Irama Sanremo 2022

Le dichiarazioni della conferenza stampa sanremese

Irama torna al Festiva di Sanremo e lo fa con il branoOvunque sarai, ballad romantica contenuta all’interno del suo nuovo album di inediti Il giorno in cui ho smesso di pensare, in uscita il prossimo 25 febbraio per Atlantic / Warner Music. Per il cantautore si tratta di un gradito ritorno a distanza di un anno dalla partecipazione con il brano “La genesi del tuo colore”, purtroppo condizionata dall’impossibilità di esibirsi live sul palco dell’Ariston a causa della quarantena forzata. Ecco quello che ci ha raccontato durante la sua conferenza stampa di oggi:

A proposito della canzone: “L’arte nasce da un principio egoistico, ma dopo la prima fase dove è l’artista a creare diventa di tutti. Il processo di questa canzone è esattamente questo. È stata scritta per una persona che non c’è più per una mia esigenza di comunicare. È vero, il contatto con la natura in questa canzone c’è e tra l’altro è stata scritta proprio in mezzo alla natura. Ero su un tetto, ho cominciato a scrivere il testo senza pensare alla musica”.

Riguardo alla gara: “Non ho aspettative di classifica. Sono qui per comunicare tramite la mia musica. Ho ricevuto ottimi riscontri, sia dai fan che dai miei colleghi e questo mi rende sereno. Il mio nuovo album è frutto di grande lavoro e il pezzo sanremese è solo l’outro di un progetto a cui tengo molto e che non vedo l’ora di far ascoltare a tutti. Ho sperimentato molto, dentro ci sono sfumature differenti della mia personalità e un sacco di collaborazioni, italiane e straniere. La direzione artistica è stata curata da Shablo”.

Ricordando lo scorso anno dice: “È stata comunque un’esperienza. Dal punto di vista artistico è stato comunque un anno super per me. Quest’anno ovviamente è tutto diverso e cerco di vivermi ogni momento. Se la mia vita fosse una canzone quale sarebbe? Sicuramente L’avvelenata di Francesco Guccini”.

Per la serata delle cover, dove Irama porterà “La mia storia tra le dita” insieme al suo autore Gianluca Grignani, commenta: “Grignani è un artista immenso. Una vera rockstar. Sincero e imprevedibile, ma super sensibile. È un onore poter condividere il palco più importante d’Italia con lui”.

The following two tabs change content below.

Francesco Cavalli

Vent'anni e una vita divisa da sempre in due passioni: calcio e musica. Studia per diventare giornalista. Apprezza la musica in tutte le sue forme ascoltando tutto ciò che passa dal suo mp3 24 ore su 24. Il suo passatempo preferito è annotare, scrivere e commentare tutta la musica che ascolta.

By Francesco Cavalli

Vent'anni e una vita divisa da sempre in due passioni: calcio e musica. Studia per diventare giornalista. Apprezza la musica in tutte le sue forme ascoltando tutto ciò che passa dal suo mp3 24 ore su 24. Il suo passatempo preferito è annotare, scrivere e commentare tutta la musica che ascolta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.