lunedì, Maggio 20, 2024

CLASSIFICHE

SUGGERITI

Nuove uscite discografiche: i singoli della settimana

Immancabile la nostra speciale parade dei singoli usciti questa settimana: divertitevi e, come sempre, buon ascolto.

GINEZ E IL BULBO DELLA VENTOLA – CHEVROLET

Chevrolet è il nuovo singolo estratto da Sambuca Sunrise, l’ultimo album di Ginez e il bulbo della ventola.

Un brano che attraversa i confini musicali, unendo influenze internazionali e italiane. Letrombe di Raffaele Kohler e la fisarmonica di Carlo Ormea creano un mix avvincente di suoni, portando gli ascoltatori oltreoceano e immergendoli in una storia coinvolgente.

La canzone è ispirata alla musica Rockolera messicana e alle classiche “rola”. Tuttavia, Ginez aggiunge un tocco di nazional popolare italiano, creando un connubio unico di suoni e storie. Chevrolet è molto più di una semplice canzone; è una narrazione da ascoltare attentamente, un viaggio attraverso le emozioni e le esperienze di vita.

DREAD – NOTTING HILL

E’ disponibile in digitale NOTTING HILL, il nuovo brano dell’artista italo-ivoriano DREAD prodotto da VAGO XVII. Dal 17 maggio sarà disponibile anche in radio.

Il brano racconta il termine di una storia d’amore e di come questa esperienza possa servire per comprendere quanto sia fondamentale imparare a non farsi trascinare dai sentimenti e mantenere una visione chiara degli obiettivi che si vogliono raggiungere.

DREAD con NOTTING HILL vuole trasmettere l’amore per se stessi oltre che per gli altri e come sia necessario imparare a stare in solitudine e prendersi del tempo per poi agire per ottenere ciò che si vuole.

“Anche di fronte alle difficoltà – spiega DREAD – bisogna rimanere lucidi e proiettarsi verso l’obiettivo per raggiungere i propri sogni”.

Il suo stile street/house ma allo stesso tempo melodico permette a DREAD di distinguersi dal panorama musicale attuale e di trasmettere la sua storia e i suoi ideali a tutti i ragazzi.

Grazie alla sua scrittura personale ed intima, tanti giovani che si trovano ad affrontare enormi difficoltà, ma che aspirano a costruirsi un futuro migliore, possono riconoscersi e trovare speranza in ciò che verrà.

FRANCESCO MARZIO E LAÏOUNG – FELICITÁ

Il cuore della Puglia batte in una melodia rinnovata con la versione di Felicità di Al Bano e Romina Power, interpretata con passione e freschezza da due talentuosi artisti originari della città bianca di Ostuni. Francesco Marzio e Laïoung, portano nuova vita a questo classico, trasformandolo in un inno personale alla felicità che risuona attraverso le colline e le strade di questa affascinante regione.

La canzone, disponibile in radio e su tutti gli store digitali, è intrisa di autentica nostalgia e amore per la terra e non è solo un tributo ad Al Bano, ma un viaggio emozionale che celebra le gioie semplici e spesso trascurate della vita.

La coppia di artisti ha generosamente arricchito il brano con il loro personale concetto di felicità, regalando un’interpretazione che si fonde perfettamente con l’essenza della Puglia.

Marzio e Laïoung sono due amici fraterni, due cantanti, entrambi cresciuti in Puglia, appartenenti a stili musicali apparentemente diversi, che hanno da sempre considerato Felicità un inno della Puglia nel mondo e con un’infinita adorazione per Al Bano.

In uno studio mattutino a Ostuni, la musica e l’ispirazione sono sfociate in un momento di pura creatività:

Abbiamo sentito la necessità di cantare questo grande successo inserendo il nostro concetto di felicità

L’omaggio non è solo alla musica di Al Bano, ma anche alla loro amata Puglia, ai suoi paesaggi mozzafiato e agli affetti più cari che la rendono unica.

La loro versione di Felicità, prodotta dallo stesso Laïoung,  è un inno contagioso che invita tutti a riscoprire la gioia nelle cose più semplici e a celebrare la bellezza della vita.

GIANTHEO – TOMMY AL LUNAPARK

Dopo un anno di successi nel 2023, tra cui tre singoli nella Top Ten della Classifica Indipendenti, i Giantheo tornano con il loro ultimo singolo, Tommy al Lunapark, una canzone dedicata al figlio di Theo, Tommaso, di 9 anni.

Il testo di Tommy al Lunapark rappresenta l’esperienza di vita e i desideri di Tommaso. Alcune frasi sono tratte da situazioni reali della vita familiare, mentre altre sono ispirate dai video dei tik toker che il bambino ama guardare.

La canzone è semplice all’ascolto e tocca il cuore di chiunque abbia mai sognato di essere al Luna Park.

MOISEN – IL POTERE DI ADESSO

Il tempo, un concetto così fondamentale eppure così spesso trascurato nella frenesia della vita quotidiana.

Il Potere di Adesso, il nuovo brano di MOISEN – sorge come un’ode alla consapevolezza del presente, all’importanza di abbandonare le preoccupazioni del passato e le ansie del futuro per abbracciare ciò che è veramente tangibile: l’ADESSO.

Con un mix di elementi R&B e influenze della Deep House, questo brano musicale trasmette un messaggio di riflessione con un beat che invita inevitabilmente al movimento. Un sound fresco, internazionale e sperimentale si fonde con testi profondamente significativi, creando un’esperienza sonora che va al di là del mero ascolto.

Il Potere di Adesso non si limita a essere una canzone, ma piuttosto un’esperienza multisensoriale che invita gli spettatori a immergersi completamente nel momento presente; è un invito a vivere pienamente, a ballare al ritmo della vita e a abbracciare ogni istante con gratitudine e consapevolezza. Il futuro è qui, ora.

SONOGIOVE FT. ALTROEGO – POSTUMI

Un brano pop dalle sfumature emo punk nato dalla collaborazione fra sonogiove e Altroego, Postumi è il nuovo singolo degli artisti riminesi.

Postumi nasce qualche anno fa da un’idea musicale di Davide Cristofori con un testo di Simone Sartini (Altroego), una demo rimasta, come spesso capita, nel cassetto.

Giovanni (sonogiove) s’innamora, già al tempo, del brano e dopo diverso tempo propone ai due di crearne una versione nuova, più attuale.

Così, Giovanni e Simone decidono di rimetterci mano e di destrutturarla completamente, riscrivendo diverse parti, ma mantenendo lo stile musicale di entrambi: ne viene fuori un singolo che ricorda il genere dei primi anni 2000.

Il brano racconta le sensazioni dopo la fine di una relazione d’amore, mettendo a nudo le proprie fragilità senza troppi filtri.

Nel testo c’è un forte richiamo alla malinconia che assale nel momento in cui ci si ritrova soli e abbandonati che si conclude però con l’accettazione dell’amore che si è vissuto insieme.

ANTONIO’S REVENGE – FEAR YEAR

Dopo l’uscita dell’album All Under Control, la band bresciana Antonio’s Revenge è pronta a fare il suo ritorno sulle scene musicali con il lancio del nuovo singolo Fear Year, in uscita in radio e su tutte le piattaforme digitali.

Il brano anticipa Kill a Miracle, il nuovo disco di inediti della band la cui uscita è prevista per l’autunno.

Caratterizzato da un sound che fonde il rock americano con il britpop, Fear Year è stato interamente registrato negli studi degli Antonio’s Revenge e successivamente mixato e masterizzato da Dan Konopka, celebre batterista degli OK GO, presso il rinomato Siren Sound Recorders and Mixers di Los Angeles.

Fear year offre un’esperienza sonora coinvolgente che cattura l’essenza dell’istinto umano di fronte all’avversità.

Il testo, guidato da una potente narrazione emotiva, esplora il tema della resilienza di fronte alla paura e all’incertezza.

Come affermano gli stessi Antonio’s Revenge: “Quando all’improvviso ogni cosa sembra diventare ostile, ogni parola inutile ed ogni azione vana, l’istinto spinge la nostra forza di volontà a resettare la mente perché possa tornare ad essere di nuovo leggera e libera”.

Con Fear year, gli Antonio’s Revenge dimostrano ancora una volta la loro capacità di combinare l’energia del rock con testi ricchi di significato, creando un’esperienza musicale che risuona con l’ascoltatore.

MORENO IL BIONDO – SALIRÁ

Salirà è il nuovo singolo di Moreno Conficconi alias Moreno il Biondo, disponibile su tutte le piattaforme digitali.

Moreno il Biondo, artista di grande talento e versatilità, celebre in tutta Italia, grazie alla sua esperienza nel mondo della musica da ballo come leader dell’orchestra di Raoul Casadei, co-fondatore degli Extraliscio, direttore dell’orchestra del Programma Paradise su Rai 2 e grazie al suo virtuosismo con il clarinetto in Do, ha iniziato questo viaggio nella musica popolare svelando così una nuova e affascinante dimensione del suo talento che profuma di cultura e tradizioni con l’intento di accompagnare l’ascoltatore in un viaggio ideale nella musica popolare.
È la storia di un amore che ti ha lasciato e che non tornerà mai più, evento che spesso rientra nelle “normalità” della vita e che in questa canzone viene raccontato attraverso una immaginaria fantasia di luoghi e personaggi dove il protagonista “l’innamorato abbandonato con il fumo nella mente” parla al suo bicchiere di vino con il pensiero fisso su quelle scale infinite che lei sale per andare da un altro amore”. – racconta Moreno il Biondo.

POST – JANUARY

January nasce da una singola progressione di accordi che gioca con le tonalità e da una sfida: suonare sempre lo stesso giro dall’inizio alla fine, ma facendo credere che tutto cambi, o che sia in evoluzione. Un po’ come il protagonista del brano, che si muove nella sua vicenda, ma al tempo stesso è irrimediabilmente bloccato.»PoST

Il testo del brano riguarda un impacciato e fallimentare tentativo di porre fine alla propria esistenza da parte del surreale personaggio che, come nella pellicola di Aki Kaurismaki Ho affittato un killer, paga dei “professionisti”, non avendo egli le forze per fare tutto da sé. La goffaggine del tentativo è anche sottolineata dall’atmosfera del brano, piuttosto eterea e disillusa.

MARIANGELA TRIA E DARIA HUBER – DIRTI DI NO

DIRTI DI NO è il nuovo singolo di Mariangela Tria e Daria Huber.

Il brano è caratterizzato da sonorità pop elettroniche che accompagnano un testo diretto e onesto evidenziando l’importanza per le cantautrici di imparare a rispettare i propri limiti, facendo scelte che soddisfino i loro bisogni pur non trascurando quelli degli altri.

Attraverso versi come “Vorrei dirti no ma non riesco”, riflettono sulla necessità di essere autentiche e di saper dire “no” quando è necessario, anche se può essere difficile esprimere i propri bisogni senza timore di ferire gli altri.

Il brano unisce due astri nascenti dell’indie pop italiano, su cui vale la pena accendere un riflettore.

DENISE BATTAGLIA FEAT. EDGAR ALLAN POP – TUTTO CAMBIA

Denise Battaglia con il feat. di Edgar Allan Pop esce con Tutto cambia.

Un brano che è un inno allo scorrere naturale delle cose. Un pezzo che racconta la fine di una storia, senza rancore. Affetto che permane a riconoscenza per tutta la bellezza condivisa ed oggi saldamente custodita. Ricordi che affiorano e forme diverse di dolore raccontato a due voci.

Tutto cambia è un urlo di consapevolezza.

La vita plasma costantemente ogni aspetto e in virtù di ciò subentra l’arrendersi davanti al logorarsi di un rapporto che nulla più ha da dare. Talvolta, è proprio nel lasciare andare che si manifesta la forma più alta di bene.

Un brano che racconta la mancanza di un punto fermo nell’universo, perché la realtà è che tutto è in movimento.

Arrendersi al cambiamento, come nel caso di questo brano, ad una relazione amorosa che sta per finire, è una vera e propria forma di bene verso sé stessi e verso l’altro.

ESPAÑA CIRCO ESTE E MODENA CITY RAMBLERS – ADDIO PAURA

Maggio è un mese che storicamente è legato a moti di rivoluzioni: politiche, sociali, economiche, pubbliche o personali.

Maggio è un mese in cui si esce da un letargo fatto di accondiscendenze e si va verso un’apertura ai cambiamenti che un vento estivo, di resilienza, può portare con sé.

España Circo Este e Modena City Ramblers si uniscono per dare vita a un canto che incita a riflettere su ciò che stiamo vivendo e tenta di smuovere le coscienze di chi ascolta: Addio Paura.

Due generazioni a confronto che si ritrovano su una ballad ariosa e folk, per provare ad opporsi insieme a ciò che ci ingabbia e ricordarci perché è necessario farlo, oggi più di sempre.

Il tutto partendo dai gesti più semplici di una quotidianità che non riusciamo più a capire e a sopportare: le domeniche afose, l’alta stagione, i baci senza sapore.

“Addio Paura – commentano gli España Circo Este – è un canto di guerra contro un presente e un futuro che vorremmo cambiare. Un inno per rimettersi in piedi, per sfidare la paura che troppe volte ci ferma, congela, inibisce. È un grido che vuole risvegliare il coraggio sopito che una volta avevamo, che faceva parte dei nostri giorni, che era nei nostri cuori e che ora sembra essersi perso, distratto dal mondo e dai mondi del nostro presente. Per tentare di innescare questo meccanismo di ribellione, oltre alla nostra voce e al nostro suono, abbiamo fortemente desiderato che ci fossero i Modena City Ramblers, gruppo che da sempre impersona, racconta, ispira e guida questo desiderio; il desiderio di urlare tutti più forte: Addio Paura”.

“È stato bello condividere con gli España la registrazione di Addio Paura. – aggiungono i Modena City Ramblers – ci emoziona il fatto che una giovane band abbia voglia e passione nel cantare e suonare per un ‘mondo migliore’, per una vita fatta di relazioni sincere e libere, di rispetto, di amore e orizzonti resistenti all’imperante cultura della paura e del sopruso. Ci emoziona e ci onora che abbiano pensato di coinvolgerci e di percorrere un po’ di strada insieme, che ci porterà peraltro in ‘qualche splendido giorno’ a condividere anche il palco. Ancora una volta Emilia e Romagna assieme, ma le terre di appartenenza per noi significano Ricchezza e Cultura, non certo motivo di diversità e lontananza per i nostri cuori compagni e vagabondi!”

DAYOFF – SIN

DAYOFF ha pubblicato, SIN, il suo nuovo singolo: l’artista torna con il terzo episodio del suo percorso artistico  in questo 2024.

SIN è un brano in lingua inglese che rappresenta un manifesto dei valori che caratterizzano la mentalità di DAYOFF. L’artista racconta gli ostacoli e le sfide di chi persegue la propria libertà e felicità scontrandosi con gli schemi imposti dalla società. La musica è ritratta come la preziosa alleata del protagonista in un suggestivo viaggio tra desiderio e redenzione, potere e vulnerabilità.

Su una curatissima produzione, la narrazione trova la sua perfetta cornice trasmettendo all’ascoltatore una vasta gamma di emozioni ed una forte  spinta liberatoria.

DAYOFF incarna, così, uno spirito di ribellione che lotta con tenacia per i suoi obiettivi dando vita ad un brano capace di ispirare e dalla forte componente di immedesimazione.

ROBERTA TONDELLI – SIENTEME

E’ disponibile su tutte le piattaforme digitali Sienteme, il nuovo singolo di Roberta Tondelli, nuovo estratto dall’album Tutta ‘a vita affacciata all’ammore, un brano che rende onore a coloro i quali amano il prossimo senza pregiudizi e in maniera incondizionata.

C’è un tema sociale alla base della canzone ed è il sostegno alla clownterapia, attività di volontariato svolta negli ospedali per portare un sorriso ai bambini che soffrono e che l’artista pratica in prima persona.

“Durante la lavorazione del brano – dichiara Roberta – ascoltando il testo, mi convincevo sempre più di voler coinvolgere in qualche maniera la clownterapia, di cui faccio parte da anni. Così è nata l’idea di inserire nel video una piccola parte in cui l’attrice Annarita Ferraro interpreta una volontaria”.

MET – DOVE SEI TU

Disponibile dal 10 maggio il nuovo singolo del cantautore e chitarrista MET, Dove sei tu.

Il brano ha sonorità elettro-acustiche: crea un mix fra tradizione cantautorale e modernità elettro-pop di stampo internazionale.

Dove sei tu segna l’avvio di un nuovo progetto con cui MET propone un viaggio introspettivo: ciascun ascoltatore può riscoprire sé stesso in una rinnovata prospettiva.

Nell’invitare chi ascolta a riflettere ma anche a divertirsi, MET pone al centro di questa sua nuova musica il tema dell’essere, dinamico e vitale, di cui il mare si fa incessante metafora di ostinazione e movimento.

Dove sei tu è legata quindi all’immagine del mare come simbolo di nostalgia ma anche di legami, di orizzonte e di riscoperta. L’artista afferma:

Da un po’ di anni avevo in mente questa idea, volevo creare una musica coinvolgente come una festa ma profonda come una ballata cantautorale. L’obiettivo è che gli ascoltatori possano ballare col ritmo delle mie melodie e che si fermino a riflettere sui testi. Il mix di sonorità è esplosivo, nell’unire elettronica con suoni acustici. Dove sei tu è l’avvio di un nuovo, magico viaggio”.

Dove sei tu è un brano che indaga anche sulla direzione che si sta intraprendendo nella propria vita ma lascia anche spazio ad alcune domande fondamentali sulle relazioni umane.

MEDUZA – FIRE

Il trio elettronico italiano MEDUZA pubblica ora Fire, l’attesissima canzone ufficiale di UEFA EURO2024 insieme ai OneRepublic, nominati ai Grammy, e alla cantautrice tedesca Leony.

La release del brano arriva subito dopo la vittoria dei Beatport Awards per il remix dell’anno  Supermode – Tell Me Why (Meduza Remix).

Inizialmente svelata durante una performance a sorpresa all’evento dei MEDUZA Our House durante la Miami Music Week, la canzone è diventata all’istante una delle preferite del pubblico, catturando l’immaginazione dei fan di tutto il mondo e offrendo un’emozionante anticipazione dell’imminente celebrazione calcistica.

Oltre ad aver scritto la colonna sonora ufficiale, i MEDUZA si esibiranno anche alla cerimonia di chiusura di UEFA EURO2024 a Berlino.

In merito alla release di Fire, i MEDUZA raccontano:

“Ora più che mai, il potere della musica di unire le persone è innegabile. Siamo entusiasti dell’uscita di Fire, l’inno ufficiale di UEFA EURO 2024, e ci auguriamo che la canzone accenda la passione degli amanti di calcio e di musica di tutto il mondo e li riunisca per festeggiare. Non vediamo l’ora che la competizione inizi e di illuminare il palco alla cerimonia di chiusura!”.

Fire è una potente e speciale collaborazione che fonde la tanto amata produzione house dei MEDUZA, gli avvincenti paesaggi sonori degli OneRepublic e l’esperienza pop di Leony in un unico brano che incarna il fervore e lo spirito degli appassionati di calcio. È una celebrazione della diversità e dell’euforia del torneo UEFA EURO2024, destinato a essere il cuore pulsante dei festeggiamenti di quest’estate.

VALENTINA TIOLI – MAL COMUNE

In un mondo in cui le relazioni disfunzionali si intrecciano con le nostre vite quotidiane, Mal Comune, il nuovo brano di VALENTINA TIOLI, emerge come un richiamo al dolore condiviso e alla consapevolezza di un amore finito.

Mal Comune è un viaggio emotivo nel flusso di coscienza di chi si trova da solo al volante nella notte, confrontato con la fine di un legame che una volta sembrava indissolubile. La canzone cattura magistralmente il sentimento di perdita e la ricerca interiore di senso che accompagna il termine di una relazione.

Il testo ci trasporta in quell’attimo cruciale in cui la realtà si fa strada attraverso il velo dell’illusione, quando ci rendiamo conto che è giunto il momento di lasciar andare, pur soffrendo, una persona che abbiamo erroneamente idealizzato e che non ci fa stare bene.

In un momento di riflessione, siamo chiamati a considerare anche la prospettiva della trasformazione, in quanto rifiutiamo categoricamente di rimanere ancorati alle nostre convinzioni come “gomme fissate sotto i banchi”.

Durante il processo di esame dei motivi che ci hanno spinto a chiudere questo capitolo delle nostre vite, ci rendiamo conto di una verità universale: la nostra esperienza non è unica. Molti condividono la nostra lotta, il nostro dolore. Gli amori disfunzionali rappresentano un fenomeno pervasivo nella società contemporanea, e come tale richiedono di essere affrontati con determinazione e risolutezza.

Tuttavia, la consapevolezza di non essere soli nella sofferenza non attenua il peso dell’addio. Al contrario, Mal Comune ci ricorda che ogni dolore è personale e che attraversarlo è un viaggio solitario, anche quando condiviso con altri.

Il brano è un tributo al coraggio di lasciar andare ciò che non ci serve più per fare spazio a nuove possibilità. Mal Comune ci invita a guardare dentro di noi, a confrontarci con la nostra vulnerabilità e a trovare la forza di andare avanti.

DRIMER – ALL OF FAME

Hall of Fame è il nuovo singolo di Drimer e vede come ospite speciale al microfono Inoki. 

Hall of Fame si sviluppa su un beat classico e di impatto prodotto dal giovanissimo Noise Joke su cui scorrono le rime crude e dirette di Drimer e Inoki.

I due rapper, alla loro prima collaborazione ufficiale, nel testo rivendicano fieramente il proprio “essere Hip Hop” nel senso più ampio del termine. Così, tra citazioni, giochi di parole e scambi in rapida successione, Drimer e Inoki firmano quello che può, a tutti gli effetti, essere definito come un moderno manifesto non solo della musica rap, ma di tutta la cultura Hip Hop.

A impreziosire la traccia i puntuali scratch di Dj MS che si alternano a rimandi al rap statunitense e italiano, dal Wu-Tang Clan a Lou X passando per Jay-Z e Primo Brown.

DEM – LE LEGGI DELL’AMORE

Le leggi dell’amore è il nuovo singolo di DEM.

Il brano, che vanta la collaborazione di Marco Venturini in veste di autore e produttore artistico e di Enrico “KIKKO” Palmosi alla produzione, racconta quel sentimento magico, l’amore, visto dal punto di vista di una teenager. Una consapevolezza, la sua, che si basa su un unico denominatore comune: la sincerità da entrambe le parti.

Con Le leggi dell’amore ritrovo una nuova me. Canto un brano pop esprimendo ciò che penso riguardo le regole nell’amore. La prima? Essere sinceri verso il compagno o compagna cosi da rendere la storia d’amore speciale” – racconta Dem.

LUCIA – STROBO

Stroboè il nuovo singolo di Lucia. Il brano della cantautrice siciliana è disponibile dal 10 maggiosu tutti i digital store.

La voce di Lucia abbraccia le sonorità pop – dance ed elettroniche di Strobo per regalare all’ascoltatore un viaggio in atmosfere disco anni Novanta rivisitate in chiave moderna 2.0.

Lucia  in “Strobo”  canta la passione e la disillusione, la voglia di osare e il coraggio di lasciare andare, l’esigenza di entrare in connessione  con l’altro e la dissimulata solitudine in piena festa. Mentre uno stroboscopico mondo notturno balla e si diverte, la protagonista di “Strobo” allontana la lusinga di un altro drink, smette di soffrire per il ghosting della persona con cui ha avuto una storia e torna a scegliere le proprie esigenze.

Mi piace raccontare in musica – dice Lucia-  storie di  ragazze e donne in rinascita. Perché nonostante le tranvate  in faccia che talvolta la vita sentimentale o relazionale può riservarci, noi abbiamo tutto il diritto di non accontentarci, di continuare a sorridere, di leggerezza e di tornare a divertirci e a sentirci libere di scegliere ciò che nel momento presente sentiamo più adeguato al nostro attuale modo d’essere. Smettiamola di versare lacrime per chi fugge in amore o per i subdoli del ghosting. Sono loro ad avere un problema di autostima. Non siamo noi il problema come invece vorrebbero farci credere”.

ANGELO IANNELLI – ELETTRONICA

“In un famoso film di Godard, “Fino all’ultimo respiro”, la protagonista Patricia, citando il libro “Le palme selvagge” di William Faulkner, domanda a Michel cosa sceglierebbe lui tra “il dolore” e “il nulla”. Lui risponde che sceglierebbe il nulla, perché “il dolore è idiota” e rappresenta “un compromesso”: “o tutto o niente”, aggiunge Michel. Da questa scena è scaturita una riflessione interiore che mi accompagna da tanto tempo: forse proprio da qui è nata “Elettronica”, la cui protagonista, tra il dolore e il nulla, sceglierebbe una terza via: sé stessa. E non ci pensa più.» Angelo Iannelli

La riflessione interiore di Angelo Iannelli ha portato alla creazione di Elettronica, un brano che esplora la terza via tra il dolore e il nulla: l’affermazione di sé stessi senza esitazioni, che conduce, inevitabilmente, a “guardare” di meno gli altri; è da qui, infatti, che nasce il grido dell’Io narrante: “Ma ogni tanto guarda pure me”.

Il brano, scritto dallo stesso Iannelli, è stato prodotto dai Fratelli Cosentino, già noti per le loro collaborazioni con artisti come Ariete e Franco 126, e sarà incluso nel suo prossimo album Vicini margini. L’album è previsto in uscita il 24 maggio 2024.

YUNGESTALIEN – NON PUÓ PIOVERE PER SEMPRE

YungestAlien, una delle penne più vivide e incisive dell’Hip-Hop italiano, annuncia l’uscita del suo nuovo singolo Non può piovere per sempre, una traccia che si distingue per l’emotività del suo sound e per il messaggio di speranza che trasmette.

L’artista ha trasformato la musica nel faro guida della sua vita, affermandosi come una delle voci più autentiche e profonde della scena italiana sin dall’età di 13 anni. Le sue release non offrono solo intrattenimento, ma anche una fonte di ispirazione costante.

Non può piovere per sempre rappresenta un capitolo cruciale nella storia personale e professionale del rapper, raccontando di una lotta interiore e della ricerca incessante di una luce in fondo al tunnel. Le sonorità, di matrice old school con influenze blues, avvolgono l’essenza del viaggio di ogni sognatore che, nonostante le difficoltà e le sfide, continua a perseguire i propri obiettivi con determinazione e coraggio.

Con un flow impeccabile che scorre magistralmente su una serie di incastri e punchlines disarmanti, YungestAlien affronta tematiche universali come l’odio, la disperazione e il desiderio di riscatto in maniera autentica, sincera e distante dai cliché.

La sua capacità espressiva, lo rende un vero e proprio portavoce di esperienze vissute: nel verso «In Pozzo di Gotto nessuno sente, gente che si sente la mafia, piange se il figlio non torna più a casa», l’artista mette a nudo il disagio che permea la sua città natale, dipingendola come un ambiente che, invece di nutrire i sogni dei giovani, sembra opprimerli, schiacciarli sotto il peso di una realtà soffocante.

Con la sua lirica incisiva, YungestAlien va oltre la semplice denuncia sociale, trasformando il dolore e la critica in un messaggio universale di risveglio e resistenza. Questo passaggio, carico di emozione e di verità crude, risuona come un appello alla ribellione contro le catene invisibili che legano le aspirazioni individuali, sottolineando l’importanza di lottare per la propria voce in un mondo che troppo spesso cerca di soffocarla.

Al contempo, Non può piovere per sempre offre anche uno sguardo critico e nostalgico al panorama musicale e culturale attuale, riflettendo su un senso di esclusione e desiderio di un ritorno ad una scena più autentica e inclusiva.

«Qui non passano un emergente che non li esce, l’odio cresce, rivoglio i tempi di MTV Spit che a Nuova Scena ne ho visti pochi di MC», suggerisce la difficoltà per gli artisti emergenti di farsi strada nel settore musicale senza avere già alle spalle una certa visibilità o successo.

Questa linea coraggiosa, critica la tendenza dell’industria musicale e dei media a valorizzare solamente chi ha già raggiunto un certo livello di riconoscimento, lasciando poco spazio alla scoperta di nuovi talenti. Tutto questo, riflettere la frustrazione dei giovani talenti nei confronti di un ambiente che sembra sempre più incline a coltivare sentimenti negativi piuttosto che supportare e promuovere la crescita e la diversità artistica.

Il richiamo ai tempi di MTV Spit esprime la forte nostalgia per un periodo in cui la musica ed il rapping erano celebrati in maniera più genuina e aperta. MTV Spit, programma televisivo dedicato alle battaglie di freestyle, simboleggia qui un’era in cui i rapper avevano maggiori opportunità di esibirsi e di farsi conoscere dal grande pubblico.

YungestAlien lamenta che, nella scena musicale attuale, ci siano pochi MC capaci di incarnare lo spirito e il talento visti in passato, suggerendo un impoverimento della qualità e dell’autenticità nell’ambito rap.

Con questo brano, l’artista lancia un duplice messaggio: da un lato, la denuncia di un sistema che sembra ostacolare l’emergere di nuovi talenti; dall’altro, un appello nostalgico ad un ritorno di valori come autenticità, passione e meritocrazia nel mondo del rap e della musica in generale.

Al centro di Non può piovere per sempre vi è comunque una forte speranza: la convinzione che, nonostante a volte tutto sembri remarci contro, esista sempre la possibilità di un riscatto, di una rinascita.

APNEA – AMARA

APNEA, una band nata dall’unione di cinque personalità diverse tra loro, ma con la stessa necessità di esprimere musicalmente il proprio vissuto. Dopo sei anni di collaborazioni, un EP e diversi singoli gli APNEA stupiscono con il nuovo singolo AMARA, disponibile da oggi in tutti i digital store.

Con AMARA, gli APNEA raccontano la storia di un amore forte e allo stesso tempo sofferto, ispirato ad un’esperienza di vissuto personale: la malattia di Mara. “A MARA”, appunto, è una preghiera dedicata a questa relazione nata come amicizia e poi trasformatasi in un legame profondo capace di vincere la morte.

Il testo di AMARA coinvolge e travolge l’ascoltatore dentro una storia d’amore interrotta ma allo stesso tempo infinita. Le parole del brano si riempiono di carica emotiva grazie alle sonorità rock e malinconiche proprie della band.

AMARA, con le sue note nostalgiche, è comunque capace di celebrare la forza dell’amore che supera ogni ostacolo, persino quella della malattia.

SCHIUMA – NON TI SCUSARE (ANNA)

Non ti scusare (Anna) è il nuovo singolo di Schiuma.

La giovane cantautrice indie-pop, dopo Domani sarò un ragno, pubblica un’altra canzone consapevole che si rifà a un vissuto personale.

Schiuma racconta così il tema che ha affrontato nel testo: “Non ti scusare (Anna) racconta la storia di una ragazzina ingenua, appena uscita dall’infanzia, che per la prima volta si rende conto che la sua sessualità non le appartiene davvero perché può avere ripercussioni su ciò che le persone pensano di lei. Anna quindi, a differenza di un “lui” senza nome che non verrà mai chiamato a render conto delle proprie azioni, non è davvero libera. È un brano autobiografico ma in qualche modo universale nel descrivere le esperienze che le persone socializzate come donne si trovano ad affrontare quotidianamente, soprattutto in età pre-adolescenziale e adolescenziale, quando è facile essere giudicat* e non si hanno gli strumenti per affrontare gli insulti, i giudizi e la pressione sociale. Nel ritornello cè un messaggio di conforto, di ascolto, di empatia, un barlume di speranza che vorrei indirizzare a tutte le ragazze che si sono sentite e si sentono giudicate e umiliate per aver vissuto la propria sessualità con gioia e spensieratezza“.

MATTIA FAES – GRAFFITI

Mattia Faes suona come chi dipinge Graffiti: nel nuovo singolo prosegue la ricerca di un pop contaminato da arie folk e jazz, in equilibrio tra stimoli esterni e pulsioni interiori.

Un mondo dove tutti gridano la propria opinione cercando di sovrastare la voce del vicino, è un mondo dominato da punti esclamativi; Mattia Faes è solito metterci il punto di domanda.

Il brano nasce dall’infodemia, disagio dall’eccesso di informazioni, spesso in contrasto fra di loro: una foresta di imprecisioni e falsità. In Graffiti l’artista gratta via strati di slogan usati per anestetizzare il nostro pensiero critico e capisce che la chiave per invertire la rotta è da trovarsi dentro di sé.

Punto saldo nella produzione musicale di Mattia Faes è la coerenza: testo e musica sono allineati per un unico scopo, alimentandosi a vicenda.

La strumentale è fedele all’impronta folk dell’artista, ma accoglie transizioni jazz che traghettano Graffiti verso un baroque pop molto contaminato. Il testo impegnato, profondo e a tratti cupo, va in contrasto con accordi di chitarra aperti e solari, spiazzando l’ascoltatore in più occasioni.

Graffiti ha una pasta diversa dai precedenti singoli di Mattia Faes: più incalzante nella sua composizione ritmica, si lascia ispirare dagli idoli che ne hanno accompagnato la crescita. Nella prima parte del brano, ad esempio, la batteria viene suonata con le dita, mentre in fase di mix basso e batteria suonano lateralmente, come nei pezzi dei Beatles anni ‘60.

GRETEL – VORAGINE

GRETEL con il suo brano Voragineracconta di un vortice di sentimenti che si agitano dentro di noi, fluttuando e oscillando nel nostro essere.

Queste emozioni contrastanti creano confusione, poiché sono ambivalenti e spesso trascurate, quasi “tiepide”.

Tuttavia, arriva un momento in cui questi sentimenti esplodono e il nostro cuore si apre come una voragine, portando con sé un’onda di entusiasmo travolgente.

La melodia del brano inizia con un ritmo lento e pacato, quasi piatto, per poi trasformarsi progressivamente in una ballad che prende vita figurativamente, riflettendo il fluire dinamico delle emozioni descritte.

YESTERDAY WILL BE GREAT – (OTHER) POINTS OF YOU

Il trio Yesterday Will Be Great, noto anche con l’acronimo YWBG, marchia il proprio 2024 con la pubblicazione del nuovo singolo (Other) Points Of You.

Dopo il primo album The Weather Is Fantastic del 2022, per una svolta del tutto strumentale immortalata con la supervisione di Nicola Manzan (Bologna Violenta, Ronin), (Other) Points Of Youfa da ponte tra il passato e il futuro della band romagnola, che spiega: “(Other) Points Of You è (ri)nato dall’esigenza di dare forma completa e definitiva al brano di apertura, Points, del nostro ultimo album The Weather Is Fantastic. Il brano ha iniziato a prendere forma all’epoca, durante le session di registrazione, ed è stato inserito nell’album in forma di intro, con l’idea di svilupparlo successivamente”.

Un sound tra post-rockepsichedelia, krautrock e shoegaze, capace di esprimere grande potenza in sottrazione minimalista.

“L’ossessività mantrica delle sei corde rappresenta i punti di vista, al contempo deboli e forti, che costituiscono la personalità e dunque l’unicità di ciascuno di noi”.

JORDAN RAKEI – TRUST

Jordan Rakei pubblica il suo nuovo album in studio The Loop e sarà supportato da un grande tour che toccherà Regno Unito ed Europa culminando in due spettacoli alla Royal Albert Hall di Londra.

In occasione dell’uscita dell’album, Jordan lancia anche il singolo Trust, una traccia giocosa ispirata allo spirito spensierato degli anni ’70, concentrandosi su elementi minimali groove e un’atmosfera divertente. “Si tratta di credere di nuovo in se stessi e di affrontare la vita con fiducia”.

The Loop è il quinto album di Jordan, probabilmente il più personale. Questo lavoro segna un nuovo capitolo della sua carriera che coincide con una serie di profondi cambiamenti anche nella vita personale.

Si tratta di un disco straordinario, non da ultimo per la sua pura e semplice ambizione. Insieme al suo stile di produzione tipicamente audace, ci sono arrangiamenti orchestrali spettacolari e cori ammalianti, ritmi ipnotici e una narrazione fluida che traccia una rotta attraverso un’epoca di oscurità e speranza.

È pronto a uscire dal personaggio del “produttore misterioso” per condividere la sua personalità, i suoi interessi e a entrare direttamente in contatto con il suo pubblico. The Loop esplora temi importanti come il ciclo della vita, la fedeltà a se stessi, il bambino interiore, il legame con la natura, l’innamoramento e la riflessione.

MIRIAM – ALMENO DI NOTTE

Miriam, con la sua voce fresca e coinvolgente, cattura l’essenza dell’estate e invita gli ascoltatori a ballare a piedi scalzi sopra l’asfalto bollente conAlmeno di notte.

Il nuovo singolo della cantautrice romana, con le sue sonorità indie pop elettroniche, unisce freschezza estiva e un tocco di reggaeton. Le percussioni latine, sottilmente alluse nel brano, aggiungono un elemento di sorpresa e familiarità, creando un paesaggio sonoro unico.

Questo nuovo singolo rappresenta un momento di passione e vitalità, proprio come la Gen Z insegna ogni giorno.

BEBA – 1 2 3

BEBA torna al suo lato rap più crudo e sfrontato pubblicando il nuovo brano 1 2 3

Il pezzo è un dissing in tutto per tutto ed è l’espressione pura dell’animo rap di BEBA. Dopo la fine di una relazione che è sempre stata di natura pubblica, l’artista si toglie qualche sassolino dalla scarpa e lo fa nel modo che conosce meglio, con barre e rime taglienti e fortemente ironiche.

“Avevo un po’ di cose da dire e qualche peso da scrollarmi di dosso. Un po’ di verità da raccontare – afferma la rapper torinese – I social sono un’illusione e c’è chi ci si nasconde portando una maschera, ma tolta quella non rimane nient’altro.“

A poche settimane dalla pubblicazione di Mood blu, brano più introspettivo che esplorava il tema dell’ansia, BEBA torna senza filtri con una traccia sfacciata e irriverente, dimostrando ancora una volta di essere un’artista a tutto tondo, capace di esplorare temi diversi, restando però sempre credibile e fedele a sé stessa.

1 2 3 aggiunge dunque un nuovo tassello al ritorno musicale di BEBA, che è pronta a riprendersi il proprio posto nella scena hip hop italiana, di cui è stata protagonista, dimostrando di volersi evolvere come mai fatto prima.

HELMI SA7BI – MOTARD

L’artista italo tunisino HELMI SA7BI è pronto a tornare con il nuovo singolo MOTARD.

Prodotto da Willy, MOTARD è un banger dal sound marsigliese e dalla cassa dritta irresistibile:  il mix di sonorità e liriche che fondono la seconda generazione e il background Drilliguria continuano a essere il tratto distintivo della musica di Helmi sa7bi.

KAMAAK – SLOTH DANCE IN SEOUL

Il duo KamAak, composto da Stella Manfredi e Luigi Castiello, torna e svela un nuovo inedito: Sloth Dance in Seoulanticipa l’uscita dell’album prevista per inizio giugno.

Dopo una serie di concept release pubblicati negli ultimi due anni, il duo si lancia in una nuova avventura musicale che promette di catturare l’attenzione degli ascoltatori per originalità.

Abbandonate le atmosfere neo-classiche di stampo elettro-acustico, che li ha contraddistinti in passato, KamAak abbraccia un nuovo suono: un tocco fresco e innovativo che aggiunge un’inedita dimensione sonora alla loro creatività che si rifà al circuito clubbing.

Slot Dance in Seoul è il primo estratto dall’attesissimo album Seven on Seven + 1, un album che sarà un viaggio attraverso i sette peccati capitali reinterpretati da KamAak e contestualizzati nel mondo contemporaneo.
Questo singolo si concentra sull’accidia e si trasforma in un’opera d’arte contemporanea da interpretare. Con influenze che richiamano le melodiose sonorità del funk degli anni settanta, arricchite dalla distintiva presenza del violino, il brano promette di trasportare gli ascoltatori in un’esperienza unica.

Attraverso audaci sperimentazioni e una visione innovativa della musica da club, KamAak si pone all’avanguardia nel panorama musicale contemporaneo, offrendo un’esperienza d’ascolto che promette di sorprendere e affascinare il pubblico di tutto il mondo.

COMPLESSO DEL BRODO – SAUDADISÌO

Questo brano ci accoglie a Widecreek con la sua fusione di bossa nova e rock, creando un’atmosfera unica e coinvolgente.
La sua melodia ci fa sentire nostalgici di un eden perduto, ma allo stesso tempo ci spinge a desiderare di riviverlo in futuro. Tuttavia, l’eden non è solo un luogo idilliaco; richiama anche una qualche inevitabile violenza traumatica, simboleggiata da un “serpente” o un inganno.
È chi riesce ad interiorizzare e consapevolizzare questa “caduta” che può ri-tornare alla propria origine e ri-cercare il paradiso dove esso è più dolce e straziante: dentro ogni persona a noi prossima.

GIULIA MEI – H&M

GIULIA MEI ha presentato, il 29 marzo, il suo nuovo singolo, H&M, in radio e su tutte le piattaforme digitali.

Dopo il notevole riscontro di critica sul singolo Bandiera pubblicato lo scorso novembre, Giulia Mei ritorna con H&M un’intensa ballad che racconta così:

Per quanto possa sembrare assurdo, oggi sento il bisogno anche di una sincera disillusione, di guardare le cose con un filtro più scuro e di guardarle in faccia, di avere il terrore e al tempo stesso una la voglia matta di fallire nella società dei numeri uno, di riconoscere che anche la tristezza è vita vera, e io voglio passarci attraverso.

Qualsiasi cosa significhi fallire oggi poi se, ricchi o poveri, siamo un po’ tutti figli della noia, se il benessere ha le occhiaie, se la povertá è glitterata, se la ricchezza è già stata confiscata a monte, se l’omologazione è più forte dell’autodeterminazione, se in quel negozietto di abbigliamento accanto ad H&M alla fine non ci entriamo mai.

KID GAMMA – IL PRIMO GIORNO

Il primo giorno è la nuova canzone del giovane cantautore palermitano Kid Gamma, una promessa, ma già un’icona per via del suo stile, della musica pop siciliana.

Un artista polivalente in grado di andare incontro ai gusti musicali del momento, infatti la musica di Kid Gamma rientra non solo nei canoni del pop in generale ma anche in quelli della nuova scena urban.

Il nuovo singolo è una bella dedica all’amore, con uno sguardo interessante anche verso le attenzioni minime che in una coppia fanno la differenza, trovandosi in un ambiente circostante che già di per sé è duro e complicato, come afferma l’artista in uno dei suoi versi “in ‘sto mondo artificiale”.

LOWAVE E STEVA – FESTA

Se innamorarsi a una festa in una calda sera d’estate fosse una canzone, sarebbe sicuramente FESTA, l’ultimo singolo di LOWAVE STEVA.

La prima collaborazione tra i due artisti emergenti fa rivivere a chi l’ascolta le emozioni che tutti abbiamo vissuto almeno una volta, l’amore a prima vista a una festa.

L’incertezza, il desiderio e la felicità di quei momenti, cristallizzati su una base prodotta da LOWAVE e ADMA, dalle vibes estive e nostalgiche.

L’ukulele (suonato da LOWAVE) è lo strumento principale che dà vita a questa base, sulla quale poi i due cantanti hanno espresso tramite un flusso di coscienza e una struttura del testo poco convenzionale ma molto efficace, tutte le emozioni e le sensazioni legate a un amore sfuggente in un momento di festa.

DUTTY BEAGLE – LA VENTANA

Torna sulla scena Dutty Beagle e lo fa con il brano La Ventana.
Nette ed evidenti sono le influenze folk world del musicista cilentano. Questo brano, però, segna un cambio di passo nella sua produzione musicale.
Nei lavori precedenti (Repubblica delle Cucozz del 2015 e La campagna del rumore del 2018) il reggae la faceva da padrone.
Emblema evidente di questo sound il singolo Cilentoland, che ha fatto da sfondo alla puntata di 4 Ristoranti di Alessandro Borghese ambientata proprio nel Cilento.

La Ventana, un ritorno al cantautorato folk, segna l’unione tra il Cilento (sua terra natia) con i Sud del Mondo, miscelando il tutto con il folklore andaluso e le percussioni afro-cubane.

“Per la realizzazione de La Ventana mi sono affidato al chitarrista Pantaleo Rizzo e al percussionista Antonio De Leo. Le loro influenze hanno colorato il brano di sonorità flamenco-andaluse e afro-cubane. Mi piace conoscere i popoli, studiarne i costumi, la musica, la storia. Così mi capita di ascoltare cose diverse, ed esserne conseguentemente influenzato, cambiando anche modo di approcciarmi alla musica e di scrivere”.

L’Andalusia e le sue sonorità rappresentano solo una tappa di questo viaggio musicale, una nota felice di un pentagramma in divenire arricchito dalla presenza dei due musicisti che da due anni si sono uniti, anima e corpo, al fianco di Dutty Beagle.

LODEM – COLLOQUIO COL NARCISO

Dal 10 maggio in radio Colloquio col Narciso il nuovo singolo di Lodem scritto con Mattia Zuliani che ha curato anche arrangiamenti e produzione.

Colloquio col Narciso poggia su un cliché relazionale ma visto in una chiave diversa. Solitamente la vittima, una volta staccatasi dal Narciso, sviluppa repulsione o indifferenza, in questo caso i sentimenti descritti nel testo, sono tenerezza e accudimento. La vittima è divenuta cacciatore della tigre che un tempo giocava con lui come fosse il topo, ma vedendola senza artigli e denti per ghermirlo, nutre verso di lei una sorta di istinto a tratti genitoriale. Ho scelto di scrivere ed interpretare questo brano perché – afferma Lodem –  per esperienza di vita, ho notato che buona parte dei rapporti poggiano su una parte che ama e un’altra che è amata. Questa leva non perfettamente equilibrata porta allo sviluppo di relazioni tossiche che inevitabilmente tramutano in vibrazioni ed emozioni negative. Credo però che un amore, per quanto doloroso, non meriti di culminare nell’odio o nell’indifferenza, ma meriti di evolvere in un bene, anche fraterno, per qualcuno o qualcosa che ci ha fatto provare il più potente dei sentimenti. Per amore si vive, per amore si muore, e pulsioni così estreme non meritano di scadere nell’indifferenza”.

BIONDO FEAT. DIDI – PICCOLEZZE

Piccolezzeè il titolo del nuovo singolo di Biondo con la partecipazione dell’artista Didi.

La canzone dà voce ai sentimenti dell’artista che comprende l’importanza di ogni singolo istante, in quanto ogni momento è unico ed irripetibile.

Spesso quando si è giovani si insegue costantemente il desiderio di crescere e di diventare improvvisamente grandi. Questo però porta a non godere a pieno delle emozioni del presente che hanno un valore inestimabile.

La prospettiva del giovane artista riflette perfettamente le tendenze e le sensazioni delle nuove generazioni. Le sonorità trap e rap della canzone raccontano questi sentimenti in una chiave rinnovata, pur raccontando tematiche ricorrenti nei giovani di ogni epoca.

La collaborazione con l’artista Didi ripresenta nuovamente questa prospettiva e condivide con Biondo le stesse riflessioni. Ogni ricordo riaffiora e con lui la sensazione di fugacità di quell’inestimabile istante. Le piccole cose che si vivono giorno per giorno sono solo quindi delle “piccolezze”?

DON PERO – ODISSEA

ODISSEAè il nuovo singolo firmato DON PERO che segna il ritorno dell’artista su tutte le piattaforme.

Annunciato sui social dell’artista, ODISSEA battezza per DON PERO la prima collaborazione con uno dei migliori producer in circolazione, Michelangelo.

“Ho mandato un messaggio di scuse, che tipo sembra l’Odissea”: proprio come l’epico racconto che dà il titolo al brano, le rime di DON PERO corrono veloci lungo i fili di una storia che volge ormai alla fine. Una lotta eterna quella di ODISSEA tra la ragione che disfa ogni cosa e la forza dei sentimenti, che rimangono certezze nel destino fatale in cui si fatica a trovare un colpevole.

Una fine osservata solo da lontano, in silenzio e in punta di piedi, che parte da una linea di pianoforte e che progressivamente sboccia nelle melodie del brano, entrando nel cuore di una storia sul tappeto sonoro firmato da Michelangelo, su cui si incastonano a perfezione le strofe dell’artista.

Il talento di DON PERO è ormai innegabile e l’artista siciliano di sangue dominicano lo dimostra nella sua unicità artistica, condensata nella vita lenta della Sicilia nell’apprezzato progetto d’esordio pubblicato lo scorso dicembre, MEZZA PAROLA, con all’interno le collaborazioni di due grandi nomi della nuova generazione delll’urban italiano, Kid Yugi Tony Boy.

3TR3 – ELICOTTERI IN ARIA

Il giovane rapper palermitano 3tr3 torna nella scena rap siciliana dopo una lunga assenza. Un periodo durante il quale l’artista ha rivisto il suo stile musicale a tutto tondo, riflettendo su come esprimere al meglio se stesso attraverso la musica. Dunque, il ritorno di 3tr3 nella musica con il nuovo singolo Elicotteri in Aria, rappresenta sia un punto di arrivo, per la sua pausa di riflessione artistica, sia un punto di partenza da dove prende avvio la nuova fase della sua carriera.

Un brano dallo stampo molto crudo e con un beat pervasivo, uno stile che caratterizza la nuova “versione” dell’artista siciliano e che parla della periferia dove anche il giovane rapper è cresciuto.

Il richiamo agli “Elicotteri” è dovuto alle attività illecite che caratterizzano alcune zone periferiche delle città italiane, così come accade a Palermo del resto.

3tr3 era il rapper che mancava effettivamente alla scena rap siciliana e che, senza troppi giri di parole, con la nuova uscita va a collocarsi fra i giovani artisti più promettenti in circolazione.

TOMMASO DI GIULIO – ANCHE BASTA

Tommaso Di Giulio, cantautore romano torna con Anche Basta.

Il brano racconta la difficoltà nel porre fine a una relazione tossica nonostante la consapevolezza di quanto piano piano ci stia distruggendo.

Tommaso Di Giulio, che ha realizzato collaborazioni di spicco nella sua carriera come Max Gazzè, dipinge un rapporto impari di cui il protagonista è conscio. Ogni proposito di rivalsa sembra trasformarsi in una ritirata balbuziente ma un finale aperto accende una piccola scintilla di speranza.

Anche Basta è una canzone ballabile, animata da un ritmo funk-soul, sospinta da un’orchestrazione di fiati che esprime solarità giocando in contrasto con la malinconia del testo. Il risultato è una lotta continua tra frustrazione e voglia di cambiare. Alla fine però si rimane con il quesito su chi l’avrà vinta.

Sulla canzone afferma: “Anche basta è uno sfogo, un lamento, un’epifania. E’ una di quelle prese di coscienza che non si è certi di voler portare fino in fondo. In che si traduce? In una fotografia di un dolceamaro stallo alla messicana, una canzone scritta quando me la prendevo più con me stesso che con la persona che mi stava vampirizzando l’esistenza. Perché se sto male non mi tiro fuori da questo loop malsano? E’ una domanda che almeno una volta nella vita ci siamo fatti tutti…

Siccome i contrasti e le contraddizioni sono tra le cose che mi interessano di più in musica e nella quotidianità anche questa canzone mette insieme ingredienti che generalmente reagiscono come quando si mescolano l’olio e l’acqua. Però, hai visto mai, alcuni esperimenti danno risultati sorprendenti”.

VV – VITA LENTA

vita lenta è il nuovo singolo di VV.

Il brano è un inno alla contemplazione e al sapersi prendere del tempo per se stessi e per gli altri, un invito a rallentare il passo in un mondo frenetico.

VV offre una prospettiva sul significato di una vita che non è definita dalla velocità con cui si affrontano le sfide, ma piuttosto dalla profondità con cui si apprezzano i momenti e le persone che incrociano il nostro cammino.

L’arrangiamento e la sonorità essenziali di vita lenta tessono una melodia confortante, come un caldo abbraccio.

“Questa canzone è una riflessione sul concetto di vita che vorrei e di come la vorrei. Volere una “vita lenta” non significa lavorare poco, essere pigri o non pensare a realizzare i propri obiettivi, ma prendere la vita in modo diverso, lasciando da parte ciò che solitamente arriva a dominare i pensieri, per concentrarsi sul godere di ogni azione, momento e soprattutto di ogni persona.”

In un’epoca in cui ogni istante sembra scorrere veloce come un fiume in piena, vita lenta ci invita a fare una pausa, a respirare profondamente e a cogliere la bellezza nascosta nei dettagli della quotidianità.

MARTINA ATTILI – MALINCONIA

Malinconia è il nuovo singolo di Martina Attili.

Malinconia parla di una relazione non vissuta, la tipica situationship in cui entrambe le parti sono consapevoli del fatto che qualcosa c’è, anche se nulla di concreto, e nessuno dei due fa il primo passo.

La mancanza di chiarezza, l’idealizzazione dell’altra persona, i dubbi irrisolti che ne scaturiscono culminano in una serie di domande senza risposta, in un susseguirsi di “e se io” ed “e se tu”, spesso più dolorosi della fine di una vera relazione. L’interpretazione toccante di Martina Attili, con la sua voce espressiva inconfondibile accompagnata dal pianoforte e da un arrangiamento essenziale ma completo, donano al ritorno dell’artista una grande profondità emotiva.

“Ho scritto Malinconia qualche mese fa. Sapevo che tra me e l’altra persona c’era qualcosa ma non ho mai capito fino in fondo cosa fosse. Pubblicare questo brano è il mio modo per riprendere da dove ho lasciato.”

SAYLAR – ALGORITMO

Dall’attenta analisi delle relazioni personali alla creazione di una traccia che sfida le norme sociali, diventando un vero e proprio atto di resistenza alle convenzioni, Algoritmodi SayLar si fa spazio nella scena italiana raccontando, in un hardcore rap serratissimo, il conflitto interiore e la ricerca di autonomia emotiva nell’era digitale.

Con un debutto che non passa inosservato, SayLar fa il suo ingresso nel panorama Hip Hop del Belpaese come un vero interprete dei tempi moderni: Algoritmo, primo estratto dell’EP Resortdi prossima uscita, è una fusione di barre, incastri e punchlines che si prendono per mano e viaggiano nell’Io più profondo dell’artista, in un percorso di liberazione dalle catene delle aspettative altrui che, oggi più che mai, gravano su ogni singola scelta che decidiamo di intraprendere.

SayLar descrive il brano come una reazione viscerale alle pressioni esterne, una rivelazione del desiderio di gestire gli eventi in maniera indipendente, senza lasciarsi sopraffare da imposizioni mascherate da norme:

”Algoritmo nasce all’inizio di gennaio come una risposta istintiva alle situazioni che la vita mi pone davanti. Questo pezzo riflette il desiderio del mio Io più autentico di affrontare gli eventi senza subire passivamente le costrizioni della realtà quotidiana. L’ho scritto in maniera spontanea, basandomi su esperienze vissute ed errori passati: funge un po’ da catalizzatore per attivare in me la reazione appropriata a ciò che mi circonda, piacevole o meno”.

MACABORO – MISERABILE

MISERABILE è un banger senza compromessi che illustra ciò che passa per la testa di un artista: l’autoanalisi, la fame e il rigetto delle dinamiche dell’industria musicale in cui è immerso.

La strumentale, sempre prodotta da Macaboro, è un’imponente e aggressiva produzione da club con i tipici tratti del producer/rapper. Le barre sono schiette e taglienti.

Queste due cose compongono un brano coeso che esclama alla perfezione i concetti sopracitati nel tentativo di mostrare alla scena e al pubblico quanto Macaboro vale, cosa vuole e a quali termini.

GUIDO ELLE – MICROCOSMO

Ritrovarsi coinvolti nel vortice del nulla, concentrarsi sul superfluo e dimenticarsi di un mondo incandescente dove la medaglia dell’umanità ha due facce sempre più lontane. La percezione dell’essenziale si dissolve, e quel che resta è la miope visione di un microcosmo.

Microcosmoè il nuovo brano di Guido Elle.

Il cantautore romano torna con una nuova canzone che anticipa Duepuntozero, il secondo album di inediti in uscita in autunno.

Un brano dal carattere decisamente rock dove le taglienti chitarre elettriche, il basso distorto ed una incalzante ritmica del ritornello si contaminano con le programmazioni elettroniche, più proprie del pop, che vengono scortate da una voce grintosa, capace di far pascolare tra le note una riflessione densa e coinvolgente, a tratti ironica, con cui Guido Elle pone l’accento sulla diversa percezione della vitA:

“la fortuna di vivere nella parte del mondo dove c’è ancora la possibilità di essere ed esprimere liberamente se stessi non deve farci dimenticare che poco al di là dei nostri orizzonti sono in corso drammi umanitari di cui non si ha memoria. Ho scritto questa canzone -continua Guido Elle- per ricordarmi di ricalibrare la valutazione di quanto ci accade e che vale la pena incazzarsi solo per qualcosa di davvero importante”.

SEQUOIA FEAT. MAURO ERMANNO GIOVANARDI (LA CRUS) – LA TERRA SANTA

La Terra Santa è il nuovo singolo dei SEQUOIA feat. Mauro Ermanno GIovanardi (La Crus).
In La Terra Santa, i SEQUOIA e Mauro Ermanno Giovanardi (La Crus) intrecciano musica e parole per esplorare il labirinto della mente e dell’anima, riflettendo sulla poesia omonima della grande poetessa Alda Merini. Il brano dipinge il paesaggio doloroso e tumultuoso della malattia mentale, rivelando i contrasti struggenti tra luci e ombre, speranza e disperazione.
Il viaggio verso la Terra Santa diventa un destino imposto dall’esterno, un cammino di sofferenza celato dietro il velo di redenzione. Le parole rivelano una normalità forzata, un’odissea fisica e mentale che pesa sulle spalle come un macigno.
In questo lamento si intrecciano i fili della prigionia, della disillusione e della resistenza, mentre la Terra Santa si rivela come una meta irraggiungibile, un miraggio che non lenisce il dolore. La voce si alza, trascinando l’ascoltatore nel vortice di una realtà distorta, dove la normalità è un’illusione e la sofferenza una compagnia costante.
EDOARDO BROGI – MAGARI SUBITO

Il cantautore toscano Edoardo Brogi, dopo la recente partecipazione ad XFactor torna con il singolo MAGARI SUBITO, brano dalla forte carica emotiva che si muove su un sound pop, fresco ed emozionale.

Il brano evidenzia l’importanza di cogliere l’attimo e di vivere appieno il presente, senza rimpianti per il passato o paure per il futuro.

L’amore rappresenta un’ancora di salvezza in un mondo popolato da miliardi di persone, ma in cui solo una è in grado di colmare quel vuoto emotivo.

La canzone sottolinea l’importanza di essere compresi profondamente da qualcuno e il valore di cogliere l’attimo nell’amore e nella vita.

BASTA – BASTA SESSION N°3

BASTA, il nuovo progetto di session musicali, video format ed eventi, pubblica il nuovo singolo BASTA SESSION N°3 con la partecipazione di Verano, Goedi, Silent Bob, Altea, Alessio Dal Checco e Martina Campi (sezione fiati Il Mago del Gelato). Sempre mercoledì 8 maggio sarà disponibile su Youtube anche il video del making of del brano.

Dopo l’uscita del primo singolo BASTA SESSION N°1 che ha visto la partecipazione di Colombre, Disse, Ele A, Ensi e Veezo, la pubblicazione dei tre remix del brano firmati Bassi Maestro, Crookers, Lvnar e la BASTA SESSION N°2 con Khaled Levi, Goedi, Drone 126, Johnny Marsiglia, Laila Al Habash e Bruno Belissimo e i tre remix di Plastica, White Mary e Sick Budd, il progetto torna una terza release inedita e originale.

Il brano è caratterizzato da un sound elegante e particolare con drum e sample dal sapore soul. Le produzioni, curate da Goedi, accompagnano le voci di Silent Bob e Altea dei Thru Collected che si uniscono perfettamente, rendendo il singolo unico e armonioso.

La traccia è impreziosita dalla sezione fiati de Il Mago del Gelato con Alessio Del Checco al sassofono e Martina Campi al trombone impreziosendo il pezzo. Il collante di tutto è Verano con i suoi accordi di rhodes e riff di basso iconici.

STEFANO ATTUARIO – ARCOBALENI IN BIANCO E NERO

Stefano Attuario torna con il suo stile rock e graffiante con il nuovo singolo Arcobaleni in bianco e nero.

Il brano parla delle riflessioni dell’artista sulla vita e le convenzioni sociali di cui spesso si diventa prigionieri. L’unica soluzione sembra essere aggrapparsi a “cortesi bugie”. Questa condizione di alienazione rende impassibili perfino davanti ad arcobaleni in bianco e nero.

Il climax del brano diventa sempre più intenso fino a quando l’artista invita a fingere di “saper godere”.

Il testo del brano e le sue sonorità struggenti rendono l’esperienza di ascolto un incredibile viaggio attraverso l’animo umano e le sue diverse riflessioni. Dalla chitarra sofferente escono note di incredibile forza e potenza che si uniscono a parole di cruda verità.

LUPOFIUMELEGGENDA – ANCHE X ME

ANCHE X MEè il primo singolo del 2024 del nuovo progetto di LupoFiumeLeggenda.

Si tratta di un brano pop dal sapore nostalgico, la cui ispirazione nasce dall’ascolto dell’album Ciaodi Lucio Dalla. Il brano invita a lasciarsi andare a prospettive nuove più in sintonia con sé stessi, e lo fa con la leggerezza tipica del pop, quella che poi costringe a cantare a memoria il ritornello.

Dopo sei mesi di pausa l’ambizione di Lupofiumeleggenda è di tornare con un brano primaverile da godersi in auto con il sorriso in faccia e il vento tra i capelli.

“Non mi fare male
Ci baciamo e poi cadiamo dalle scale
C’è la notte che c’ha voglia di parlare
Io c’ho voglia di arrivare fino al sole”

NOOR – ASTRONAVE

NOOR, la giovanissima cantautrice che ha vinto Area Sanremo 2022 e ha partecipato alla serata finale di Sanremo Giovani con il brano Tua Amelie  torna con il singolo ASTRONAVEgià disponibile in digitale.

ASTRONAVE è un cortometraggio più che una canzone, il ritratto notturno di una ragazza giovanissima, ma decisa a trasformare tutto quello che è possibile immaginare in possibile e basta.

Tra le righe delle proprie debolezze impara a leggere altro, impara a leggere l’altro e capisce che proprio là sono i punti di forza, di una persona o di una relazione, chissà.

“Astronave” è una tappa importante nel percorso di maturazione di Noor, come artista e come essere umano, sempre più onesta con se stessa e con chi sceglie di ascoltarla.

GIANMARIA – ESTATE DISPERATA

gIANMARIA torna con nuova musica e lo fa con Estate disperata, il nuovo singolo.

Il brano, prodotto da Antonio Filippelli e Gianmarco Manilardi, è un anti-tormentone estivo dal sapore malinconico che prosegue la ricerca sonora dell’artista sempre in bilico tra rock, cantautortato e sonorità urban.

La canzone segna un’ulteriore step nel percorso artistico di gIANAMRIA che è attualmente impegnato in studio nella scrittura del suo prossimo progetto discografico.

“Estate Disperata è probabilmente il brano più leggero che abbia mai scritto. – Racconta gIANMARIA – Nel testo del brano ho cercato di offrire delle immagini ben chiare di alcuni momenti importanti tra i miei 14 e 18 anni.  Le mie estati da adolescente le ho vissute così, in modo leggero e sempre in viaggio, pur rimanendo emotivo, a volte malinconico. Questo brano racchiude esattamente questo: le mie estati passate”.

BOLO – ANNEGO

L’ultimo lavoro di Bolo, Annego, è un brano intenso e personale che esplora le profondità di un rapporto complesso, navigando attraverso le tempeste di paure, amore, insicurezze, complicità e lacrime. La canzone promette di essere un viaggio emotivo, un inno per chiunque si sia mai sentito sopraffatto dalle onde turbolente delle relazioni umane.
Con Annego, Bolo continua a stabilire la sua presenza nell’industria musicale, dimostrando il suo impegno a creare musica che risuona con verità e passione.

DFWU – QUELLO CHE MI RESTA

Quello che mi resta, il nuovo singolo dei DFWU.
Orientarsi è sempre difficile, ma a volte si può trovare la strada giusta anche in un complesso groviglio di sensazioni: questa la meta verso cui punta il nuovo singolo dei Don’t Fuck With Us, Quello che mi resta.
In un brano rap che unisce una scrittura complessa a suggestioni R&B e jazz, la penna e i suoni si mescolano alla perfezione creando un connubio carico di emotività in cui perdersi.
In un vero e proprio flusso di coscienza, le immagini suggerite dal testo scorrono come osservate da una finestra, laddove ogni cosa osservata dall’alto diventa parte di un sistema intricato e difficile da comprendere.
Una canzone che “cattura l’essenza dell’auto-riflessione e della crescita personale attraverso versi intensi e introspettivi”.

VERONICA – JUST 2 BE

Torna la cantautrice romana con la sua nuova canzone Just 2 Be di cui ha scritto musica e testi.

Il brano segna il ritorno alla lingua inglese e alle atmosfere soul/blues, già sperimentate nel suo primo inedito Broken Silence.

La scelta “inusuale” non è dettata da nessuno “snobismo” per il pop, ma da una semplice e personalissima inclinazione creativa. Infatti, il genere musicale scelto è tra quelli da sempre coltivati da Veronica, sia come appassionata ascoltatrice, sia come cantante durante la sua lunga attività live.

Il brano è una ballade romantica, arrangiata con raffinatezza ed eleganza da Aldo Martino, Gianfranco Bonavolontà e Alessandro Bastianelli, arricchito dal magico sax di Gabriele Pistilli.

OSSIDO MASTER FEAT. DAVIDE DE MARINIS & MARTA BRANDO – JIMMY CHOO

il nuovo inedito di Ossido Master Jimmy Choofeat. Davide De Marinis & Marta Brando è una canzone d’amore un po’ sbarazzina.

Questa è Jimmy Choo, niente di veramente profondo ma che serve ad esaltare la donna, raccontandone tutti i pregi ed anche i difetti di una tipica coppia, dove uno dei due partner é più geloso dell’altro e questo crea conflitti banali.

La prima parte, a cura di Davide De Marinis é una poesia dedicata alla sua amata. La seconda invece, descrive i problemi di coppia in maniera scherzosa.

Ho scritto questo brano, immaginando di innamorarmi di una donna asiatica, incontrandoci per caso in un viaggio – afferma Ossido –  proviamo a stare insieme ma avendo due culture diverse, si presentano problemi di incomprensione che fanno scaturire le prime gelosie.