almanacco-10settembre

Giorno per giorno, le curiosità, i compleanni dei personaggi più amati e le uscite da non dimenticare

Almanacco musicale del 10 settembre

1960 – Umberto Bindi è primo in classifica con “Il nostro concerto”
1979 – Antonello Venditti pubblica l’album “Buona domenica”
1979 – Franco Battiato pubblica il disco “L’era del cinghiale bianco”
1981 – Nasce a Vallo della Lucania la cantante Adriana Ruocco
1989 – Nasce a Bari il cantante Giò Sada
1991 – Gino Paoli vince il Festivalbar con “Quattro amici”
1993 – Nasce il cantante Ruggero Pasquarelli
2004 – Laura Pausini pubblica il singolo “Resta in ascolto”
2005 – “Semplicemente” degli Zero Assoluto è in vetta alle classifiche
2010 – Marco Carta lancia “Niente più di me”
2010 – Gianluca Grignani incide “Sei unica”
2011 – Raf pubblica “Senza cielo”
2013 – Ornella Vanoni rilascia il disco “Meticci”
2013 – Marco Ligabue lancia il suo album d’esordio “Mare dentro”
2014 – Cesare Cremonini è tra gli artisti più trasmessi in radio conGreyGoose
2015 – Malika Ayane pubblica il singoloTempesta
2016 – Francesco Gabbani incide “In equilibrio”
2017 –Fenomenale di Gianna Nannini è in vetta su EarOne

*Il personaggio del giorno: Giò Sada

Giò SadaVentinove candeline sulla torta per Giovanni Sada, cantautore pugliese vincitore nel 2015 della nona edizione italiana di X Factor. Nel corso del talent show ha cantato diverse cover, tra cui “The real me” degli Who, “Retrograde” di James Blake, “Love me two times” dei Doors, “Shock the monkey” di Peter Gabriel, “Amore che vieni amore che vai” di Fabrizio De Andrè, “Logico #1” di Cesare Cremonini e l’inedito “Il rimpianto di te”. L’anno seguente incide il suo primo album in studio, intitolato “Volando al contrario”, contenenti i singoli “Deserto” e “Lago”.

**La canzone del giorno: Niente più di me

 “…Non so niente di te
lo sento quando mi rispondi così
non so niente di te nè tu di me
è una continua agonia
lasciarsi vivere e non crederci più
questa distanza non è possibile
lasciami una fotografia
che mi racconti un po’ di te
fammi sentire come a casa mia
al tuo silenzio dico no

Prova a gridarmi come stai
manda un segnale
che non si sa mai
come se non ci fosse
al mondo niente più di me

E mi chiedo cos’è
che ci allontana
e ci avvicina così
non so stare con te
né senza di te
e la leggera apatia
che spegne il sole di ogni mio desiderio
la troppa assenza non è possibile

Lasciami una fotografia
che mi racconti un po’ di te
fammi sentire come a casa mia
al tuo silenzio dico no

Prova a gridarmi come stai
manda un segnale
che non si sa mai
prova a gridarmi come stai
prendimi per mano
che non so chi sei
come se non ci fosse al mondo
niente più di me.

Dimmi all’orecchio come stai
parlami piano piano che non si sa mai
prendimi la mano che non so chi sei
prova a portarmi dove sei
mandami un segno
che non si sa mai
prova a gridarmi come stai
prendimi la mano
che non so chi sei

Prova a portarmi dove sei
prendimi per mano
che non so chi sei
come se non ci fosse
al mondo niente più di me…”

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Di Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.