Blanco

Recensione del nuovo singolo estivo del giovane nuovo fenomeno della musica italiana

Quando si raggiunge la cresta dell’onda la difficoltà sta nel continuare a cavalcarla. Lo sa bene anche Blanco che, dopo un 2021 dei record ed un 2022 iniziato ancor meglio si trova a fare i conti con l’estate e quella sua ‘Nostalgia‘ sempre ben presente nella sua scrittura. Ecco che allora per continuare a guardare al futuro occorre, alcune volte, partire proprio dalle radici e dal passato. Non è un caso che anche questo nuovo singolo estivo del giovane cantautore bresciano parta da quel ‘blanchito baby, Michelangelo mettimi le ali’ che è diventato famoso insieme al suo stesso interprete.

Se di nostalgia si parla ecco, dunque, che Blanco riparte da Michelangelo alla produzione e da una linea narrativa mai troppo distante da quella fin qui esplorata nel suo fresco repertorio. Destinataria di questa nuova missiva in musica è una non meglio identificata “lei” alla quale, ancora una volta, si lega un racconto d’amore. E’ un amore fatto di passione sfrenata e sregolata ma anche di quotidianità, litigate e momenti comuni. E proprio di quei momenti Blanco sentirebbe la nostalgia di cui canta qualora si dovesse realizzare la condizione di essere “senza di te”.

Blanco canta d’amore e lo fa secondo il suo abituale modo di scrivere ed esprimersi. Il sesso, da fare “adesso fino a non sentire più me stesso, fino all’eccesso”, è parte integrante della narrativa e non viene camuffato nemmeno quando si cita espressamente “le scopate che abbiam fatto senza più provare amore”. A fare da contraltare è, però, quel romanticismo nostalgico che da sempre lega la contemporaneità musicale di Blanco al solco della tradizione pop. E allora si ricordano “quante cose devi dirmi ancora” “i tuoi occhi color mare”.

Ad un anno dalla hit che fu Mi fai impazzire‘ e dalla pubblicazione dell’album ‘Blu celeste’ (di cui qui la nostra recensione), Blanco continua a suonare credibile ed attuale seguendo la propria ricetta musicale. Il suo non è un genere incasellabile. Ci sono dentro la foga e le parole di un oggi inquieto ma, contemporaneamente, anche l’amore ed una struttura vocale interessantemente composta figlia di quel pop dal quale veniamo e che forse, almeno un po’, tutti rimpiangiamo. Con nostalgia.

Acquista qui il brano |

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.