono un po’ come la mia casa, sui mie canali non faccio altro che mostrarmi per quello che sono, rendo partecipi le persone durante le mie giornate, parlo molto con loro, cerco di rispondere sempre ai commenti, infatti sotto il videoclip ho risposto a tutti, non vivendo per circa tre giorni (ride, ndr), ma lo faccio volentieri perché voglio essere considerata un’amica, una di loro.

Il web è arrivato improvvisamente circa quattro anni fa, caricando su Facebook un video in cui cantavo una canzone conosciuta in dialetto romano. Dal momento in cui ho iniziato a prendermi meno seriamente, i miei contenuti sono diventati virali, così ho cavalcato l’onda continuando a realizzare clip simpatiche, poi mi sono spostata su Instagram e ora è arrivato pure Tik Tok (sorride, ndr), mi ci mancava giusto quello!».

Un palco ancora non del tutto sdoganato per il tipo di realtà che rappresenti è quello di Sanremo, partecipare alla kermesse è tra i tuoi obiettivi?

«Magari, cioè ci andrei subito! E’ una tradizione troppo importante, mi piacerebbe tantissimo. In effetti è uno dei miei sogni, l’ho sempre seguito, in particolar modo l’ultima edizione, noto comunque un’apertura rispetto alla musica che piace ai giovani, vedi Mahmood o la stessa Elettra Lamborghini, dunque, non solo artisti classici italiani. Perché no? Sarebbe veramente bello».

Festival a parte, quali sono i tuoi prossimi progetti in cantiere?

«Tutte le mie pubblicazioni musicali di quest’anno hanno come fil rouge il diario nelle copertine, questo perché mi sono prefissata di volermi aprire e raccontare. Le pagine del mio diario continueranno ad essere scritte e pubblicate, ci saranno sicuramente altri nuovi brani. Adesso sono super concentrata nella promozione di “Bacio a distanza”, che spero possa diventare la colonna sonora estiva per tante persone».

Per concludere Giulia, a chi si rivolge oggi la tua musica e a chi ti piacerebbe arrivare in futuro?

«A più persone possibili, mi piacerebbe veramente arrivare a tutti senza distinzioni. Ad ascoltarmi oggi sono sicuramente ragazzi molto giovani, sono contenta di poter parlare agli adolescenti, anche se è una bella responsabilità, spero di riuscire a trasmettere loro tutta la mia positività».

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Di Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.