giovedì, Aprile 18, 2024

CLASSIFICHE

SUGGERITI

La canzone del giorno, 21 dicembre: “Partenope” di Clementino

Ogni giorno una canzone che ci ricorda un anno e un momento diverso

IL GIORNO:

Il 21 dicembre è il giorno del solstizio d’inverno. Il 21 dicembre è la data in cui, nel 1968, avviene il lancio dell’Apollo 8. Era il 21 dicembre anche il giorno in cui, nel 1898, Marie e Pierre Curie facevano la propria scoperta della radio.

Musicalmente quella del 21 dicembre è la data di compleanno di Clementino, uno dei maggiori rappresentanti del rap italiano che ha saputo ricoprire un ruolo di primo piano nel processo di massimizzazione del genere urbano nel nostro Paese.

LA CANZONE:

Il 21 dicembre 2020 arrivava in rotazione radiofonica la proposta musicale di Clementino per il suo brano Partenope. La canzone era un vero e proprio inno d’amore del rapper partenopeo alla propria città, Napoli, designandone i pregi e inneggiandone alla bellezza.

Acquista qui il brano |

Partenope | Videoclip

Partenope | Testo

Stasera t’aggia parlà
Pecché m”o sento a ‘into
Lettere a ‘sta città
Ca me pare dipinta
Nu canto ‘e na sirena
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Partenope stasera

Stanotte m’affaccio ô balcone
Te guardo e sî ‘a meglia guagliona
Me diceno ca nun staje bona
Sì, t’hanno tuccato cchiù vote
Te sporcano pe’ n’ata vota
E penzano: “Chi se ne fotte?”
E nuje ca simmo figlie tuoje
Currimmo bendate ‘int”o scuro
E ‘a storia ca parla pe’tté
Tu ca sî tale e quale a me
So’ nato ‘o stesso juorno tujo
‘A vita saje che è nu mistero
Perdona pe’ chello ca è
Ancora me chiedo ‘o pecché
Stanotte me metto a penzà
Ca sî l’unica verità

Stasera t’aggia parlà
Pecché m”o sento a ‘into
Lettere a ‘sta città
Ca me pare dipinta
Nu canto ‘e na sirena
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Partenope stasera
Partenope stasera

Nu canto ‘e na sirena
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Partenope stasera

Damme chello ca m’hanno luvato
Guarda comme c’hanno cumbinate
Vide ca nun simmo maje cagnate
Mare e sole ca s’hanno ‘ncuntrate
‘Sti guagliune sempe scumbinate
Chi p”o male po’ s’è fulminato
Ma ne trove sempe ancora ll’ate
Gente ca s’è ‘nnammurata
‘Na sinfonia ca scorre dint”e vene
Va ‘re quartiere fino abbascio ‘e Vele
Passanno da periferia c”a famme
E po’ cumbatto comme a nu guerriero
Chi vene ‘a Napule è DNA
Te chiammo “fratemo” si tu staje ccà
Ma quale America, ‘e che vuó parlà?
Faccio ‘na dedica pe’ ‘sta città

Chi la conosce e po’ ne parla male
Chi sta luntano, torna e se ne va
Chiagnenno pecché po’ l’adda lassà
E chi cumbatte ancora e resta ccà

Stasera t’aggia parlà
Pecché m”o sento a ‘into
Lettere a ‘sta città
Ca me pare dipinta
Nu canto ‘e na sirena
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Partenope stasera

Nu canto ‘e na sirena
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Napule stasera

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.
Ilario Luisetto
Ilario Luisetto
Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.