lunedì, Luglio 15, 2024

CLASSIFICHE

SUGGERITI

Addio a Toto Cutugno, la morte di un italiano vero

nel     E’ venuto a mancare un portabandiera della musica italiana

Si è spento questo pomeriggio, 22 agosto 2023, all’età di 80 anni Toto Cutugno. Il cantante, malato da tempo secondo i media, è scomparso verso le ore 16:00 all’ospedale San Raffaele di Milano. Già innumerevoli i saluti di colleghi, amici e fan che lo ricordano come l’artista “eterno secondo” al Festival di Sanremo ma anche come voce di tanti inni intramontabili, vincitore dell’Eurovision Song Contest e conduttore televisivo di grande successo.

Nella propria lunga carriera non è mancato nulla a Toto Cutugno. Toscano di nascita, inizia il percorso nella musica negli anni ’60 in diversi gruppi conoscendo, poi, il successo singolarmente a partire dagli anni ’70. Tutt’oggi detiene il record di partecipazioni al Festival di Sanremo: ben 15 contando sia quelle realizzate singolarmente che quelle in gruppo. Tra le tante partecipazioni (il record, a dire il vero, è ad oggi condiviso con Anna Oxa, Al Bano, Peppino di Capri e Milva) una sola vittoria, nel 1980, con il brano “Solo noi”.

Al Festival, tuttavia, ha conquistato soprattutto secondi posti, ben 6, che gli hanno valso il titolo di “eterno secondo”. Nel 1985 lo fu con il brano “Serenata”. Nel 1987 fu la volta di “Figli”, nel 1988 replicò con “Emozioni”, nel 1989 con “Le mamme” e nel 1990, per il quarto anno consecutivo, con “Gli amori”  in abbinamento a Ray Charles. Infine, nel 2005 fu ancora secondo, in accoppiata con Annalisa Minetti, con “Come noi nessuno al mondo”. L’ultima apparizione in gara sul palco del Teatro Ariston risale al 2010 con il brano “Aeroplani”.

Nella sua lunga carriera sono da annoverare capolavori quali “L’italiano“, soltanto quinto nel Sanremo 1983, e “Insieme”, secondo brano italiano della storia a vincere l’Eurovision dopo Gigliola Cinquetti e prima dei Maneskin.

Oltre all’attività di cantante, Toto Cutugno si è distinto con particolare fortuna anche come autore di brani per altri artisti. Tra i tanti vanno citati una lunga collaborazione con Adriano Celentano ma anche Domenico Modugno, i Ricchi e Poveri, Moguel Bosè, Ornella Vanoni, Fiordaliso, Mina e Franco Califano.

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.
Ilario Luisetto
Ilario Luisetto
Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.