Sanremo 1987, viaggio nella storia del Festival

Trionfa il trio composto da Umberto Tozzi, Gianni Morandi ed Enrico Ruggeri con “Si può dare di più“, spiccano Fiorella Mannoia e Michele Zarrillo

Baudo 1987 SanremoLa trentasettesima edizione del Festival della canzone italiana, in scena al Teatro Ariston di Sanremo dal 4 al 7 febbraio del 1987, è stata condotta per la quarta volta da Pippo Baudo, che annunciò in diretta televisiva la scomparsa di Claudio Villa nel corso dell’ultima serata. Ventiquattro le canzoni in gara che si contendono il titolo della sezione Campioni, interpretate da soli due esordienti, Tony Esposito e Sergio Caputo, e da numerosi veterani: da Mango a Fiorella Mannoia, passando per Toto Cutugno, Fausto Leali, Marcella Bella, Nada, Patty Pravo, Ricchi e Poveri. Al Bano Carrisi e Romina Power, Peppino Di Capri, Eduardo De Crescenzo, Nino Buonocore, Dori Ghezzi, Luca Barbarossa, Christian, Scialpi, Flavia Fortunato, Mario Castelnuovo, Le Orme, Lena Biolcati e Rossana Casale. Ad aggiudicarsi il primo posto nella kermesse è, per la prima volta nella storia, un trio composto da Gianni Morandi, Enrico Ruggeri e Umberto Tozzi con “Si può dare di più”, che diventerà l’inno della Nazionale Italiana Cantanti.

Tra le Nuove Proposte, invece, segnaliamo le presenze di: Mariella Nava, Paola Turci, Andrea Mirò, i Future, Alessandro Bono, Enrico Cifiello, Claudio Patti, i Chiari e Forti, Berger, Miki, Teo, Charley Deanesi, Ricky Palazzolo, Paolo Scheriani, Umberto Marzotto e del vincitore Michele Zarrillo, che si aggiudica la categoria con “La notte dei pensieri”. Tanti gli ospiti internazionali in questa prolifica annata, dai Duran Duran agli Spandau Ballet, passando per i Simply Red, Bob Geldof, Paul Simon, Tom Robinson, le The Bangles, i Level 42, gli Erasure, i Pet Shop Boys, gli Europe, Nick Kamen e l’indimenticata Whitney Houston.

Top e Flop di Sanremo 1987

Top
1. Fiorella Mannoia – “Quello che le donne non dicono” 
2. Tozzi – Ruggeri – Morandi – “Si può dare di più” 
3. Michele Zarrillo  – La notte dei pensieri” 

Flop
1. Nada – Bolero
2. Scialpi – Bella età
3. Patty Pravo – Pigramente signora

Sanremo 1987 - Fiorella MannoiaAd imporsi nelle classifiche di vendita all’indomani del Festival, oltre ai due brani vincitori della manifestazione “Si può dare di più” e “La notte dei pensieri”, sarà soprattutto “Quello che le donne non dicono” di Fiorella Mannoia, che si aggiudica l’ambito Premio della Critica. Tra gli altri pezzi di successo, ricordiamo: Io amo di Fausto Leali, Figli di Toto Cutugno, “Nostalgia canaglia” di Al Bano e Romina, Tanti auguri di Marcella Bella, Canzone d’amore dei Ricchi e Poveri, “Il sognatore” di Peppino Di Capri, “Come dentro un film” di Luca Barbarossa, E non si finisce mai di Dori Ghezzi, L’odore del mare di Eduardo De Crescenzo,  “Rosanna” di Nino Buonocore e “Dal cuore in poi” di Mango. In sordina, invece, i ritorni di Nada con “Bolero” e di Patty Pravo con Pigramente signora”due artiste innovative che hanno contribuito alla crescita della storica kermesse canora e che, in futuro, torneranno a splendere di luce propria.

LE CONCLUSIONI DEL DIRETTORE

Il Festival del 1987 scorre via senza troppe sorprese incoronando per la seconda volta nella storia della kermesse sanremese un brano cantato a molteplici voci (la prima vittoria di un duo fu nel 1984 con il trionfo di Al Bano e Romina). Gianni Morandi, Umberto Tozzi ed Enrico Ruggeri risultarono i vincitori assoluti con un brano rimasto un classico della nostra cultura musicale firmato dallo stesso Tozzi insieme a Giancarlo Bigazzi e Raf. Dietro di loro non poteva che classificarsi Toto Cutugno, eterno secondo, e la coppia di Al Bano e Romina con un altro classico come “Nostalgia canaglia”. Fiorella Mannoia con il suo più classico successo, “Quello che le donne non dicono”, scritto da uno dei tre vincitori (Enrico Ruggieri), si classificò soltanto all’8° posto generale. Ma, a destare l’attenzione generale in un Festival apparentemente tranquillo, fu la notizia della morte improvvisa del “Reuccio” della canzone italiana: a soli 61 anni Claudio Villa si spense all’ospedale di Padova in seguito ad un infarto. E’ tutt’oggi l’artista, insieme a Domenico Modugno, ad aver vinto più edizioni del Festival di Sanremo: ben 4.

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.