Fabrizio De Andrè, l’omaggio a vent’anni dalla sua scomparsa

Il ricordo del cantautore genovese, impegnato e impegnativo, intellettuale e al tempo stesso popolare

Vent’anni non bastano per dimenticare il genio immenso di Fabrizio De Andrè, uno dei cantautori più ispirati del secolo passato, capace di raccontare storie popolari con la delicatezza di un poeta. Scomparso l’11 gennaio del 1999 a soli cinquantanove anni, l’artista ha saputo mettere d’accordo ascoltatori di sensibilità differenti nel corso della sua lunga e straordinaria carriera.

Nel corso dei suoi quarant’anni di attività, ci ha regalato capolavori del calibro di Bocca di rosa, La canzone di Marinella, Amore che vieni amore che vai”, “Canzone dell’amore perduto”, “La guerra di Piero”, “Via del campo”, “Il pescatore”, Don Raffaée molte altre ancora, lasciando a tutti noi un vasto bagaglio musicale fatto di pensieri, riflessioni ed emozioni incredibili.

Punta di diamante del cantautorato italiano, Faber (soprannome datogli dall’amico Paolo Villaggio) è considerato uno dei più celebri menestrelli contemporanei, inimitabile nella sua scrittura e nel modo di interpretare le proprie opere, insegnando alle nuove generazioni il valore assoluto del messaggio e della trasmissione di contenuti. Anarchico e carismatico per vocazione, la qualità e la contemporaneità del suo repertorio lo hanno reso immortale.

La sua poetica senza tempo ha raccontato le storie di tutti, emarginati e ribelli, santi e prostitute, senza esclusioni di colpi e alcun tipo di retorica. Questo e molto altro ancora è Fabrizio De Andrè, un artista che merita davvero di essere frequentato, approfondito e raccontato sempre di più.

Le canzoni più belle di Fabrizio De Andrè

  • La guerra di Piero (1964)
  • La canzone di Marinella (1964)
  • Amore che vieni, amore che vai (1966)
  • La ballata dell’amore cieco (o della vanità) (1966)
  • Canzone dell’amore perduto (1966)
  • Preghiera in gennaio (1967)
  • Via del campo (1967)
  • Bocca di rosa (1967)
  • Geordie (1968)
  • Il pescatore (1970)
  • Un matto (1971)
  • Un giudice (1971)
  • Un blasfemo(1971)
  • Un chimico (1971)
  • Giovanna D’Arco(1972)
  • Il bombarolo(1973)
  • Verranno a chiederti del nostro amore (1973)
  • Amico fragile (1975)
  • Sally(1978)
  • Volta la carta(1978)
  • Andrea (1978)
  • Coda di lupo (1978)
  • Fiume Sand Creek (1981)
  • Ave Maria (1981)
  • Hotel Supramonte (1981)
  • Franziska (1981)
  • Quello che non ho” (1981)
  • Se ti tagliassero a pezzetti (1981)
  • Crêuza de mä (1984)
  • Don Raffaè (1990)
  • Le nuvole (1990)
  • Dolcenera (1996)
  • Ho visto Nina volare (1996)
  • Khorakhané (a forza di essere vento) (1996)
  • Smisurata preghiera (1996)
  • Prinçesa (1996)
  • Anime salve (1996)
The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

2 pensieri riguardo “Fabrizio De Andrè, l’omaggio a vent’anni dalla sua scomparsa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.