Arisa 2021

Svelata l’identità dell’interprete originaria del brano

All’uscita de La vita splendida(di cui qui la nostra recensione), ultimo singolo radiofonico di Tiziano Ferro, si è diffusa anche l’indiscrezione, mai apertamente confermata, che la canzone fosse stata precedentemente affidata ad un’interprete differente. La cosa è un avvenimento piuttosto comune nel mondo della canzone da sempre. Ad arricchire la vicenda, però, c’erano alcuni dettagli interessanti. Il brano era pensato appositamente per il palco del Festival di Sanremo dalla coppia autorale formata da Brunori Sas e Dimartino. Un pensiero che, tuttavia, non ha incontrato realizzazione concreta vista l’esclusione del pezzo da quelli in gara alla kermesse.

Fino ad oggi, tuttavia, il nome dell’interprete destinataria della canzone ed esclusa dai giochi sanremesi non si conosceva. Si era soltanto mormorato che si trattasse di una grande interprete femminile che indubbiamente avrebbe ben figurato con una canzone così ariosa, classica ed orchestrale sul palco del Teatro Ariston.

Il nome dell’interprete misteriosa |

A svelare che si trattasse di Arisa c’ha pensato Mattia Marzi attraverso le colonne de Il Messaggero. Nel suo articolo sul quotidiano, il giornalista ha confermato il rumors. Tra i dettagli è stato svelato anche che, prima di finire nelle mani di Tiziano Ferro, “La vita splendida” era pensata proprio per le corde vocali di Rosalba Pippa, in arte Arisa per l’appunto. La cantante potentina, già sette volte al Festival (due da vincitrice), stando alle ricostruzioni non solo incise il brano ma lo propose anche ad Amadeus per prendere parte all’edizione 2022 della kermesse venendo tuttavia esclusa dal cast.

Un’esclusione che, ad oggi, va sicuramente rumore. La voce di Arisa è una delle più belle del nostro panorama discografico oltre che una delle più apprezzate degli ultimi anni nel contesto sanremese. E’ vero che già nel 2021 fu della partita presentando il brano Potevi fare di più” ma è altrettanto vero che l’ultimo direttore artistico non disegna affatto i ritorni in gara consecutivi.

I precedenti |

Non si tratta comunque, certo, della prima volta in cui Arisa finisce tra gli esclusi in un Festival targato Amadeus. Già nel 2020 l’artista di Pignola fu tagliata fuori dalla gara dopo aver proposto un brano dedicato alla mamma che rischiava di sovrapporsi alla proposta di Giordana Angi che le fu preferita. Rimane un mistero il come Tiziano Ferro abbia ricevuto “La vita splendida” facendola sfuggire all’interprete “originale”: Arisa, per l’appunto.

Nel contesto sanremese, tuttavia, questo non è che uno dei tanti casi più o meno noti. Proprio di recente anche la cantante Noemi ha raccontato di aver rifiutato di cantare “L’essenziale” prima che il pezzo finisse a Marco Mengoni che trionfò al Festival nel 2013 (qui la notizia). La stessa Arisa, poi, ha raccontato (qui) di aver provinato anche un altro brano dal grande recente successo: “Pastello bianco” dei Pinguini Tattici Nucleari. Anche le canzoni hanno la propria storia.

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.