4 febbraio

Ogni giorno una canzone che ci ricorda un anno e un momento diverso

IL GIORNO:

Il 4 febbraio è universalmente la data scelta prescelta per la giornata mondiale contro il cancro ma ricorda anche la nascita di una piattaforma rivoluzionaria per la società contemporanea, ovvero il social network di Facebook che, proprio in questo giorno, faceva la sua ufficiale comparsa a partire dal 2004.

Musicalmente quella del 4 febbraio è la giornata che ricorda la nascita di un amatissimo e giovane artista come Riki che, dopo l’esperienza ad ‘Amici di Maria de Filippi’, ha saputo raccogliere ampio sostegno sia discograficamente che imprenditorialmente impegnandosi in diverse arti anche extra-musicali.

LA CANZONE:

Il 4 febbraio 1987 è una data storica per la voce di Fiorella Mannoia dato che, proprio in quella data, presentava per la prima volta sul palco del Festival di Sanremo quella che sarebbe, poi, divenuta la sua canzone-simbolo: Quello che le donne non dicono.

Sulle note e parole scritte da Enrico Ruggieri e Luigi Schiavone l’interprete romana aveva la possibilità di raccontare la sua visione del mondo femminile fatto di fragilità, delicatezza e continue trasformazioni ma anche di tanta forza, coraggio e capacità di scommettere continuamente sul proprio cuore.

Acquista qui il brano |

Quello che le donne non dicono | Videoclip

Quelle che le donne non dicono | Testo

Ci fanno compagnia certe lettera d’amore
Parole che restano con noi
E non andiamo via
Ma nascondiamo del dolore
Che scivola, lo sentiremo poi
Abbiamo troppa fantasia, e se diciamo una bugia
È una mancata verità che prima o poi succederà
Cambia il vento ma noi no
E se ci trasformiamo un po’
È per la voglia di piacere a chi c’è già o potrà arrivare a stare con noi
Siamo così
È difficile spiegare
Certe giornate amare, lascia stare
Tanto ci potrai trovare qui
Con le nostre notti bianche
Ma non saremo stanche neanche quando
Ti diremo ancora un altro sì
In fretta vanno via della giornate senza fine
Silenzi, che familiarità
E lasciano una scia le frasi da bambine
Che tornano, ma chi le ascolterà
E dalle macchine per noi
I complimenti del playboy
Ma non li sentiamo più
Se c’è chi non ce li fa più
Cambia il vento ma noi no
E se ci confondiamo un po’
È per la voglia di capire chi non riesce più a parlare
Ancora con noi
Siamo così, dolcemente complicate
Sempre più emozionate, delicate
Ma potrai trovarci ancora qui
Nelle sere tempestose
Portaci delle rose
Nuove cose
E ti diremo ancora un altro sì
È difficile spiegare
Certe giornate amare, lascia stare
Tanto ci potrai trovare qui
Con le nostre notti bianche
Ma non saremo stanche
Neanche quando ti diremo ancora un altro sì

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.