Sanremo 2007, viaggio nella storia del Festival

Ritorna Pippo Baudo, con lui i grandi nomi e le belle canzoni. Potere alla parola e alle interpretazioni teatrali, tra cui spiccano Milva, Tosca e i vincitori delle due categorie Simone Cristicchi e Fabrizio Moro

Milva Sanremo 2007La cinquantasettesima edizione del Festival della canzone italiana, in scena al Teatro Ariston di Sanremo dal 27 febbraio al 3 marzo del 2007, è stata condotta per la dodicesima volta da Pippo Baudo, affiancato per l’occasione dalla showgirl svizzera Michel Hunziker. Trentaquattro le canzoni in gara che, a distanza di quattro anni, tornano ad essere suddivise nelle due storiche categorie “Campioni” e “Nuove Proposte”. Tra i big all’esordio, segnaliamo i debutti di Amalia Gré e Piero Mazzocchetti, oltre ai molti ritorni dei veterani Johnny Dorelli, Milva, Al Bano Carrisi, Antonella Ruggiero, Mango, Fabio Concato, Marcella e Gianni Bella, gli Stadio, Tosca, Paolo Rossi, Francesco e Roby Facchinetti, Daniele Silvestri, Paolo Meneguzzi, Leda Battisti, i Velvet, gli Zero Assoluto e Simone Cristicchi, primo classificato con la toccante “Ti regalerò una rosa”.

Tra le Nuove Proposte, invece, spiccano le presenze di: Sara Galimberti, Pier Cortese, Elsa Lila, Stefano Centomo, Mariangela, i Pquadro, Romina Falconi, Jasmine, i Grandi Animali Marini, gli FSC, i Khorakhanè, Marco Baroni, Patrizio Baù e il vincitore Fabrizio Moro, che si aggiudica il titolo con l’intensa “Pensa”, una riflessione cantata contro ogni forma di violenza e la mafia. Numerosi gli ospiti musicali che si sono alternati nel corso delle cinque serate, tra cui ricordiamo: John Legend, Norah Jones, Mika, i Take That, Joss Stone, i Scrissor Sisters, Renato Zero, Franco Battiato, Gianni Nannini, Gigi D’Alessio, Elisa e Tiziano Ferro.

Top e Flop di Sanremo 2007

Top
1. Simone Cristicchi  – “Ti regalerò una rosa”
2. Daniele Silvestri – “La paranza”  
3. Fabrizio Moro – “Pensa”

Flop
1. Patrizio Baù – “Peccati di gola”  
2. Elsa Lila – Il senso della vita”  
3. Amalia Gré – “Amami per sempre”

fabrizio moroAd imporsi nelle classifiche di vendita all’indomani dalla kermesse, oltre alle due canzoni vincitrici di categoria, “Ti regalerò una rosa” di Simone Cristicchi e “Pensa” di Fabrizio Moro, sarà soprattutto La paranza di Daniele Silvestri. Tra gli altri brani di successo presenti in questa edizione, ricordiamo “Chissà se nevica” di Mango (al suo ultimo Festival prima della sua prematura scomparsa), Musica di Paolo Meneguzzi, “Appena prima di partire” degli Zero Assoluto, “Guardami” degli Stadio, “The show must go on” di Milva, “Nel perdono” di Al Bano Carrisi, Il terzo fuochista di Tosca, “Forever per sempre” dei fratelli Marcella e Gianni Bella, Luna in piena di Nada, In Italia si sta male (Si sta bene anziché no) di Paolo Rossi (inedito postumo composto da Rino Gaetano).

LE CONCLUSIONI DEL DIRETTORE

Quello del 2007 è stato forse uno degli ultimi grandi Festival cantautorali della storia della kermesse canora ligure. I tanti ritorni musicalmente importanti e i nuovi innesti fortunatamente promettenti portarono alla creazione di un’atmosfera densa di parole, desiderosa di farsi sentire dando il proprio messaggio. Non a caso a vincere furono le diverse ma uguali canzoni di Simone Cristicchi e Fabrizio Moro, una dedicata alla delicatezza della pazzia, l’altra alla prepotenza della violenza mafiosa. Persino lo spensierato e leggero Daniele Silvestri inserisce all’interno del testo della sua “La paranza” riferimenti d’attualità che confermano l’atmosfera di un Festival piuttosto impegnato socialmente.

 

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.