Alessio Bernabei oggi è “Senza filtri” per raccontare sè – RECENSIONE

Recensione del nuovo album del cantautore laziale

Alessio BernabeiA volte apparire come gli altri ci vogliono vedere è la soluzione più semplice, immediata e, forse, persino l’unica concessa da chi muove le fila del discorso. Per tornare ad essere se stessi, prima ai propri occhi e poi agli occhi del pubblico, occorre spesso tempo, grande determinazione e coraggio perchè è un processo che impone di mettere sul piatto tutto ciò che si è conquistato essendo consapevoli di poterlo perdere in un batter d’occhio. C’è chi rinuncia e c’è chi, invece, come Alessio Bernabei accetta di rischiare pubblicando un disco come Senza filtri che risulta, da qualsiasi punto di vista, anticonvenzionale.

Anticonvenzionale perchè, pur arrivando a due anni e mezzo di distanza da Noi siamo infinito (di cui qui la nostra recensione), contiene appena 6 tracce che non hanno nulla, o quasi, a che vedere con l’Alessio di un tempo. Almeno dal punto di vista musicale ed intenzionale. E tutto ciò perchè Alessio ha scelto di rischiare, di ripartire in nome di un motto quanto mai importante e, in questo caso, anche personale: “ricomincio da me”.

Il tema di questo breve ma intenso e anticonvenzionale lavoro è l’io, la riflessione sul proprio percorso fatto di passato ma anche e soprattutto di presente e futuro. A metterlo in chiaro è, fin da subito, la traccia d’apertura ed il lead single dell’intero progetto, Ti ricordi di me? (di cui qui la nostra recensione) che nel ritornello intona “gli anni passano, le persone cambiano, molti non ricordano, rimarrò per sempre il “caro Jack” un po’ come quando io stavo insieme a te, un po’ come quando cantavi insieme a me” celando, non troppo misteriosamente, una nostalgia, positiva o negativa che sia, per il passato fatto di grande popolarità che non è affatto detto abbia cambiato quel ragazzino dai ciuffo sbarazzino che conquistò le folle con i suoi Dear Jack.

Alessio Bernabei

Musicalmente più leggera ma ben più calata all’interno del mondo anni ’80 è Non ti preoccupare che, sull’ombra di un rapporto a due, ha l’unico obiettivo di “voglio solo stare con te” mentre tastiere e leggeri sintetizzatori fanno il loro senza troppa invadenza. In contrapposizione si colloca La c***o di fine del mondo che risulta la più futurista proposta per quelle sue distorsioni sonore e quell’incedere frammentato tipico dei nuovi linguaggi musicali.

L’altro episodio degno di nota dal punto di vista testuale e di senso è la conclusiva Avanti un altro che, se musicalmente si rivela poco appetibile, nelle liriche inserisce i versi “e non mi dire che sono cambiato forse sei tu che non mi hai mai capito” che dietro il velo di Maya della classica storia d’amore cela ben altro significato personale.

A conclusione ci sono Come dici tu, l’episodio più spensierato e leggero di quelli proposti rendendosi fischiettabile con facilità ed ironico anche nell’espressione vocale del cantato che nello special finale si fa quasi a cappella aprendo un bel finale sregolato, e Messi e Ronaldo che, con l’espediente dei due campioni del calcio mondiale, racconta la bellezza di rischiare in amore inneggiando alla fiducia reciproca poggiando su di una chitarra acustica quasi silenziata da un arrangiamento moderno, sostenuto e funzionale.

Il nuovo Bernabei che emerge da questo atteso e sudato progetto discografico è un ragazzo che ha poco a che fare con quello di qualche stagione fa. Ha provato a renderlo evidente con il taglio del ciuffo ma basta ascoltare un album che lo vede cresciuto sotto tutti i punti di vista per capire che la maturazione definitiva è avvenuta e si è verificata nel verso giusto. Il buon Alessio avrà perso il fascino del ragazzino “bello e impossibile” innalzato dalla TV che, prontamente, lo ha sostituto senza farsi troppe domande ma ha conquistato quella credibilità personale che gli mancava, quella che, finalmente, lo rende un artista capace di raccontarsi “senza filtri”.

MIGLIOR TRACCIA: Ti ricordi di me?

VOTO COMPLESSIVO: 7.5/10

ACQUISTI:

VIDEO-RECENSIONE: in aggiornamento

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.