Sanremo per tutti - La storia del Festival 1968 - 1969

I riassuntoni di Sanremo, il Festival spiegato facile

Il nostro viaggio nella storia del Festival di Sanremo prosegue nel segno della rinascita del 1968, la manifestazione canora diventa maggiorenne e risorge dalle proprie ceneri, un anno dopo la tragedia legata alla scomparsa di Luigi Tenco. Questa volta si impone la musica d’autore, ad aggiudicarsi il titolo è “Canzone per te” di Sergio Endrigo, abbinato al brasiliano Roberto Carlos.

A restare fuori dalle porte del Salone delle Feste del Casinò è un vero e proprio movimento, quello che poi sarà ribattezzato “Il ’68”, un fenomeno socio-culturale che spaccherà in due l’opinione pubblica, tra scontri e proteste. L’edizione del 1969 non può che risentire di questo clima sessantottino piuttosto pensante, con scioperi e manifestazioni che minacciano il corretto svolgimento della gara.

Un’annata che viene ricordata per l’unica e storica partecipazione di Lucio Battisti con “Un’avventura”, oltre che per la vittoria della coppia composta da Bobby Solo e Iva Zanicchi, che conquistano il favore delle giurie con “Zingara”, un vero e proprio evergreen della canzone italiana. Questo e molto altro ancora nel nono appuntamento di Sanremo per tutti – il festival spiegato facile, buona visione!

Sanremo per tutti | 1968 – 1969

1968 | Info

XVIII Festival della canzone italiana
in scena dal 1° al 3 febbraio al Salone delle feste del Casinò municipale di Sanremo
presenta: Pippo Baudo con Luisa Rivelli
direzione artistica: Gianni Ravera

1968 | Regolamento

24 canzoni eseguite in doppia esecuzione da 48 interpreti (Domenico Moduno, Tony Renis, Adriano Celentano, Ornella Vanoni, Fausto Leali, Al Bano Carrisi, Massimo Ranieri, Gigliola Cinquetti, Johnny Dorelli, Little Tony, Iva Zanicchi, Antoine, Milva, Pino Donaggio, Anna Identici, Orietta Berti, Dino, Marisa Sannia, Nino Ferrer, Giusy Romeo, Lorenzo Pilat, Elio Gandolfi, Giuliana Valci, Piergiorgio Farina, Gianni Pettenati, I Giganti, Annarita Spinaci, Lara Saint Paul, Wilma Goich, Mario Guarnera, Tony Del Monaco, Peppino Gagliardi, Roberto Carlos, Yoko Kishi, Udo Jürgens, Sacha Distel, Shirley Bases, The Rokes, Bobbie Gentry, The Sandpipers, Eartha Kitt, The Cowsills, Timi Yuro, Wilson Pickett, Paul Anka, Dionne Warwick, Louis Armstrong, Roberto Carlos e Sergio Endrigo). La giuria seleziona i 14 brani qualificati per la serata finale.

1968 | Classifica

Sergio Endrigo – Roberto Carlos – Canzone per te
(Sergio Bardotti, Sergio Endrigo)
Ornella Vanoni – Marisa Sannia – Casa baanca
(Don Backy, Eligio La Valle)
Adriano Celentano – Milva – Canzone
(Don Backy, Detto Mariano)
Fausto Leali – Wilson Pickett – Deborah
(Vito Pallavicini, Paolo Conte, Pino Massara)
Antoine – Gianni Pettenati – La tramontana
(Daniele Pace, Mario Panzeri)
Anna Identici – The Sandpipers – Quando m’innamoro
(Daniele Pace, Mario Panzeri, Roberto Livagri)
Massimo Ranieri – I Giganti – Da bambino
(Riccardo Pradella, Renato Angiolini)
Gigliola Cinquetti – Giuliana Valci – Sera
(Roberto Vecchioni, Andrea Lo Vecchio)
Al Bano – Bobby Gentry – La siepe
(Vito Pallavicini, Pino Massara)
10° Little Tony – Mario Guarnera – Un uomo piange solo per amore
(Mimma Gaspari, Mario Vicari, Marcello Marocchi)
11° Wilma Goich – Dino – Gli occhi miei
(Mogol, Carlo Donida)
12° Annarita Spinaci – Yoko Kishi – Stanotte sentirai una canzone
(Tato Queriolo, Giorgio Bracardi)
13° Louis Armstrong – Lara Saint Paul – Mi va di cantare
(Vincenzo Buonassi, Giorgio Bertero, Aldo Valleroni, Marino Marini)
14° Tony Del Monaco – Dionne Warwick – La voce del silenzio
(Paolo Limiti, Mogol, Elio Isola)

Non finalisti
Peppino Gagliardi – Eartha Kitt – Che vale per me
(Carlo Alberto Rossi, Marisa Terzi)
Tony Renis – Domenico Modugno – Il posto mio
(Alberto Testa, Tony Renis)
Nino Ferrer – Pilade – Il re d’Inghilterra
(Nino Ferrer)
Johnny Dorelli – Paul Anka – La farfalla impazzita
(Mogol, Lucio Battisti)
Elio Gandolfi – Shirley Bassey – La vita
(Bruno Canfora, Antonio Amurri)
The Rokes – The Cowsills – Le opere di Bartolomeo
(Sergio Bardotti, Ruggero Cini)
Pino Donaggio – Timi Yuro – Le solite cose
(Vito Pallavicini, Pino Donaggio)
Giusy Romeo – Sacha Distel – No amore
(Vito Pallavicini, Paolo Conte, Enrico Intra, Mansueto Deponti)
Iva Zanicchi – Udo Jürgens – Per vivere
(Nisa, Umberto Bindi)
Orietta Berti – Piergiorgio Farina – Tu che non sorridi mai
(Marisa Terzi, Sauro Siri)

1969 | Info

XIX Festival della canzone italiana
in scena dal 30 gennaio al 1° febbraio al Salone delle feste del Casinò municipale di Sanremo
presenta: Nuccio Costa con Gabriella Farinon
direzione artistica: Ezio Radaelli

1969 | Regolamento

24 canzoni in gara eseguite in doppia esecuzione da 48 interpreti (Lucio Battisti, Rita Pavone, Claudio Villa, Nada, Caterina Caselli, Sergio Endrigo, Gigliola Cinquetti, Little Tony, Antoine, Massimo Ranieri, Fausto Leali, Milva, Don Backy, Orietta Berti, Mino Reitano, Wilma Goich, Johnny Dorelli, Gabriella Ferri, Mal, New Trolls, Rosanna Fratello, Riccardo Del Turco, Dik Dik, Rocky Roberts, Alessandra Casaccia, The Showmen, Leonardo, Armando Savini, Checco, Junior Magli, Sonia, Memo Remigi, Robertino, Tony Del Monaco, Carmen Villani, Elio Gandolfi, Isabella Iannetti, The Rokes, Brenton Wood, Mary Hopkin, The Showmen, Wilson Pickett, Stevie Wonder, Bobby Solo e Iva Zanicchi). Vengono presentate 12 canzoni per le prime due serate, la giuria (composta da 525 membri) vota e decide quali sono le 14 canzoni che hanno accesso alla finale.

1969 | Classifica

Bobby Solo – Iva Zanicchi – Zingara
(Luigi Albertelli, Enrico Ricciardi)
Sergio Endrigo – Mary Hopkin – Lontano dagli occhi
(Sergio Bardotti, Sergio Endrigo, Luis Bacalov)
Don Backy – Milva – Un sorriso
(Detto Mariano, Don Backy)
Fausto Leali – Tony Del Monaco – Un ora fa
(Luciano Beretta, Ermanno Parazzini, Gianfranco Intra)
Nada – The Rokes – Ma che freddo fa
(Franco Migliacci, Claudio Mattone)
Gigliola Cinquetti – France Gall – La pioggia
(Daniele Pace, Mario Panzeri, Gianni Argenio, Corrado Conti)
Mal – The Showmen – Tu sei bella come sei
(Giuseppe Cassia, Sergio Bardotti, Marcello Marocchi, Mario Vicari)
Caterina Caselli – Johnny Dorelli – Il gioco dell’amore
(Franco Migliacci, Ivo Callegari)
Lucio Battisti – Wilson Pickett – Un’avventura
(Mogol, Lucio Battisti)
10° Orietta Berti – Massimo Ranieri – Quando l’amore diventa poesia
(Mogol, Piero Soffici)
11° Carmen Villani – Alessandra Casaccia – Piccola piccola
(Vincenzo Buonassi, Giorgio Bertero, Aldo Valleroni, Marino Marini)
12° Little Tony – Mario Zelinotti – Bada bambina
(Franco Migliacci, Bruno Zambrini)
13° Rita Pavone – Dik Dik – Zucchero
(Mogol, Luigi Clausetti, Roberto Soffici, Roberto Guscelli)
14° Riccardo Del Turco – Antoine – Cosa hai messo nel caffè?
(Giancarlo Bigazzi, Riccardo Del Turco)

Non finalisti
Junior Magli – The Casuals – All fine della strada
(Daniele Pace, Mario Panzeri, Lorenzo Pilat)
Wilma Goich – The Sweet Inspirations – Baci baci baci
(Sergio Bardotti, Franco Bracardi)
Checco – Elio Gandolfi – Il sole è tramontato
(Riccardo Pradella, Rosa Nisi Morsella, Giuseppe Moschini)
Rosanna Fratello – Brenton Wood – Il treno
(Vito Pallavicini, Elio Isola)
New Trolls – Leonardo – Io che ho te
(Giorgio D’Adamo, Vittorio De Scalzi, Nico Di Palo)
Robertino – Rocky Roberts – Le belle donne
(Vito Pallavicini, Paolo Conte, Michele Virano)
Mino Reitano – Claudio Villa – Meglio una sera (piangere da solo)
(Alberto Salerno, Nisa, Mino Reitano, Franco Reitano)
Armando Savini – Sonia – Non c’è che lei
(Carlo Alberto Rossi, Marisa Terzi)
Gabriella Ferri – Stevie Wonder – Se tu ragazzo mio
(Vittorio Ferri, Gabriella Ferri, Piero Pintucci)
Memo Remigi – Isabella Iannetti – Una famiglia
(Alberto Testa, Memo Remigi)

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Di Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.