classifica 4 gennaio 1975

Ritorniamo al passato per riscoprire i successi di questo stesso giorno

Scorrendo le pagine del calendario e delle classifiche torniamo a quel sabato 4 gennaio 1975 laddove l’HitParade italiana ospitava in vetta il successo del duo comico-televisivo formato da Cochi e Renato intitolato “E la vita, la vita“.

Il brano, scritto con la collaborazione di Enzo Jannacci che ne curava anche gli arrangiamenti, era stato pensato come sigla di chiusura dell’edizione del 1974 di Canzonissima di cui Cochi e Renato erano protagonisti fissi di ogni puntata. La canzone raccolse da subito un grandissimo successo riflettendo il carattere surreale che il duo di Cochi e Renato suscitava presso il pubblico.

In classifica spicca, tra gli altri titoli, anche la duplice presenza di Raffaella Carrà che, all’apice della propria scalata televisiva, offriva ben due brani all’HitParade. Da una parte è presente la celebre ‘Rumore‘, uno dei successi più conosciuti della carriera della subrette che, con questo pezzo, vendette in pochi mesi oltre 10 milioni di copie in tutto il mondo, dall’altra, invece, è presente ‘Felicità tà tà‘, utilizzata come sigla dell’ultima edizione di Canzonissima condotta dalla Carrà nel 1974.

Top 10 del 4 gennaio 1975 |
  1. E la vita, la vita – Cochi e Renato
  2. Bellissima – Adriano Celentano
  3. Sugar baby love – The Rubettes
  4. Rumore – Raffaella Carrà
  5. Romance (Beethoveen ’74) – James Last
  6. Felicità tà tà – Raffaella Carrà
  7. Bella senz’anima – Riccardo Cocciante
  8. Rock your baby – George McCrae
  9. Ave Maria – Eumir Deodato
  10. Sereno è – Drupi
La canzone |

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.