Massimo Ranieri

Il cantante napoletano torna al Festival di Sanremo con “Lettera di là dal mare”, una struggente romanza pop d’altri tempi

Ha fatto la storia e vuole provarci ancora. Tanto di cappello per Massimo Ranieri, che ha deciso di rimettersi in gioco a distanza di venticinque anni dalla sua ultima partecipazione. L’artista napoletano torna al Festival per la settima volta, dopo aver partecipato: con “Da bambino” nel 1968, con “Quando l’amore diventa poesia” nel 1969, con la vittoriosa “Perdere l’amore” nel 1988, con “Ti penso” nel 1992, con “La vestaglia” nel 1995 e con “Ti parlerò d’amore” nel 1997.

“Lettera di là dal mare” è una bella canzone interamente firmata da Fabio Ilacqua, che affronta il tema dell’emigrazione con romanticismo e teatralità. Un testo ispirato e socialmente utile che non sfocia nel politichese, mantenendo intatta la propria natura sociale anche per un palco nazionalpopolare come quello dell’Ariston, soprattutto in un’annata in netta sovrabbondanza di tematiche d’amore e di proposte piuttosto commerciali.

Il risultato è una romanza pop d’altri tempi che evoca suggestioni crossover a metà strada tra Lucio Dalla e Andrea Bocelli. Un brano emozionante che racconta con poesia una traversata oceanica, il viaggio verso un futuro migliore. Una cavalcata emozionale che esplode nel ritornello: «Amore vedi così buio è questo mare, troppo grande per tremare». Un inciso con cui, siamo certi, Massimo Ranieri farà ancora una volta vibrare l’Ariston.

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

By Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.