“Parolacce”, il mood anni ’50 rispolverato da Sergio Sylvestre – RECENSIONE

Tempo di nuova musica per il vincitore della quindicesima edizione di “Amici di Maria De Filippi

Ammettiamolo, dal titolo poteva sembrare una pacchianata cosmica, in realtà Parolacce è una delle proposte più simpatiche di questa estate 2019 piena zeppa di potenziali tormentoni decisamente meno ironici rispetto alle precedenti stagioni, soprattutto dal punto di vista testuale. Sergio Sylvestre ci regala un po’ di freschezza e di novità, semplicemente pescando dal passato sonorità anni ’50 che risuonano inedite e piuttosto originali di questi tempi. Sì, perché la musica ha fatto così tanto il giro che ciclicamente avvertiamo il bisogno di cambiare aria, soprattutto in questo momento storico in cui i pezzi tendono in un’unica direzione, ossia verso Porto Rico… la capitale del reggaeton.

Un plauso particolare al giovane Stefano Tognini, alias Zef, che sta mettendo a segno produzioni importanti che si diversificano tra loro, a differenza di molti suoi colleghi che tendono a far sentire il proprio marchio di fabbrica nelle varie potenziali hit che piazzano in giro per le radio. Lui, invece, riesce a spaziare e a passare da Rose viola di Ghemon aI love you di Ghali, fino ad arrivare a Playa di Baby K.

Ad impreziosire il tutto, naturalmente, la voce e il timbro inconfondibile di Sergio Sylvestre, che mostra nuove tinte della sua variegata tavolozza di colori. Il suo è un pezzo estivo che, a differenza di molti altri, può essere tranquillamente ascoltato anche nelle altre tre stagioni senza provocare alcun tipo di trauma, perché racconta la fine di una storia d’amore in maniera positiva, in particolare la fase in cui si prende coscienza di dover ricominciare, rialzarsi, aprirsi ad una nuova vita e che a farci male, in fondo, più che le parole sono state soltanto le “Parolacce”.

Acquista qui il brano |

Parolacce | Video

Parolacce | Testo

La notte se ne va, se ne va
lasciando in bocca il sapore di quei palazzi grigi
quelli dove abitavi tu
chissà se tornerà, tornerà
la voglia di abbracciarsi di domenica
ti scrivo ma non rispondi più

Ho provato a non dare peso
agli sguardi dei tuoi amici
chissà poi tu cosa gli dici
sembravano felici tranne te chissà perché
come farò ad accettare le tue parole
che usavi per farmi male
ma più che parole erano solo parolacce
erano solo parolacce
erano solo parolacce

Magari cambierà, cambierà
la voglia di sentirsi meno stupidi
sdraiato qui sotto un cielo blu

Ho provato a non dare peso
agli sguardi dei tuoi amici
chissà poi tu cosa gli dici
sembravano felici tranne te chissà perché
come farò ad accettare le tue parole
che usavi per farmi male
ma più parole erano solo parolacce

Credo che
(ho dato tutto forse troppo per avere in cambio la metà ma)
bevo per
(dimenticare che il problema fosse soltanto la tua età)
uno come me, come me
dovrebbe fregarsene di te
ma per una come te, come te
fregarsene è fin troppo facile

Ho provato a non dare peso
agli sguardi dei tuoi amici
chissà poi tu cosa gli dici
sembravano felici tranne te chissà perché
come farò ad accettare le tue parole
che usavi per farmi male
ma più parole erano solo parolacce
erano solo parolacce
erano solo parolacce

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.