Promossi e bocciati nelle vendite del 2018

Un anno di magra per la musica italiana dove spicca la mancanza di big e donne

Il 2018 si è chiuso in netta risalita nelle vendite rispetto al precedente 2017 complice anche, e soprattutto, l’introduzione dello streaming legale nelle classifiche ufficiali stilate settimanalmente da FIMI. Nota dolente, nell’arco del’annata, è stato stranamente il Festival di Sanremo che s’è mostrato incapace, questa volta, di lanciare e ri-lanciare più di qualche carriera e progetto ad esclusione della scommessa di Ultimo. Mancan, però, i big del pop che in classifica continuano a faticare assai e nemmeno Laura Pausini riesce ad andare oltre al terzo posto tra i dischi più venduti pur contando in un anno letteralmente dominato in quanto a promozione ed una riedizione natalizia che ha dato nuova linfa al disco. Comanda, oramai, quasi e soltanto il rap e la trap…

Analizziamo, dunque, alcuni risultati dell’ultima stagione discografica distinguendo tra promossi, bocciati e gli immancabili rimandati alla prossima stagione.

I PROMOSSI:

LE CONFERME

  • ThegiornalistiThegiornalisti. Ce lo si poteva aspettare senza troppi dubbi un tale successo dei Thegiornalisti dopo che nel 2017 avevano davvero conquistato la rotazione radiofonica ed i gusti del mainstream con un paio di hit davvero azzeccatissime. Questa volta hanno fatto le cose in grande e l’album Love (qui la nostra recensione) risulta essere il 20° disco più venduto dell’anno trascinando anche il precedente Completamente SoldOut che rimane alla piazza numero 83. Tra i singoli la scena è tutta per vere e proprie hit come Questa nostra stupida canzone d’amore (16°) e Felicità puttana (17°).
  • Salmo. Nell’anno in cui il rap ed il trap la fanno da padrone nelle scene discografiche italiane quello di Salmo è un nome che non sbuca di certo dall’oggi ma che da anni costruisce il proprio percorso artistico a prescindere dalle mode. Il suo Playlist in pochissime settimane è risultato essere il 4° album più venduto dell’anno e Hellvisback resiste alla posizione numero 73. Tra i singoli sono ben 3 i pezzi in classifica: 90min (posizione 42), Il cielo nella stanza (posizione 66) e Perdonami (posizione 77).

LE NOVITA’

  • Ultimo. Una delle due scommesse vinte dal primo Festival guidato da Claudio Baglioni. L’altra è Annalisa. Lui, però, ci mette del suo sfoderando una canzone dietro l’altra che puntualmente si conferma essere un successo di volta in volta. Il suo album Peter Pan (qui la nostra recensione) è il 7° più venduto dell’anno trascinando anche il bellissimo predecessore, Pianeti (qui la recensione) alla piazza numero 41. Tra i singoli è un dominio assoluto con Il ballo delle incertezze alla posizione numero 29 e titolo di brano sanremese più venduto dell’anno. Ci sono poi anche Poesia senza veli (53°), Pianeti (71°) e Cascare nei tuoi occhi (72°).
  • MåneskinManeskin. I talent potrebbero essere riusciti a scovare dei nuovi talenti capaci di durare davvero nel tempo e ai vertici delle classifiche. Damiano e compagni ne hanno davvero tutte le possibilità. Il loro album di debutto, Il ballo della vita, in pochi mesi è risultato essere il 5° disco più venduto dell’anno mentre, invece, l’EP post-XFactorChosen, è arrivato al 24° posto. Tra i singoli ci sono i tormentoni di Torna a casa (11°), Morirò da re (18°) e di Chosen (78°).

I RILANCIATI

  • Annalisa 2018Annalisa. La bella e brava Nali pare aver finalmente trovato la sua dimensione e questo 2018 è stato il suo vero anno dopo tanto, troppo tempo passato a non riuscire a convincere appieno il grande pubblico malgrado una grandissima dote vocale. Il compromesso è l’adozione di un repertorio più contemporaneo ed attuale che porta il suo album Bye bye (qui la nostra recensione) al disco d’oro e ad occupare la posizione numero 39 dei dischi più venduti. Tra i singoli tutti e 4 i singoli di questo progetto sono stati certificati ed Il mondo prima di te, il brano sanremese, risulta essere il 73° più acquistato dell’anno. Scommessa vinta.
  • IramaIrama. C’è voluta la televisione ed un talent come Amici di Maria de Filippi per ridare davvero spazio a questo giovane talento. Il suo album Plume (qui la nostra recensione del disco) è il 2° più venduto dell’anno seguito dal sequel Giovani alla posizione numero 28. Tra i singoli Nera si rivela essere davvero una hit tanto da esser riuscita a risultare la 6° canzone più acquistata dell’annata. 

I RIMANDATI:

IN BILICO

  • Loredana Bertè. E’ stata una delle regine assolute dell’estate 2018 insieme ai Boomdabash e al loro singolo radiofonico intitolato Non ti dico no che riportandola al suo amato reggae le ha regalato il 38° posto tra i brani più acquistati dell’intera annata. Tornata, poi, solista in autunno con un gran bel disco come LiBertè (qui la nostra recensione) non ha riscontrato quanto meritava e quanto ci si aspettava. Un peccato.
  • Francesca Michielin. Aveva dominato l’ultima parte del 2017 piazzando due singoli che si erano rivelati essere davvero due tormentoni indiscussi nella rotazione radiofonica nazionale oltre che nelle vendite. Il 2018 è stato l’anno del suo album 2640 (qui la nostra recensione) che pur avendo ricevuto parecchi consensi non è riuscito ad arrivare ancora al disco d’oro e si è piazzato alla posizione numero 62 degli album più venduti dell’anno. Tra i singoli, invece, non c’è traccia dei suoi ultimi singoli accolti piuttosto timidamente.

LE DELUSIONI

  • EmmaEmma. Il suo ultimo progetto discografico, Essere qui (qui la nostra recensione del disco) non è stato accolto come ci si aspettava e a raccontarlo senza filtri è stata la diretta interessata ma, nonostante ciò, la cantante salentina si è portata a casa il 15° posto tra i dischi più venduti dell’anno ed un disco di platino: dei risultati che non saranno paragonabili ai suoi passati successi ma che farebbero invidia a molti al giorno d’oggi.
  • Lo Stato Sociale. Sono arrivati al Festival di Sanremo quasi come se fossero dei completi sconosciuti e quasi rischiavano di vincerlo con una travolgente Una vita in vacanza che, al netto del 2018, è risultato essere il secondo brano più venduto della kermesse ed il 30° nella classifica generale dell’anno. Poi, però, se ne sono perse completamente le tracce e la loro raccolta intitolata Primati non ha saputo andar oltre alla posizione numero 88 dei dischi più venduti. Un po’ poco.

I BOCCIATI:

I “GRANDI” TONFI

  • Claudio Baglioni. Essere direttore artistico del Festival di Sanremo non porta necessariamente un riscontro discografico ma se durante le cinque serate canti tutti i tuoi cavalli di battaglia e li promuovi pubblicando, poi, una raccolta che celebra i 50 anni di carriera allora qualcosa dovrebbe pur accadere. E invece 50 – Al centro, la raccolta di successi di Baglioni, non va oltre il 61° posto della classifica generale di vendita senza ottenere alcuna certificazioni.
  • Max Pezzali, Nek e Francesco Renga. I tre “ex” numeri uno del pop italiano anni ’90 si uniscono insieme per un tour nei palazzetti che ha fatto furori traducendosi, poi, si è tradotto in un album live, Max Nek Renga – Il disco, che non è andato oltre alla piazza numero 66 ed il mancato disco d’oro. Un po’ troppo poco per 3 numeri uno come loro.

UN PASSO FALSO

  • Cristina d’Avena. Era stata la reginetta delle artiste femminili italiane nel corso del 2017 per cui c’ha riprovato anche nel 2018 pubblicando una nuova raccolta di successi “animati” cantati insieme a colleghi e amici vecchi e nuovi. Peccato che auto-copiarsi non funzioni quasi mai e nemmeno le magie dei Puffi abbiano contribuito a salvare Duets Forever – Tutti cantano Cristina (qui la nostra recensione dell’album) dalla 69° piazza finale.
  • Einar. Doveva essere una nuova punta di diamante di Amici di Maria de Filippi ma, per ora, il talento italo-cubano ha miseramente fallito nell’intento d’imporsi sul mercato. Se con tutta la promozione offerta dal talent il suo disco d’esordio, Einar, non è riuscito ad andar oltre la posizione numero 81 tra gli album più venduti dell’anno dove potrà andare un eventuale nuovo album? Ho dei dubbi…
The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.