I riassuntoni di Sanremo, il Festival spiegato facile

Il nostro viaggio nella storia del Festival di Sanremo prosegue nel segno della rivoluzione, la protesta sessantottina giunge fino del 1970, alle porte del Casinò, grazie alla coppia più bella del mondo, vale a dire Adriano Celentano e Claudia Mori, che si aggiudica il titolo della ventesima edizione della kermesse con “Chi non lavora non fa l’amore”.

Una canzone che non passerà alla storia, ma in quel momento ha fatto la storia. Il clima che si respira in Italia è ben lontano da quello degli inizi del decennio precedente, dal boom economico si è passati alle contestazioni, così vengono approvate norme importanti a cominciare dallo statuto dei lavoratori, passando per la legge che introduce per la prima volta il divorzio.

In qualche modo, il brano vincitore del Festival fotografa meglio di una reflex quel preciso e delicato momento storico. Dalla rivoluzione si ritorna alla tradizione, nel 1971 a convincere le giurie è “Il cuore è uno zingaro”, di Nicola Di Bari in abbinamento con la giovanissima Nada. Questo e molto altro ancora nel decimo appuntamento di Sanremo per tutti – il festival spiegato facile, buona visione!

Sanremo per tutti | 1970 – 1971

1970 | Info

XX Festival della canzone italiana
in scena dal 26 al 28 febbraio al Salone delle feste del Casinò municipale di Sanremo
presenta: Nuccio Costa con Enrico Maria Salerno e Ira von Fürstenberg
direzione artistica: Gianni Ravera e Ezio Radaelli

1970 | Regolamento

26 canzoni in gara eseguite da ben 52 interpreti (Iva Zanicchi, Bobby Solo, Caterina Caselli, Ornella Vanoni, Claudio Villa, Rita Pavone, Fausto Leali, Gigliola Cinquetti, Sergio Endrigo, Nicola Di Bari, Patty Pravo, Ricchi e Poveri, Luciano Tajoli, Anna Identici, Little Tony, Orietta Berti, Mal, Antoine, Nada, Carmen Villani, Dik Dik, Marisa Sannia, Renato Rascel, Pino Donaggio, Rosanna Fratello, Tony Del Monaco, Nino Ferrer, Rocky Roberts, Tony Renis, Ron, Gianni Nazzaro, Dori Ghezzi, Camaleonti, Mario Tessuto, Donatello, Paolo Mengoli, Ragazzi della via Gluck, Michele, Francesco Banti, Dino Drusiani, Emiliana, Gens, Lucia Rizzi, Domodossola, Pio, Il Supergruppo, Sandie Shaw, Rossano, Valeria Mongardini, Sergio Leonardi, Adriano Celentano e Claudia Mori). La formula è la stessa delle precedenti due edizioni, i brani in concorso vengono votati ogni sera da 550 giurati diversi, divisi in 22 giurie dislocate sul territorio.

1970 | Classifica

Adriano Celentano – Claudia Mori – Chi non lavora non fa l’amore
(Luciano Beretta, Miki Del Prete, Adriano Celentano)
Nicola Di Bari – Ricchi e Poveri – La prima cosa bella
(Mogol, Nicola Di Bari)
Sergio Endrigo – Iva Zanicchi – L’arca di Noè
(Sergio Endrigo)
Ornella Vanoni – Camaleonti – Eternità
(Giancarlo Bigazzi, Mario Cavallaro)
Patty Pravo – Little Tony – La spada nel cuore
(Mogol, Carlo Donida)
Gigliola Cinquetti – Bobby Solo – Romantico blues
(Daniele Pace, Mario Panzeri, Lorenzo Pilat)
Rosalino Cellamare – Nada – Pa’ diglielo a ma’
(Franco Migliacci, Jimmy Fontana, Cesare Gigli, Italo Greco, Carlo Pes)
Antoine – Anna Identici – Taxi
(Gianni Argenio, Daniele Pace, Mario Panzeri, Corrado Conti)
Orietta Berti – Mario Tessuto – Tipitipitì
(Daniele Pace, Mario Panzeri, Lorenzo Pilat)
10° Luciano Tajoli – Mal – Sole pioggia e vento
(Mogol, Elio Isola)
11° Gianni Nazzaro – Marisa Sannia – L’amore è una colomba
(Giancarlo Bigazzi, Totò Savio)
12° Fausto Leali – Carmen Villani – Hippy
(Luciano Beretta, Fausto Leali)
13° Tony Renis – Sergio Leonardi – Canzone blu
(Alberto Testa, Mogol, Tony Renis)
14° Nino Ferrer – Caterina Caselli – Re di cuori
(Giancarlo Bigazzi, Totò Savio, Claudio Cavallaro)

Non finalisti
Rocky Roberts – Il Supergruppo – Accidenti
(Dante Pieretti, Ricky Gianco)
Rita Pavone – Valeria Mongardini – Ahi ahi ragazzo!
(Franco Migliacci, Umberto Napolitano)
Ragazzi della via Gluck – Paolo Mengoli – Ahi! Che male che mi fai
(Popi Minellono, Toto Cutugno)
Pino Donaggio – Sandie Shaw – Che effetto mi fa
(Popi Minellono, Pino Donaggio)
Rosanna Fratello – I Domodossola – Ciao anni verdi
(Vito Pallavicini, Alessandro Celentano, Nando De Luca)
Donatello – Dik Dik – Io mi fermo qui
(Luigi Albertelli, Enrico Ricciardi)
Michele – Lucia Rizzi – L’addio
(Sergio Bardotti, Andrea Lo Vecchio, Plinio Maggi)
Emiliana Perina – Gens – La stagione di un fiore
(Salvatore Rausi, Luciano Rossi)
Renato Rascel – Pio – Nevicava a Roma
(Luciano Beretta, Miki Del Prete, Peppino Verdecchia, Roberto Negri)
Rossano – Dori Ghezzi – Occhi a mandorla
(Vito Pallavicini, Piero Soffici)
Francesco Banti – Dino Drusiani – Ora vivo
(Aldo Pagani, Alberto Favata)
Claudio Villa – Tony Del Monaco – Serenata
(Giancarlo Bigazzi, Totò Savio, Enrico Polito)

1971 | Info

XXI Festival della canzone italiana
in scena dal 25 al 27 febbraio al Salone delle feste del Casinò municipale di Sanremo
presenta: Carlo Giuffré con Elsa Martinelli
direzione artistica: Gianni Ravera e Ezio Radaelli

1971 | Regolamento

24 canzoni in gara eseguite da 48 interpreti (Adriano Celentano, Domenico Modugno, Lucio Dalla, Nomadi, Caterina Caselli, Peppino Di Capri, Al Bano Carrisi, Little Tony, Gigliola Cinquetti, Ricchi e Poveri, Don Backy, Sergio Endrigo, Equipe 84, Mal, José Feliciano, Anna Identici, Dik Dik, Gianni Nazzaro, Formula 3, Carmen Villani, i Giganti, Pino Donaggio, Antoine, New Trolls, Marisa Sannia, Donatello, Gens, Pio, Nino Ferrer, Paolo Mengoli, Rosanna Fratello, Piero Focaccia, Aguaviva, Edda Ollari, Coro Alpino Milanese, Mungo Jerry, Fabio Trioli, Jordan, Mau Cristiani, Lorenza Visconti, Mark e Martha, Ray Conniff, Maurizio & Fabrizio, Protagonisti, Sergio Menegale, Nada e Nicola Di Bari). La giuria, composta da 572 elementi diversi ogni sera, vota e decide quali sono le quattordici canzoni finaliste. Si tratta dell’ultima edizione che adotta la formula della doppia esecuzione

1971 | Classifica

Nada – Nicola Di Bari – Il cuore è uno zingaro
(Franco Migliacci, Claudio Mattone)
Ricchi e Poveri – José Feliciano – Che sarà
(Franco Migliacci, Jimmy Fontana, Carlo Pes)
Lucio Dalla – Equipe 84 – 4/3/1943
(Paola Pallottino, Lucio Dalla)
Donatello – Marisa Sannia – Com’è dolce la sera
(Giuliano Illani, Luigi Albertelli, Enrico Ricciardi)
Adriano Celentano – Coro Alpino Milanese – Sotto le lenzuola
(Luciano Beretta, Miki Del Prete, Adriano Celentano)
Domenico Modugno – Carmen Villani – Come stai?
(Riccardo Pazzaglia, Domenico Modugno)
Don Backy – Gianni Nazzaro – Bianchi cristalli sereni
(Don Backy)
Al Bano Carrisi – Aguaviva – 13, storia d’oggi
(Vito Pallavicini, Al Bano Carrisi)
Gigliola Cinquetti – Ray Conniff – Rose nel buio
(Daniele Pace, Mario Panzeri, Lorenzo Pilat)
10° Caterina Caselli – Dik Dik – Ninna nanna (cuore mio)
(Luigi Albertelli, Enrico Ricciardi)
11° Pino Donaggio – Peppino Di Capri – L’ultimo romantico
(Vito Pallavicini, Pino Donaggio)
12° Little Tony – Formula 3 – La folle corsa
(Mogol, Carlo Donida)
13° Sergio Endrigo – New Trolls – Una storia
(Sergio Endrigo)
14° Sergio Menegale – Wallace Collection – Il sorriso il paradiso
(Gianni D’Errico, Sergio Menegale)

Non finalisti
Rosanna Fratello – Nino Ferrer – Amsterdam
(Daniele Pace, Mario Panzeri, Pino Calvi)
Maurizio & Fabrizio – Protagonisti – Andata e ritorno
(Luigi Albertelli, Donato Renzetti)
Paolo Mengoli – Mark e Martha – I ragazzi come noi
(Guido Lombardi, Antonio Balducci)
Antoine – Anna Identici – Il dirigibile
(Luigi Albertelli, Maurizio Fabrizio)
I Giganti – Fabio Trioli – Il viso di lei
(Stefano Scandolara, Baracuda, Vince Tempera)
Jordan – Gens – Lo schiaffo
(Giandiego Deriu, Vincenzo Barsanti)
Edda Ollari – Lorenza Visconti – L’ora giusta
(Gianni Argenio, Daniele Pace, Mario Panzeri, Corrado Conti)
Nomadi – Mal – Non dimenticarti di me
(Mogol, Mario Lavezzi)
Pio – Mau Cristiani – Occhi bianchi e neri
(Alberto Testa, Miki Del Prete, Eros Sciorilli)
Piero Focaccia – Mungo Jerry – Santo Antonio Santo Francisco
(Vito Pallavicini, Paolo Conte)

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Di Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.