Buon compleanno Peppino Di Capri, l'artista compie 78 anni

Buon compleanno Peppino Di Capri, l’artista compie 78 anni

Oggi è una data speciale per Peppino Di Capri, popolare cantautore campano che oggi festeggia il suo settantottesimo compleanno.

Nato il 27 luglio del 1939 sull’isola di Capri, Giuseppe Faiella eredita la sua passione per la musica dalla famiglia, studiando pianoforte sin dall’età di sei anni. Da ragazzo comincia a suonare in giro per i locali, con gruppi del suo territorio quali il Duo Caprese e i Capri Boys, interpretando i grandi classici della canzone napoletana. La svolta arriva nel ’58, quando viene notato durante una serata ad Ischia e gli viene proposto il suo primo contratto discografico. Seguono anni di successi, soddisfazioni personali e canzoni consegnate alla storia di quegli anni.

Insieme a Toto Cutugno e Milva, con le sue quindici partecipazioni, detiene il record di presenze al Festival della canzone italiana di Sanremo, che ha vinto per ben due volte: nel ’73 con “Un grande amore e niente più” e nel ’76 con “Non lo faccio più”. Nel corso della sua fortunata carriera ha pubblicato oltre cinquanta album in studio e diverse raccolte dei suoi più grandi successi, tra cui si annoverano evergreen del calibro di “Champagne”, “Let’s twist again”, “Speedy Gonzales”, “St. Tropez Twist”, “Roberta”, “Il sognatore” e “La panchina”.

Tra gli altri brani che arricchiscono il suo vasto repertorio, ricordiamo: “Voce ‘e notte”, “Luna caprese”, Amare di meno”, “Dedicato all’amore”, “L’ultimo romantico”, “Piano piano dolce dolce”, “Solo due righe”, “La lunga strada”, “È sera”, “Una catena d’oro”, “Amore grande, amore mio”, “Piccolo ricordo”, “Nessuno al mondo”, “Tu cioè…”, “E mò e mò”, “Nun chiagnere”, “Il mio pianoforte”, “Evviva Maria”, “Comme è ddoce o mar”, “Favola blues”, “La voce delle stelle”, “Ma che ne sai (se non hai fatto il piano-bar)” e “Pioverà”.

Un artista a 360 gradi Peppino Di Capri, capace di passare dai grandi classici della canzone napoletata a correnti musicali inedite per il nostro Paese, importando generi nuovi e diventando, di fatto, uno dei primi esponenti italiani del rock’n’roll, del twist e del blues. Un autentico pezzo di storia della nostra musica leggera, che ha sempre cercato di mantenere negli anni la giusta alchimia tra tradizione e innovazione.

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *