Sanremo per tutti - La storia del Festival 1966-1967

I riassuntoni di Sanremo, il Festival spiegato facile

Il nostro viaggio nella storia del Festival di Sanremo prosegue nel segno della continuità, quella del 1966 è l’edizione della conferma, che premia ancora una volta Domenico Modugno e Gigliola Cinquetti, quarto titolo per lui e secondo titolo per lei, con il brano “Dio come ti amo”, un pezzo tradizionale che fa della propria forza l’interpretazione, a metà tra una supplica e un’invocazione.

La modernità è un’ingrediente comunque fondamentale in questa edizione, di fatto spopola il beat, basti pensare alla canzone seconda classificata, vale a dire “Nessuno mi può giudicare” dell’esordiente Caterina Caselli. Inedito inizialmente destinato ad Adriano Celentano che, dopo averlo provinato, preferisce portare in scena un brano decisamente più nelle sue corde.

Stiamo parlando de “Il ragazzo della via Gluck”, l’unico pezzo di quell’annata a non parlare d’amore, una canzone di protesta, profondamente ecologista, un atto di accusa contro la speculazione edilizia. Ideologie anti-urbanistiche mal comprese dalle giurie che ne determinano l’eliminazione. Un’esclusione che desta parecchio clamore, per certi versi ancora oggi incomprensibile.

Quella del 1967, invece, è un’annata profondamente segnata dalla morte di Luigi Tenco. Il cantautore si presenta, su decisione imposta dalla sua casa discografica, con il brano “Ciao amore ciao” in coppia con Dalida, con la quale aveva una relazione segreta. Il motivo non viene ammesso alla serata finale… ciò che è successo dopo resta ancora oggi un mistero.

Il corpo del ventisettenne viene ritrovato senza vita nella camera 219 dell’Hotel Savoy, con l’ipotesi di suicidio si concludono frettolosamente le indagini. Negli anni si sono contrapposte varie teorie, ma non si è mai fatta reale chiarezza. Davanti ad una simile tragedia, la gara e le canzoni passano in secondo piano. A vincere sono Claudio Villa e Iva Zanicchi con “Non pensare a me”.

Questo e molto altro ancora nell’ottavo appuntamento di Sanremo per tutti – il festival spiegato facile, a voi il nostro video-racconto e alcuni ulteriori dettagli su queste due storiche annate.

Sanremo per tutti | 1966 – 1967

1966 | Info

XVI Festival della canzone italiana
in scena dal 27 al 39 gennaio al Salone delle feste del Casinò municipale di Sanremo
presenta: Mike Bongiorno con Paola Penni e Carla Maria Puccini
direzione artistica: Gianni Ravera

1966 | Regolamento

26 canzoni in gara per 47 interpreti (Lucio Dalla, Adriano Celentano, Sergio Endrigo, Caterina Caselli, Orietta Berti, Bobby Solo, Claudio Villa, Gino Paoli, Milva, Iva Zanicchi, Ornella Vanoni, Giorgio Gaber, Nicola Di Bari, Pino Donaggio, Edoardo Vianello, Wilma Goich, Anna Identici, gli Equipe 84, Luciana Turina, Anna Marchetti, i Ribelli, Gino, Luciano Tomei, Paola Bertoni, Giuseppe Di Stefano, Plinio Maggi, il Trio del Clan, Franco Tozzi, John Foster, i Las Surfs, Ricardo, Luis Alberto del Paranà, Richard Anthonye, Françoise Hardy, i Renegades, Yardbirds, Bobby Vinton, Chad & Jeremy, Vic Dana, P. J. Proby, i The New Christy Minstrels, Gene Pitney, Pat Boone, Remo Germani, Peppino Gagliardi, Domenico Modugno e Gigliola Cinquetti). Due interpretazioni per brano, la giuria (composta da 200 elementi) seleziona i 14 brani qualificati per la serata finale.

1966 | Classifica

Domenico Modugno – Gigliola Cinquetti – Dio come ti amo
(Domenico Modugno)
Caterina Caselli – Gene Pitney – Nessuno mi può giudicare
(Daniele Pace, Mario Panzeri, Luciano Beretta, Miki Del Prete)
Wilma Goich – Les Surfs – In un fiore
(Mogol, Carlo Donida)
Pino Donaggio – Claudio Villa – Una casa in cima al mondo
(Vito Pallavicini, Pino Donaggio)
Anna Identici – The New Christy Minstrels – Una rosa da Vienna
(Bruno Lauzi, Gianni Guarneri)
Orietta Berti – Ornella Vanoni – Io ti darò di più
(Alberto Testa, Memo Remigi)
Giorgio Gaber – Pat Boone – Mai mai mai Valentina
(Gene Colonnello, Alberto testa)
Edoardo Vianello – Françoise Hardy – Parlami di te
(Vito Pallavicini, Edoardo Vianello)
Sergio Endrigo – Chad & Jeremy – Adesso sì
(Sergio Endrigo)
Milva – Richard Anthony – Nessuno di voi
(Vito Pallavicini, Giorni Kramer)
Peppino Gagliardi – Pat Boone – Se tu non fossi qui
(Carlo Alberto Rossi, Marisa Terzi)
12° Remo Germani – Les Surfs – Così come viene
(Vito Pallavicini, Ezio Leoni)
13° Iva Zanicchi – Vic Dana – La notte dell’addio
(Memo Remigi, Alberto Testa, Giuseppe Diverio)
14° I Ribelli – The New Christy Minstrels – A la buena de Dios
(Walter Malgoni, Bruno Pallesi)

Non finalisti
Luciana Turina – Gino – Dipendesse da me
(Vito Pallavicini, Iller Pattacini)
Adriano Celentano – Trio del Clan – Il ragazzo della via Gluck
(Luciano Beretta, Miki Del Prete, Adriano Celentano)
Franco Tozzi – Bobby Vinton – Io non posso crederti
(Gianni Marchetti, Gianni Sanjust)
Anna Marchetti – Plinio Maggi – Io ti amo
(Gianni Fallabrino, Plinio Maggi)
Gino Paoli – Ricardo – La carta vincente
(Gino Paoli)
Nicola Di Bari – Gene Pitney – Lei mi aspetta
(Vito Pallavicini, Alberto Baldan Bembo)
Lucio Dalla – The Yardbirds – Paff… bum
(Sergio Bardotti, Gianfranco Reverberi)
Giuseppe Di Stefano – P. J. Proby – Per questo voglio te
(Mogol, Mansueto De Ponti)
Luciano Tomei – Luis Alberto del Paranà e Los Paraguayos – Quando vado sulla riva
(Franco Maresca, Mario Pagano)
Bobby Solo – The Yardbirds – Questa volta
(Mogol, Roberto Satti)
John Foster – Paola Bertoni – Se questo ballo non finisse mai
(Vito Pallavicini, Gino Mescoli)
Equipe 84 – The Renegades – Un giorno tu mi cercherai
(Pantros, Franco Campanino)

1967 | Info

XVII Festival della canzone italiana
in scena dal 26 al 28 gennaio al Salone delle feste del Casinò municipale di Sanremo
presenta: Mike Bongiorno con Renata Mauro
direzione artistica: Gianni Ravera

1967 | Regolamento

30 canzoni in gara eseguite in doppia esecuzione da 58 interpreti (Lucio Dalla, Milva, Giorgio Gaber, Johnny Dorelli, Domenico Modugno, Bobby Solo, Caterina Caselli, Nicola Di Bari, Ornella Vanoni, Fred Bongusto, Betty Curtis, Little Tony, Edoardo Vianello, Wilma Goich, Orietta Berti, Jimmy Fontana, Sergio Endrigo, Remo Germani, Pino Donaggio, Peppino Di Capri, Mino Reitano, Don Backy, Tony Del Monaco, Antoine, I Giganti, Annarita Spinaci, Memo Remigi, Nico Fidenco, Carmen Villani, Gianni Pettinati, Carmelo Pagano, Mario Zelinotti, Gian Pieretti, Donatella Moretti, Riki Maiocchi, i Los Marcellos Ferial, Gidiuli, Mario Guarneri, Roberta Amadei, Las Surfs, The Rokes, Los Bravos, Anna German, The Bachelors, The Hollies, Les Compagnons de la Chandon, Marianne Faithfull, Gene Pitney, Bobby Goldsboro, The Happenings, Connie Francis, Cher e Sonny Bono, Dionne Warwick, Claudio Villa e Iva Zanicchi). Vengono presentate 15 canzoni per sera, per i primi due giorni. Al termine di ogni serata la giuria (composta da 225 elementi) vota e decide quali sono le quattordici canzoni finaliste.

1967 | Classifica

Claudio Villa – Iva Zanicchi – Non pensare a me
(Alberto Testa, Eros Sciorilli)
Annarita Spinaci – Les Surfs – Quando dico che ti amo
(Tony Renis, Alberto Testa)
I Giganti – The Bachelors – Proposta
(Albula, Giordano Bruno Martelli, Augusto Martelli)
Ornella Vanoni – Mario Guarnera – La musica è finita
(Nisa, Franco Califano, Umberto Bindi)
Orietta Berti – Les Compagnons de la Chanson – Io, tu e le rose
(Daniele Pace, Mario Panzeri, Brinniti)
Lucio Dalla – The Rokes – Bisogna saper perdere
(Giuseppe Cassia, Ruggero Cini)
Sergio Endrigo – Memo Remigi – Dove credi di andare
(Sergio Endrigo)
Gian Pieretti – Antoine – Pietre
(Ricky Gianco, Gian Pieretti)
Johnny Dorelli – Don Backy – L’immensità
(Don Backy, Mogol, Detto Mariano)
10° Little Tony – Mario Zelinotti – Cuore matto
(Armando Ambrosino, Totò Savio)
11° Pino Donaggio – Carmen Villani – Io per amore
(Vito Pallavicini, Pino Donaggio)
11° Wilma Goich – The Bachelors – Per vedere quanto grande è il mondo
(Mogol, Carlo Donida)
13° Giorgio Gaber – Remo Germani – E allora dai
(Giorgio Gaber)
13° Gianni Pettenati – Gene Pitney – La rivoluzione
(Mogol, Roberto Soffici)

Non finalisti
Bobby Solo – Connie Francis – Canta ragazzina
(Carlo Donida, Iller Pattacini, Prog)
Riki Maiocchi – Marianne Faithfull – C’è chi spera
(Daniele Pace, Mario Panzeri, Gene Colonnello)
Luigi Tenco – Dalida – Ciao amore ciao
(Luigi Tenco)
Peppino Di Capri – Dionne Warwick – Dedicato all’amore
(Daniele Pace, Alberto Testa, Fabio Carraresi)
Roberta Amadei – Carmelo Pagano – Devi avere fiducia in me
(Franco Specchia, Renato Martini)
Tony Del Monaco – Betty Curtis – E’ più forte di me
(Enrico Polito, Tony Del Monaco)
Fred Bongusto – Anna German – Gi
(Vito Pallavicini, Antonio Amurri, Fred Bongusto)
Nicola Di Bari – Gene Pitney – Guardati alle spalle
(Luciano Beretta, Daniele Pace, Mario Panzeri, Franco Monaldi)
Caterina Caselli – Sonny Bono e Cher – Il cammino di ogni speranza
(Umberto Napolitano)
Nico Fidenco – Cher – Ma piano (per non svegliarmi)
(Gianni Meccia)
Jimmy Fontana – Edoardo Vianello – Nasce una vita
(Sergio Bardotti, Jimmy Fontana)
Mino Reitano – The Hollies – Non prego per me
(Mogol, Lucio Battisti)
Los Marcellos Ferial – The Happenings – Quando vedrò
(Marisa Terzi, Carlo Alberto Rossi)
Domenico Modugno – Gidiuli – Sopra i tetti azzurri del mio pazzo amore
(Vito Pallavicini, Domenico Modugno)
Donatella Moretti – Bobby Goldsboro – Una ragazza
(Vito Pallavicini, Bruno Pallesi, Walter Malgoni)
Milva – Los Bravos – Uno come noi
(Giorgio Bertero, Umberto Martucci, Marino Marini)

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Di Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.