Almanacco musicale del 1 febbraio

Giorno per giorno, le curiosità, i compleanni dei personaggi più amati e le uscite da non dimenticare

Almanacco musicale del 1 febbraio

1958 – Domenico Modugno e Johnny Dorelli vincono Sanremo con ”Nel blu dipinto di blu”
1964 – Gigliola Cinquetti e Patricia Carli si aggiudicano il Festival con “Non ho l’età”
1969 – “Zingara” di Iva Zanicchi e Bobby Solo trionfa a Sanremo
1971 – Nasce a Milano il cantautore Francesco Tricarico*
1973 – “Erba di casa mia” di Massimo Ranieri è il 45 giri più venduto in Italia
1974 – Nasce a Napoli il cantante Luciano Caldore
1975 – Wess e Dori Ghezzi sono primi in classifica con “Un corpo e un’anima”
1980 – “Disco bambina” di Heather Parisi è in vetta alla hit parade
1982 – Claudia Mori lancia il singolo “Non succederà più”
1984 – Nasce a Verona Vasco Brondi, frontman de Le luci della centrale elettrica
1990 – Gianni Morandi debutta in classifica con “Varietà”
2001 – Fiorella Mannoia rilascia l’album “Fragile”
2002 – Laura Pausini pubblica il singolo “Una storia che vale”
2011 – Alex Britti lancia la raccolta “Best Of”
2012 – Giorgia e Eros Ramazzotti sono nella top10 di EarOne con “Inevitabile”
2013 – Ci lascia il cantante Mario Zelinotti
2013 – Tiziano Ferro rilascia il singolo “La fine”
2015 – “Magnifico” di Fedez e Francesca Michielin è tra i brani più trasmessi in radio**

*Il personaggio del giorno: Tricarico

TricaricoQuesto è un giorno importante per il noto cantautore, dotato di grande raffinatezza nella scrittura e di una carismatica forza interpretativa, che compie il suo quarantasettesimo compleanno. Il debutto discografico arriva all’inizio del nuovo millennio, con il tormentone “Io sono Francesco”, brano che racconta la sua storia ed ottiene un notevole successo di vendite. Tra i brani che arricchiscono il suo ricco repertorio, ricordiamo: “Musica”, “La pesca”, “Drago”, Vita tranquilla”, “Ghiaccio”, “Eternità”, “Il bosco delle fragole”, “Luminosa”, “Tre colori”, “L’America” e “Riattaccare i bottoni”.

**La canzone del giorno: Magnifico

 

“…E gli anni passano e non ci cambiano
davvero trovi che sia diverso?
guardami in faccia, i miei occhi parlano
e tu dovresti ascoltarli un po’ più spesso
sorridi quando piove, sei triste quando c’è il sole
devi smetterla di piangere fuori stagione
dai proviamo e poi vediamo che succede
per ogni mia parte che ti vuole, c’è un’altra che retrocede
sapessi quante ne ho viste di scalatrici sociali
regalano due di picche aspettando un Re di denari
quante volte ad un “Ti amo” hai risposto “No, non posso”
hai provato dei sentimenti e non ti stanno bene addosso
parliamo allo stesso modo ma con diversi argomenti
siamo nello stesso hotel ma con due viste differenti
l’amore è un punto di arrivo, una conquista
ma non esiste prospettiva senza due punti di vista

Anche se poi tutto è magnifico
non lo prenderò come un rimprovero
è possibile abbia sogni sbagliati, un po’ illusi al momento
mi appartengono

Fuori è magnifico, sì ma tu un po’ di più
sei la bellezza a due passi, a portata di manicure
ma so che quando troveranno il centro dell’universo
rimarrai delusa a scoprire che non sei tu
ognuno coi suoi pensieri, i suoi segreti
lo so, siamo divisi dalla spazio senza essere pianeti
l’amore rende ciechi, devo dirtelo
e io devo smettere di cercare le scarpe nel frigorifero
ma tu non guardi me, continui a guardare fuori
ti ho dato i giorni migliori dei miei anni peggiori
contraddizioni e vizi, a ognuno il suo
ma questa notte dormo sul mio fianco preferito, il tuo

Anche se poi tutto è magnifico
non lo prenderò come un rimprovero
è possibile abbia sogni sbagliati
un po’ illusi al momento
mi appartengono
anche se poi tutto è realistico
non lo prenderò come un rammarico
è possibile abbia sogni sbagliati
un po’ illusi al momento
mi appartengono

Fuori è magnifico, fuori tutto è magnifico
(fuori è magnifico, sì ma tu un po’ di più)
fuori è magnifico, fuori tutto è magnifico
(fuori è magnifico, sì ma tu un po’ di più)
è possibile abbia sogni sbagliati
un po’ illusi al momento
mi appartengono

Anche se poi tutto è magnifico
non lo prenderò come un rimprovero
è possibile abbia sogni sbagliati
un po’ illusi al momento
mi appartengono…”

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.