Irene Maggi: “Il mio nuovo album dedicato a Mr. Agony” – INTERVISTA

Intervista alla giovane cantautrice che presenta il suo nuovo album

È stato pubblicato lo scorso 16 marzo Tank Girl, il nuovo disco della cantautrice milanese Irene Maggi, sotto etichetta Nadir Music e distribuito da Believe digital. Il progetto si divide in sei tracce ed è stato anticipato dai singoli Mr. Agony e Black lake, inoltre, il disco sarà presentato venerdì 5 maggio presso l’Auditorium Demetrios Stratos di Milano (via Ollearo, 5, l’ingresso è gratuito e senza prenotazione) in un evento che si preannuncia da non perdere.

Parlaci del tuo progetto musicale, da cosa nasce?

<<Si può dire che il disco nasca da una storia. I testi che ho usato per queste canzoni sono presi da una corrispondenza – da questi testi sono poi partita a lavorare sulla musica – e raccontano una storia autobiografica. Ci piace definirlo un concept album perché c’è un filo conduttore che lega le canzoni e le rende difficili da ascoltare singolarmente>>.

Tank girl è quindi un disco che ti vede completamente protagonista.

<<A metà. Testi e musica sono ad opera mia dall’inizio alla fine, ma l’arrangiamento è stato curato da Francesco Sacco, che è anche il produttore del disco. Da me arriva l’armonia, l’elettronica presente invece grazie a lui>>.

Come ti sei approcciata alla musica?

<<Ho sempre suonato. Da piccola il violino, poi ho iniziato a studiare dalle scuole elementari frequentando la scuola di Jazz. Quindi anche se in periodi diversi tra loro – a volte per professione, altre per hobby – nella mia vita ho sempre svolto attività inerenti alla musica>>.

Quali sono gli artisti che più di tutti hanno influenzato la tua arte?

<<A me piace molto la musica nord-americana in generale, che va dal Folk anni ’70 al Jazz, passando per la musica afroamericana e l’hip hop, ed è questo che mi ha influenzato. Adesso ascolto molta musica pop>>.

Quale ritieni sia, per te, la traccia più rappresentativa del disco?

<<Mr. Agony, il primo singolo. Perché oltre ad essere la prima canzone da cui siamo partiti, è anche quella che descrive la storia, infatti – dopo l’intro – è la prima canzone del disco, e Mr. Agony è proprio la persona a cui è dedicato l’album. Siamo partiti da questa canzone per la creazione del progetto, e tutte le altre canzoni dipendono da questa>>.

Come ti stai preparando per l’evento all’Auditorium Demetrios Stratos di Milano, in cui presenterai il disco?

<<Vorrei che la resa, siccome sarà la presentazione ufficiale del disco, fosse quanto più vicina possibile a quella del disco. Per questo motivo sul palco ci saranno tanti musicisti e strumenti. Ci sarà la batteria, contrabbasso, tastiere, chitarra e la mia voce>>.

Qual è il tuo obbiettivo da qui a un anno?

<<Ancora non lo so, per il momento mi sto concentrando su questo disco. Ovviamente dopo questo farò un altro album ma non so ancora con quali modalità, perché Tank girl è in lingua inglese come i testi della storia chiedevano, e non volevo cambiarli. In futuro non so se continuerò su questa strada o tornerò a fare un disco in italiano. Sono molto aperta anche a utilizzare brani di altri autori, perché questo disco è nato da una necessità, il prossimo vorrei fosse più ponderato>>.

Grazie mille per la tua disponibilità Irene, puoi fare un saluto ai lettori di Recensiamo Musica?

<<Grazie mille per lo spazio, saluto tutti i “fruitori” di Recensiamo Musica. Spero che il disco vi piaccia!>>.

Puoi restare sintonizzato con tutte le ultime novità su Irene Maggi attraverso la sua pagina Facebook.

Ascolta qui “Tank girl“:

The following two tabs change content below.

Andrea Picariello

Ventenne salernitano, music addicted, comunicatore e social media manager. Attualmente impegnato come consulente social per Radio Castelluccio. Quasi giornalista di forma, già giornalista in sostanza.

Andrea Picariello

Ventenne salernitano, music addicted, comunicatore e social media manager. Attualmente impegnato come consulente social per Radio Castelluccio. Quasi giornalista di forma, già giornalista in sostanza.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.