Sanremo per tutti - La storia del Festival 1988

I riassuntoni di Sanremo, il Festival spiegato facile

Il nostro viaggio nella storia del Festival di Sanremo prosegue nel segno della continuità, quella del 1988 è un’edizione che segue la positiva scia delle precedenti, nonostante alla conduzione debuttino i giovani Miguel Bosè e Gabriella Carlucci, in sostituzione del veterano Pippo Baudo che, nel frattempo, è passato dall’altra parte della barricata siglando un contratto in esclusiva con Fininvest.

L’organizzazione è affidata per il secondo anno consecutivo nelle mani di Marco Ravera, che segue sulla falsariga dello stesso meccanismo messo appunto per circa un decennio dal padre, confermando la formula delle quattro serate e il parallelo spettacolo internazionale in scena al Palarock. Quarantadue le canzoni in concorso, ventisei tra i Campioni e sedici per le Nuove Proposte.

A vincere è Massimo Ranieri, che torna in riviera a diciannove anni dalla precedente partecipazione con “Perdere l’amore”, che era stata proposta l’anno precedente da Gianni Nazzaro, senza superare la fase di selezione. Trionfa nelle vendite, invece, la celebre “Andamento lento” di Tullio De Piscopo, che diventerà il singolo sanremese più venduto all’indomani della kermesse.

Tra gli altri brani degni di nota, annoveriamo: “Inevitabile follia” di Raf, “Le notti di maggio” di Fiorella Mannoia, “Quando nasce un amore” di Anna Oxa, “Mi manchi” di Fausto Leali, “Sarà per te” di Francesco Nuti e “L’amore rubato” di Luca Barbarossa. Ad aggiudicarsi il titolo tra le Nuove Proposte, invece, sono i Future con “Canta con noi”, che non lasceranno un segno nel tempo.

Presenze comunque importanti nella categoria giovani, dove spiccano i debutti di Biagio Antonacci, Mariella Nava, Mietta, Bungaro, Andrea Mirò e il ritorno per il terzo anno consecutivo di Paola Turci. Insomma, il Festival di Sanremo prosegue il suo viaggio nel segno della consacrazione popolare, il meccanismo di voto affidato alle schedine del Totip fidelizza il pubblico e lo catalizza davanti allo schermo.

In calo le vendite dei dischi, che non sono più quelle dei decenni precedenti, complice la crescente affermazione della musica straniera e l’avvento delle emittenti private, che offrono sempre più spazio all’intrattenimento e alle canzoni. Questo e molto altro ancora nel ventiduesimo appuntamento di Sanremo per tutti – il festival spiegato facile, buona visione!

Sanremo per tutti | 1988

1988 | Info

XXXVIII Festival della canzone italiana
in scena dal 24 al 27 febbraio al Teatro Ariston di Sanremo
presenta: Miguel Bosé e Gabriella Carlucci
direzione artistica: Marco Ravera

1988 | Regolamento

42 canzoni in gara eseguite da 42 interpreti, 26 big (Fiorella Mannoia, Loredana Bertè, Anna Oxa, Franco Califano, Raf, Fausto Leali, Marcella Bella, Matia Bazar, Mino Reitano, Peppino Di Capri, Ricchi e Poveri, Drupi, Luca Barbarossa, Nino Buonocore, Flavia Fortunato, Michele Zarrillo, Alan Sorrenti, Tullio De Piscopo, Denovo, Figli di Bubba, Fiordaliso e Claudio Cabrini, Francesco Nuti, New Trolls, Ron, Toto Cutugno e Massimo Ranieri) e 16 giovani (Biagio Antonacci, Paola Turci, Mietta, Mariella Nava, Andrea Mirò, Bungaro, Stefano Palatresi, Giorgia Fiorio, Ljiao, Miki, Ice, Stefano Ruffini, Fabio De Rossi, Tania Tedesco, Stefania La Fauci e Future).

1988 | Classifica Campioni

Massimo Ranieri – Perdere l’amore
(Giampiero Artegiani, Marcello Marocchi)
Toto Cutugno – Emozioni
(Toto Cutugno)
Luca Barbarossa – L’amore rubato
(Luca Barbarossa)
Marcella Bella – Dopo la tempesta
(Alberto Salerno, Gianni Bella)
Fausto Leali – Mi manchi
(Franco Fasano, Fabrizio Berlincioni)
Mino Reitano – Italia
(Umberto Balsamo)
Anna Oxa – Quando nasce un amore
(Adelio Cogliati, Piero Cassano, Franco Ciani)
Fiordaliso con Claudio Cabrini – Per noi
(Toto Cutugno)
Ricchi e Poveri – Nascerà Gesù
(Umberto Balsamo)
10° Fiorella Mannoia – Le notti di maggio
(Ivano Fossati)
11° Raf – Inevitabile follia
(Giancarlo Bigazzi, Raf)
12° Francesco Nuti – Sarà per te
(Riccardo Mariotti)
13° Franco Califano – Io (per le strade di quartiere)
(Toto Cutugno, Franco Califano)
14° Figli di Bubba – Nella valle dei Timbales
(Mauro Pagani)
15° Michele Zarrillo – Come un giorno di sole
(Giampiero Artegiani, Luigi Lopez, Michele Zarrillo)
16° Loredana Bertè – Io
(Tony Cicco)
17° Peppino di Capri – Nun chiagnere
(Depsa, Umberto Balsamo, Luciano Raggi, Peppino di Capri)
18° Tullio De Piscopo – Andamento lento
(Mario e Giosy Capuano, Tullio De Piscopo)
19° Matia Bazar – La prima stella della sera
(Sergio Cossu, Aldo Stellita, Carlo Marrale)
20° Drupi – Era bella davvero
(Oscar Avogadro, Paolo Amerigo Cassella, Dario Farina)
21° Ron – Il mondo avrà una grande anima
(Ron)
22° Flavia Fortunato – Una bella canzone
(Mario Lavezzi, Oscar Avogadro)
23° New Trolls – Cielo chiaro
(Vittorio De Scalzi, Nico Di Palo, Gianni Belleno)
24° Denovo – Ma che idea
(Luca Madonia)
25° Nino Buonocore – Le tue chiavi non ho
(Alberto Salerno, Nino Buonocore)
26° Alan Sorrenti – Come per miracolo
(Giorgio Cavalli, Alan Sorrenti)

1988 | Classifica Nuove Proposte

Future – Canta con noi
(Mino Reitano, Marco Battistini, Gegè Reitano, Franco Sacco, Ricky Bolognesi)
Stefano Palatresi – Una carezza d’aiuto
(Renzo Arbore, Claudio Mattone)
Lijao – Per noi giovani
(Adelio Cogliati, Piero Cassano, Livio Visentin)
Miki – Ogni tanto si sogna
(Miki Porru)

Semi-finalisti
Giorgia Fiorio – Io con te
(Roberto Ferri, Mauro Paoluzzi)
Tania Tedesco – La notte delle favole
(Depsa, Piero Ameli, Angela Brambati)
Paola Turci – Sarò Bellissima
(Gaio Chiocchio, Roberto Righini)
Stefania La Fauci – Se fosse vero
(Marco Armani, Paolo Armenise)

Non finalisti
Stefano Ruffini – Canto bolero
(Grazia Di Michele, Marco Luberti, Francesco Gazzillo)
Fabio De Rossi – L’ultima bugia
(Massimiliano Governi, Fabio De Rossi)
Ice – Mama
(Piero Marras)
Andrea Mirò – Non è segreto
(Armando Mango)
Bungaro – Sarà forte
(Pino Romanelli, Bungaro)
Mietta – Sogno
(Claudio Mattone)
Mariella Nava – Uno spiraglio al cuore
(Mariella Nava)
Biagio Antonacci – Voglio vivere un attimo
(Ron, Biagio Antonacci)

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

By Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Commenta qui...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.