Top & Flop settimana 45: Shade e Federica Carta fanno faville, Jovanotti sbaglia anche il secondo brano

Quali sono i top e quali i flop musicali dell’ultima settimana musicale?

I TOP:

Io non abito al mare – Francesca Michielin: Singolo meno efficace del precedente “Vulcano” ma con un ritornello funzionale ed un ritmo incalzante. La giovane artista di Bassano Del Grappa sembra non sbagliare nemmeno un colpo, si promette uno dei migliori dischi del 2018 se si prosegue di questo passo.

Irraggiungibile – Shade ft. Federica Carta: Non avrei mai pensato ci potesse essere, in questo genere, qualcosa migliore di Magnifico di Fedez feat. Francesca Michielin prima di sentire questo brano. Entrambi funzionano benissimo ed i giochi di parole del rapper torinese sono molto più efficaci di tanti che si sentono nell’ultimo periodo, anche dalla bocca di rapper molto più affermati.

Fenomeno (Masterchef Edition) – Fabri Fibra: Dopo un non convincente “Fenomeno” Fibra ci riprova con questa ristampa tirando fuori dei pezzi che ricordano molto il Fibra che spopolava nella metà degli anni 2000. Più cattivo e maturo che mai, è la rinascita del rapper marchigiano seppur i testi forti e pieni di parolacce son meno radiofonici di una Pamplona o Stavo Pensando A Te.

I FLOP:

JovanottiPaura di niente – Jovanotti: Se prendessimo una macchina del tempo ed andassimo a dire al Lorenzo degli anni ’90 che nel 2017 avrebbe sbagliato due singoli di fila, si metterebbe a ridere fragorosamente. Eppure è quello che è successo, la canzone è forse ancora più brutta della precedente. Dove sei finito, Jova che sfornava le hit?

L’eliminazione di Camille Cabaltera a X-Factor e il comportamento di Fedez: Una delle più grandi ingiustizie mai viste su quel palco. La giovane italo-filippina sprizzava energia da tutti i pori ed era qualcosa di innovativo nel panorama italiano. Inoltre, aggiungiamoci il comportamento sempre più acido e bambinesco di Fedez ed abbiamo il ritratto di una catastrofe. Speriamo che giovedì non succedano altri pandemoni. 

Le canzoni alla radio – Max Pezzali: Fa sempre piacere sentire i vecchi brani dello storico cantante di Pavia, il problema arriva quando bisogna sorbirsi anche quelli nuovi. Uno clamorosamente più brutto dell’altro.

The following two tabs change content below.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un’altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere.
Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *