Tony Maiello ritorna in radio con un “Terremoto”

Nuovo singolo del cantautore partenopeo

Tony Maiello, impegnato attualmente ad aprire alcuni dei nuovi concerti italiani di Laura Pausini per cui ha scritto Il coraggio di andare e 200 note, torna in radio con Terremoto.

Tony Maiello TerremotoSi tratta del quinto singolo, il più introspettivo e personale, estratto dall’album Spettacolo (di cui qui trovate la nostra recensione), disponibile nei digital store e nei negozi di dischi tradizionali.

Riguardo al brano lo stesso Tony racconta: “Questo è il brano a cui sono più legato in questo disco. Un brano forte che racconta forse il periodo più brutto di questi miei 29 anni. I terremoti dell’anima sono violenti. Tutti noi abbiamo delle crepe sopra il cuore. Poi improvvisamente passa qualcuno che riempie tutti i vuoti con la sua presenza e tu ritorni a costruire nuovi sogni, sulle macerie”.

Testo |

Ricordo di essermi perso
forse era un giorno di marzo
la neve cadeva sui sogni
e quanta paura che c’era sotto a quel velo di bianco
sotto quel velo di bianco

Ricordo i miei occhi allo specchio
più freddi del ghiaccio in inverno
se scali pensieri di vetro
senza equilibrio si scivola
ed è inevitabile il crollo
e fu inevitabile il crollo

E già tra le rovine di me stesso
come tra il fango e il cielo aperto
ritrovarci un po’ di merda in qualche pezzo di universo
ti giuro che io l’ho visto il buio che c’è dentro
il rumore del silenzio

E non è stato facile
ricominciare a camminare
mentre già crollava tutto
ma dico grazie a te
se adesso sono ancora vivo
E non è stato facile
ricostruire l’anima
spaccata dopo un terremoto
ma è solo grazie a te
e del tuo amore che mi ha fatto scudo
per il tuo amore che mi ha fatto scudo

Ricorda la fretta del tempo
l’unico vero bastardo
ne ho vista di gente che cambia
non se ne accorge nemmeno
brindando alla vita che passa
riempiendo i bicchieri a metà

Ricorda che non c’è distanza
laddove rimane una traccia
ho capito che tutto ritorna
ma ogni sorriso di più, lo so, lo sai bene anche tu
lo sai bene tu

E già tra le rovine di me stesso
come tra il fango e il cielo aperto
ritrovarci un po’ di merda in qualche pezzo di universo
amore tu non l’hai visto il buio che c’è dentro
il rumore del silenzio

E non è stato facile
ricominciare a camminare
mentre già crollava tutto
ma dico grazie a te
se adesso sono ancora vivo
E non è stato facile
ricostruire l’anima
spaccata dopo un terremoto
ma è solo grazie a te
e del tuo amore che mi ha fatto scudo
per il tuo amore che mi ha fatto scudo
tutto l’amore che mi fa da scudo

E non è stato facile
ricostruire l’anima
spaccata dopo un terremoto
ma è solo grazie a te
e del tuo amore che mi ha fatto scudo
per il tuo amore che mi ha fatto scudo

The following two tabs change content below.

Giampiero Mastronuzzi

Mi avvicino alla musica dal 2007 grazie al talent "Amici di Maria de Filippi"; da allora seguo i cantanti usciti dai vari talent show e tutta la bella musica italiana.

Giampiero Mastronuzzi

Mi avvicino alla musica dal 2007 grazie al talent "Amici di Maria de Filippi"; da allora seguo i cantanti usciti dai vari talent show e tutta la bella musica italiana.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.