Lucio Dalla, vent’anni di “Ciao”

Album Amarcord: i dischi più belli da riascoltare

Sono trascorsi vent’anni dal lancio di “Ciao”, il ventiquattresimo progetto discografico di Lucio Dalla, pubblicato il 9 settembre 1999. Prodotto da Mauro Malvasi, l’album arriva a distanza di tre anni dai positivi riscontri ottenuti con “Canzoni”, uno degli ultimi lavori di maggior successo del cantautore bolognese.

Un disco ermetico, per certi versi criptico, che sottolinea l’innata e spasmodica voglia di reinventarsi, senza adagiarsi in alcuna zona di comfort. D’altronde, Dalla è noto per aver sempre voluto perseguire strade diverse, innovative e mai comode, cito come esempio la pluririconosciuta “Caruso”, alla quale è seguita una più scanzonata e leggera “Attenti al lupo”. Spiazzare è sempre stato l’obiettivo di Lucio, pur rispettando e mantenendo la propria distinguibile cifra, non ha mai voluto bissare qualcosa che aveva precedentemente proposto.

Ne rappresenta una prova inconfutabile l’omonimo singolo apripista, un brano che contrappone la frenesia tipica delle vacanze alle problematiche più comuni della nostra attuale società, analizzando in maniera cruda e pertinente il grande gioco della nostra esistenza, perché mentre prendiamo il sole in spiaggia c’è qualcuno che nasce e qualcun altro che muore. Un inno alla vita, al suo scorrere veloce e inesorabile, che ci invita a riflettere e a non soffermarci sulle cose futili, affrontando al meglio il tempo che viene messo a nostra disposizione.

Tra le altre canzoni degne di nota, spiccano le ballad “Non vergognarsi mai”, “Io tra un’ora sono lì”, “Là” e “Scusa”, che mostrano il lato più intimo e profondo del cantautore, mentre brani come “Trapiantoperso”, “What a Beautiful Day” e “Trash”. fanno emergere il suo aspetto più critico e passionale. Presente anche una nuova versione di “1999”, pezzo che ha dato il nome al suo primo album pubblicato nel lontano ’66, reinciso per salutare il vecchio millennio e dare il benvenuto al nuovo.

Di sicuro non si tratta di uno dei lavori migliori o più rappresentativi di Lucio Dalla, bensì dell’ennesimo spaccato in grado di fotografare un momento, un periodo di vita dell’artista, in maniera nitida, lucida e ben definita. Un lavoro genuino, estemporaneo e per certi versi anticonvenzionale, che merita di essere ricordato e riascoltato con l’attenzione che si è soliti prestare alle cose belle.

Acquista qui l’album |

Ciao | Tracklist e stelline

  1. Ciao
    (Tullio Ferro, Lucio Dalla)
  2. Non vergognarsi mai
    (Mauro Malvasi, Lucio Dalla)
  3. Io tra un ora sono lì
    (Mauro Malvasi, Lucio Dalla)

  4. (Leonardo De Bernardi, Lucio Dalla)
  5. What a beautiful day
    (Leonardo De Bernardi, Lucio Dalla)
  6. Trapiantoperso
    (Leonardo De Bernardi, Lucio Dalla)
  7. Hotel
    (Lucio Dalla)
  8. Trash
    (Angelo Messini, Riccardo Majorana, Roberto Costa)
  9. Scusa
    (Lucio Dalla)
  10. 1999
    (Sergio Bardotti, Gian Franco Reverberi, Lucio Dalla)
  11. Born to be alone
    (Lucio Dalla)
The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.