Sanremo 1985, viaggio nella storia del Festival

Trionfano i Ricchi e Poveri con “Se m’innamoro”, debuttano i cantautori Ivan Graziani ed Eugenio Finardi, continua a regnare incontrastato il playback

Sanremo 1985Il trentacinquesimo Festival della canzone italiana, in scena al Teatro Ariston di Sanremo dal 7 al 9 febbraio del 1985, è stato condotto per il secondo anno consecutivo da Pippo Baudo, affiancato dalla showgirl olandese Patty Brard. Trentotto le canzoni in gara che si contendono i due titoli in palio della categoria Campioni e delle Nuove Proposte. Tra i big esordienti, segnaliamo: Ivan Graziani, Eugenio Finardi, i Banco del Mutuo Soccorso, Mimmo Locasciulli e il giovane messicano Luis Miguel, oltre a numerosi e blasonati veterani, tra cui: Zucchero, Eros Ramazzotti, Anna Oxa, Eduardo De Crescenzo, Riccardo Fogli, Gigliola Cinquetti, Peppino Di Capri, Fiordaliso, Drupi, Christian, i New Trolls, Franco Simone, Dario Baldan Bembo, Garbo, Marco Armani e il trio dei Ricchi e Poveri, vincitori assoluti con “Se m’innamoro”.

Tra i cantanti della sezione giovani, si ricordano: Mango, Cristiano De André, Antonella Ruggiero (omonima della più famosa voce dei Matia Bazar), i Champagne Molotov, Roberto Kunstler, Miani, Stefano Borgia, Claudio Patti, Laura Landi, Marco Rancati, Antonio Valentini, Silvia Conti, Lanfranco Carnacina, Rodolfo Banchelli, Lena Biolcati e la vincitrice Cinzia Corrado, che con la sua “Niente di più” non ottenne il successo sperato. Numerosi gli ospiti di questa prolifica annata, dai Duran Duran ai Spandau Ballet, passando per Sade, i Village Peolpe, Amedeo Minghi, Katia Ricciarelli e Claudio Baglioni, unico artista ad esibirsi dal vivo in questa edizione, che si è esibito piano-voce nella sua celebre “Questo piccolo grande amore”, a dispetto di tutti gli altri in playback.

Top e Flop di Sanremo 1985

Top
1. Zucchero – “Donne” 
2. Ricchi e Poveri – “Se m’innamoro”    
3. Eros Ramazzotti – Una storia importante” 

Flop
1. Cinzia Corrado – Niente di più
2. New Trolls – Faccia di cane
3. Garbo – Cose veloci”    

Sanremo 1985 ZuccheroAd imporsi nelle classifiche di vendita e nella memoria collettiva degli italiani all’indomani del Festival, saranno soprattutto “Donne” di Zucchero e “Una storia importante  di Eros Ramazzotti, oltre alla canzone che si è aggiudicata il titolo, “Se m’innamoro” dei Ricchi e Poveri. Tra gli altri 45 giri degni di nota, ricordiamo: Noi ragazzi di oggi di Luis Miguel (scritta da Toto Cutugno e classificatasi curiosamente al secondo posto), Chiamalo amore di Gigliola Cinquetti, Souvenir dei Matia Bazar (detentori del Premio della Critica), “Sulla buona strada” di Riccardo Fogli, A lei di Anna Oxa (firmata da Roberto Vecchioni),  Tu dimmi un cuore ce l’hai di Marco Armani, Franca ti amo di Ivan Graziani, “Vorrei svegliarti” di Eugenio Finardi, “Bella più di me” di Cristiano De André e “Il viaggio” di Mango.

LE CONCLUSIONI DEL DIRETTORE

“Donne du du du”: è questo il ritornello dell’anno 1985 e a cantarlo è un giovane Zucchero dai capelli corti e senza barba ma con un piccolo cappellino di lana blu in testa. Al Festival si classifica al 21° posto (se 22 artisti) ma, dopo qualche settimana, impazza nella rotazione radiofonica e nelle vendite del 45 giri relativo dando a Zucchero il suo primo vero successo in carriera. Come lui, però, nella storia del Festival tanti altri, relegati costantemente ai margini della classifica, hanno trovato nel mercato successi importanti: Lucio Dalla arrivò 8° con “Piazza grande” nel 1972, Vasco Rossi 25° con “Vita spericolata” nel 1983, Mia Martini con “Almeno tu nell’universo” arriva 9° nel 1989, Carmen Consoli con “Confusa e felice” non entra nemmeno in finale nel 1997, Daniele Silvestri con “Salirò” non va oltre il 12° posto nel 2002 e Patty Pravo, con “E dimmi che non vuoi morire”, non supera l’8° posto nel 1997. A volte, dunque, Sanremo non ha saputo capire le canzoni che il mercato (ed il tempo) avrebbero, poi, reso dei grandi classici relegandole alle posizioni più basse della classifica finale: succede… E’ capitato anche che vincessero canzoni che nessuno più ricorda!

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.