Cristina D’Avena, dieci anni di “Magia di Natale”

Album Amarcord: i dischi più belli da riascoltare

C’era un’epoca non molto lontana, fino ad una decina di anni fa, in cui fare un disco di Natale non era una moda, bensì un banco di prova e un momento importante per la carriera di un artista. Ne sa qualcosa Cristina D’Avena (qui la nostra ultima intervista), una delle primissime artiste a mettersi alla prova con il repertorio natalizio, prima dell’ondata di proposte arrivate negli anni successivi. Precedentemente, in tempi non sospetti, soltanto Irene Grandi ed Enrico Ruggeri avevano inaugurato il nuovo millennio con un disco di cover dedicate al Natale.

Pubblicato il 27 novembre del 2009, “Magia di Natale” è l’album che segna una svolta nella carriera della cantante emiliana, il primo progetto non composto da sigle televisive, dopo ben ventotto anni di  onorato servizio nel mondo dei cartoni animati. Dodici le tracce in scaletta, tutte arrangiate dal Maestro Valeriano Chiaravalle, molte delle quali tratte dal repertorio classico della tradizione natalizia, come “Santa notte” (versione italiana dell’austriaca “Stille nacht”, conosciuta anche come “Astro del ciel”), “Bianco Natale” e “Oh holy night”.

Per la prima volta Cristina D’Avena incide in lingua inglese, tra cui spiccano le reinterpretazioni diAll I want for Christmas is you” di Mariah Carey e “Happy Xmas (war is over)” di John Lennon, ma anche canzoni che non hanno a che fare con la tradizione natalizia, come “The prayer” portata al successo della coppia formata da Andrea Bocelli e Céline Dion, “Childhood” di Michael Jackson e la celebre Ninna nanna di Brahms”.

Leggermente meno riuscite le versioni italianizzate dei grandi classici di matrice anglo-americana, come “Ginge rock” (originariamente “Jingle Bell Rock”), “Il Natale arriva in città” (meglio nota come “Santa Claus is comin to town”) e “Din don dan” (ovvero la celeberrima “Jingle bells”), che tradotte non rendono quanto l’originale. Splende di luce propria, invece, la nuova versione di “Alla scoperta di Babbo Natale”, che la stessa interprete bolognese aveva inciso nell’86 come sigla dell’omonimo anime, proposta in maniera convincente in salsa pop, esperimento che in futuro ha replicato con successo nei recenti Duets e Duets forever, duettando con ben trentasei personaggi di spicco della musica leggera italiana.

In “Magia di Natale” Cristina D’Avena ci regala nuove sfumature, discostandosi per la prima volta dal suo solito repertorio, sperimentando al di fuori dalla sua zona di comfort, mettendosi alla prova sia con i classici della tradizione natalizia che con autentiche hit più contemporanee di stampo internazionale. Un disco che negli anni è stato riproposto varie volte e in diverse versioni, con l’aggiunta di alcune bonus track  ma che, a distanza di circa un decennio, resta attuale e piacevolmente senza tempo.

Acquista qui l’album |

Magia di Natale | Tracklist e stelline

  1. Santa notte (Stille nacht)
    (Joseph Mohr, Franz Xaver Gruber)
  2. Bianco Natale
    (Filiberto Bellobuono, Ettore Carrera, Irving Berlin)
  3. Ginge Rock (Jingle Bell Rock)
    (Mario Panzeri, Joe Beal, Jim Boothe)
  4. O holy night
    (Placide Cappeau, John Sullivan Dwight, Adolphe Adam)
  5. Il Natale arriva in città
    (Haven Gillespie, Paolo Re, Fred Coots)
  6. Happy Xmas (war is over)
    (John Lennon, Yoko Ono)
  7. Ninna nanna di Brahms
    (Johannes Brahms, Bruno Martelli, Giovanni Bobbio)
  8. Din don dan (Jingle Bells)
    (James Lord Pierpont, Umberto Bertini)
  9. Alla scoperta di Babbo Natale
    (Alessandra Valeri Manera, Ninni Carucci)
  10. All I want for Christmas is you
    (Walter Afanasieff, Mariah Carey)
  11. The Prayer
    (Carole Bayer, Tony Renis, Alberto Testa, David Foster, Carole Sager)
  12. Childhood
    (Michael Jackson)
The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.