Sanremo per tutti - La storia del Festival 2013

I riassuntoni di Sanremo, il Festival spiegato facile

Il nostro viaggio nella storia del Festival di Sanremo prosegue nel segno dell’imprevisto, quella del 2013 è un’edizione che porta numerose novità nella struttura della kermesse. Dopo il biennio affidato nelle manone di Gianni Morandi, alla conduzione torna per la terza volta Fabio Fazio, già protagonista dell’ultima edizione del ‘900 e della prima del nuovo millennio, questa volta presente nel duplice ruolo di direttore artistico. Al suo fianco c’è Luciana Littizzetto, co-protagonista del grande successo di “Che tempo che fa”, una delle trasmissioni più seguite e apprezzate dal pubblico degli ultimi anni.

Il numero dei cantanti in concorso resta invariato, ma la principale novità riguarda la categoria Campioni: ciascun artista presenta due brani, il pubblico e la sala stampa decretano quale deve proseguire nella gara. Quindi, in qualche modo, al posto dei cantanti vengono eliminate le canzoni. Un meccanismo interessante, che ricorda un po’ la funzione del Lato A e del Lato B di una volta, una formula che in alcuni casi possiamo considerare funzionale, nella misura in cui vengono proposti pezzi altrettanto forti, a discapito di artisti che  si presentano con un solo brano di punta abbinato ad un riempitivo.

Tra le canzoni che hanno superato la prima scrematura e che sono rimaste nel tempo, ricordiamo: “La felicità” di Simona Molinari accompagnata dal pianista statunitense Peter Cincotti, “La prima volta che sono morto” di Simone Cristicchi“Scintille” di Annalisa, “Il futuro che sarà” di Chiara Galiazzo, “Sotto casa” di Max Gazzè, “A bocca chiusa” di Daniele Silvestri, “E se poi” di Malika Ayane“Se si potesse non morire” dei Modà e “La canzone mononota” degli Elio e le Storie Tese, che si aggiudicano il prestigioso Premio della critica Mia Martiti.

A posizionarsi in vetta alla classifica dei big è Marco Mengoni, alla sua seconda presenza sanremese con “L’essenziale”, mentre tra le nuove proposte si afferma Antonio Maggio con “Mi servirebbe sapere”. Insomma, il Festival premia la bella musica, l’impronta di Fazio e l’ironia della Littizzetto convincono per quanto riguarda lo spettacolo, la formula della doppia canzone è curiosa, ma lascia spazio a qualche criticità. Questo e molto altro ancora nel quarantasettesimo appuntamento di Sanremo per tutti – il festival spiegato facile, buona visione!

Sanremo per tutti | 2013

2013 | Info

LXIII Festival della canzone italiana
in scena dal 12 al 16 febbraio al Teatro Ariston di Sanremo
presenta: Fabio Fazio e Luciana Littizzetto
direzione artistica: Fabio Fazio

2013 | Regolamento

36 canzoni in concorso, 28 interpretate dai 14 big della categoria Campioni (Elio e le Storie Tese, Max Gazzè, Daniele Silvestri, Malika Ayane, Modà, Simone Cristicchi, Annalisa, Chiara Galiazzo, Almamegretta, Marta sui Tubi, Simona Molinari, Peter Cincotti, Raphael Gualazzi, Maria Nazionale e il vincitore Marco Mengoni) e 8 per la sezione Nuove Proposte (Renzo Rubino, Il Cile, Ilaria Porceddu, Paolo Simoni, Andrea Nardinocchi, Blastema, Irene Ghiotto e Antonio Maggio).

2013 | Classifica Campioni

Marco Mengoni – L’essenziale
(Roberto Casalino, Francesco De Benedittis, Marco Mengoni)
Elio e le Storie Tese – La canzone mononota
(Sergio Conforti, Davide Civaschi, Nicola Fasani, Elio)
Modà – Se si potesse non morire
(Kekko Silvestre)
Malika Ayane – E se poi
(Giuliano Sangiorgi)
Raphael Gualazzi – Sai (ci basta un sogno)
(Raphael Gualazzi)
Daniele Silvestri – A bocca chiusa
(Daniele Silvestri)
Max Gazzè – Sotto casa
(Francesco De Benedittis, Max e Francesco Gazzè)
Chiara Galiazzo – Il futuro che sarà
(Francesco Bianconi, Luca Chiaravalli, Lisette Gonzales-Alea)
Annalisa – Scintille
(Dario Faini, Antonio Galbiati)
10° Maria Nazionale – E’ colpa mia
(Peppe Servillo, Fausto Mesolella)
11° Simone Cristicchi – La prima volta (che sono morto)
(Leo Pari, Simone Cristicchi)
12° Marta sui Tubi – Vorrei
(Giovanni Gulino, Mattia Boschi, Carmelo Pipitone, Paolo Pischedda, Ivan Paolini)
13° Simona Molinari e Peter Cincotti – La felicità
(Carlo Avarello, Maurizio Vultaggio, Simona Molinari)
14° Almamegretta – Mamma non lo sa
(Gennaro Della Volpe, Paolo Polcari, Gennaro Tesone)

Non finalisti
Marco Mengoni – Bellissimo
(Gianna Nannini, Pacifico, Davide Tagliapietra)
Elio e le Storie Tese – Dannati forever
(Sergio Conforti, Davide Civaschi, Nicola Fasani, Elio)
Modà – Come l’acqua dentro il mare
(Kekko Silvestre)
Malika Ayane – Niente
(Giuliano Sangiorgi)
Raphael Gualazzi – Senza ritegno
(Raphael Gualazzi)
Daniele Silvestri – Il bisogno di te (ricatto d’onor)
(Daniele Silvestri)
Max Gazzè – I tuoi maledettissimi impegni
(Matteo Buzzanca, Max e Francesco Gazzè)
Chiara Galiazzo – L’esperienza dell’amore
(Federico e Domenico Zampaglione)
Annalisa – Non so ballare
(Ermal Meta)
Maria Nazionale – Quando non parlo
(Enzo Gragnaniello)
Simone Cristicchi – Mi manchi
(Roberto Pacco, Felice Di Salvo, Simone Cristicchi)
Marta sui Tubi – Dispari
(Giovanni Gulino, Mattia Boschi, Carmelo Pipitone, Paolo Pischedda, Ivan Paolini)
Simona Molinari e Peter Cincotti – Dr. Jekyll Mr. Hyde
(Lelio Luttazzi, Alberto Zeppieri)
Almamegretta – Onda che vai
(Federico e Domenico Zampaglione)

2013 | Classifica Nuove Proposte

Antonio Maggio – Mi servirebbe sapere
(Antonio Maggio)
Ilaria Porceddu – In equilibrio
(Attilio Fontana, Clemente Ferrari, Ilaria Porceddu)
Renzo Rubino – Il postino (amami uomo)
(Andrea Rodini, Renzo Rubino)
Blastema – Dietro l’intima ragione
(Matteo Casadei, Daniele Gambi, Alberto Nanni)

Non finalisti
Il Cile – Le parole non servono più
(Riccardo Presentini, Il Cile)
Irene Ghiotto – Baciami?
(Carlo Carcano, Irene Ghiotto)
Andrea Nardinocchi – Storia impossibile
(Andrea Nardinocchi)
Paolo Simoni – Le parole
(Paolo Simoni)

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

By Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Commenta qui...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.