Almanacco musicale del 1 giugno

Giorno per giorno, le curiosità, i compleanni dei personaggi più amati e le uscite da non dimenticare

Almanacco musicale del 1 giugno

1942 – Nasce a Roma il chitarrista Alberto Radius dei Formula 3
1943 – Nasce a Cavriago la cantante Orietta Berti*
1951 – Nasce a Bologna il cantante e chitarrista Dodi Battaglia
1963 – Rita Pavone è in vetta alle classifiche con “Il ballo del mattone”
1974 – “Anima mia” dei Cugini di Campagna è in cima alla hit parade
2001 – Irene Grandi pubblica la raccolta “Irek”
2002 – Mango debutta in radio con “La rondine”**
2006 – Neffa rilascia il singolo “Il mondo nuovo
2010 – J-Ax e Neffa, alias i Due di Picche, pubblicano l’album “C’eravamo tanto odiati”
2012 – Adriano Celentano lancia “La cumbia di chi cambia”, scritta da Jovanotti
2012 – Valerio Scanu pubblica il singolo Libera mente
2013 – Moreno vince la dodicesima edizione di “Amici” di Maria De Filippi
2014 – I Club Dogo rilasciano il singolo “Weekend”
2015 – Max Pezzali lancia il disco “Astronave Max”
2016 – Francesco Renga incide Il bene
2017 – Marco Mengoni pubblicaOnde

*Il personaggio del giorno: Orietta Berti

Orietta BertiSettantatré candeline sulla torta per Orietta Berti, popolare cantante italiana che nel corso della sua fortunata carriera ha pubblicato album in diversi Paesi del mondo, arrivando a vendere oltre 15 milioni di dischi in oltre cinquant’anni di carriera e partecipando per ben undici volte come concorrente al Festival di Sanremo. Tra i diversi brani di successo ricordiamo “Tu sei quello”, “Io ti darò di più”, “Tu che non mi sorridi mai”, “Quando l’amore diventa poesia”, “Tipitipitì”, “L’altalena”, “Non illuderti mai”, “Occhi rossi”, “Finchè la barca và”, “Una bambola blu”, “Via dei ciclamini”, “Stasera ti dico di no”, “Ah, l’amore che cos’è”, “Omar”, “Eppure ti amo”, “La barca non va più”, “America in”, “Futuro”, “Rumba di tango” con Giorgio Faletti, “Incompatibili ma indivisibili” e “Dietro un grande amore”.

**La canzone del giorno: La rondine

 “…Ti vorrei, ti vorrei
come sempre ti vorrei
notte farà, mi penserai
ma tu che ne sai dei sogni
quelli son miei, non li vendo
che ne sai, che ne sai
chissà che mi scriverai
forse un addio, o forse no
ma tu che ne sai dei sogni

Nonostante tu sia
la mia rondine andata via,
sei il mio volo a metà
sei il mio passo nel vuoto
dove sei, dove sei
dove sei, dove sei dove sei
unico amore che, rivivrei
sai di vento del Nord
sai di buono ma non di noi
stessa luna a metà
sei nel cielo sbagliato

Non lo so, non lo so
quanto tempo ammazzerò
mio libro mio, non ti leggerò
baciandoti sulla bocca.
lo scriverò un altra volta

Nonostante tu sia
nonostante tu sia
la mia rondine andata via
sei il mio volo a metà
sei il mio passo nel vuoto…”

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.