Sanremo per tutti - La storia del Festival 1994

I riassuntoni di Sanremo, il Festival spiegato facile

Il nostro viaggio nella storia del Festival di Sanremo prosegue nel segno del rinnovamento, quella del 1994 è la terza edizione consecutiva affidata a Pippo Baudo, affiancato per l’occasione da Anna Oxa e la modella francese Cannelle. Per la prima volta, il conduttore di Militello figura anche veste di direttore artistico della kermesse, dopo ben trentasette anni di appalti la manifestazione torna ad essere organizzata direttamente dalla Rai.

Tra le altre novità assistiamo alla nascita di Sanremo Giovani, spin-off autunnale che vede una agguerrita competizione tra emergenti per aggiudicarsi i diciotto posti in palio per la sezione Nuove Proposte, mentre tra i Campioni vengono abolite le eliminazioni, per cui tutti i venti cantanti si aggiudicano la possibilità di accedere alla serata finale.

Molti i pezzi d’amore in concorso, ma c’è spazio anche e soprattutto per tematiche sociali e per l’attualità, dalle stragi mafiose di Capaci e di via D’Amelio con “Signor Tenente” di Giorgio Faletti ai massacri della guerra in Bosnia con “Non è un film” di Gerardina Trovato), oltre che un accurata satira sulla capacità di reinventarsi da parte della classe politica dell’epoca con “I soliti accordi” dell’inedita coppia composta da Enzo Jannacci e l’attore Paolo Rossi.

Tra le altre canzoni in concorso, ricordiamo “Amici non ne ho” di Loredana Bertè, “Di notte specialmente” di Donatella Rettore, “Maledette malelingue” di Ivan Graziani, “Cinque giorni” di Michele Zarrillo e “Strani amori” di Laura Pausini. In prima posizione si classifica Aleandro Baldi con “Passerà”, mentre tra i giovani debuttano Giorgia con “E poi” e Irene Grandi con “Fuori”, ma si afferma Andrea Bocelli con “Il mare calmo della sera”.

A grandi linee si è trattato di una grande annata, molte scelte di Pippo Baudo si confermano vincenti, alcune sorprendenti. I vincitori annunciati abdicano in favore degli outsider, l’imprevisto diventa parte integrante del Festival, che si conferma come il più grande spettacolo televisivo nazional popolare. Questo e molto altro ancora nel ventottesimo appuntamento di Sanremo per tutti – il festival spiegato facile, buona visione!

Sanremo per tutti | 1994

1994 | Info

XXXXIV Festival della canzone italiana
in scena dal 23 al 26 febbraio al Teatro Ariston di Sanremo
presenta: Pippo Baudo con Anna Oxa e Cannelle
direzione artistica: Pippo Baudo

1994 | Regolamento

39 canzoni in gara, 20 tra i big (Laura Pausini, Michele Zarrillo, Loredana Bertè, Donatella Rettore, Claudia Mori, Franco Califano, Giorgio Faletti, Paolo Rossi, Enzo Jannacci, Ivan Graziani, Carlo Marrale, Andrea Mingardi, Alessandro Bono, Alessandro Canino, Francesco Salvi, Formula 3, Squadra Italia, Marco Armani, Gerardina Trovato, Mariella Nava e Aleandro Baldi) e 18 tra i giovani (Giorgia, Irene Grandi, Antonella Arancio, Lighea, Giò Di Tonno, Danilo Amerio, i Baraonna, Daniele Fossati, Joe Barbieri, Francesca Schiavo, Daniela Colace, Paola Angeli, Franz Campi, Paideja, Silvia Cecchetti, Valeria Visconti, Simona D’Alessio e Andrea Bocelli), di cui 9 ammessi in finale.

1994 | Classifica Campioni

Aleandro Baldi – Passerà
(Giancarlo Bigazzi, Beppe Dati, Aleandro Baldi)
Giorgio Faletti – Signor tenente
(Giorgio Faletti)
Laura Pausini – Strani amori
(Angelo Valsiglio, Cheope, Marco Marati, Roberto Buti)
Gerardina Trovato – Non è un film
(Celso Valli, Angelo Anastasio, Gerardina Trovato)
Michele Zarrillo – Cinque giorni
(Vincenzo Incenzo, Michele Zarrillo)
Enzo Jannacci e Paolo Rossi – I soliti accordi
(Paolo Rossi, Enzo Jannacci)
Ivan Graziani – Maledette malelingue
(Ivan Graziani)
Andrea Mingardi – Amare amare
(Maurizio Tirelli, Andrea Mingardi)
Marco Armani – Esser duri
(Luca Carboni, Marco Armani)
10° Donatella Rettore – Di notte specialmente
(Claudio Rego, Donatella Rettore)
11° Mariella Nava – Terra mia
(Mariella Nava)
12° Formula 3 – La casa dell’imperatore
(Tony Cicco, Mario Castelnuovo)
13° Loredana Bertè – Amici non ne ho
(Philip Leon, Loredana Bertè)
14° Alessandro Canino – Crescerai
(Beppe Dati, Bruno Zucchetti, Stefano Busà)
15° Francesco Salvi – Stàtento
(Vittorio Cosma, Francesco Salvi)
16° Alessandro Bono – Oppure no
(Alessandro Bono)
17° Claudia Mori – Se mi ami…
(Toto Cutugno)
18° Carlo Marrale – L’ascensore
(Cheope, Carlo Marrale)
19° Squadra Italia – Una vecchia canzone italiana
(Stefano Jurgens, Marcello Marocchi)
20° Franco Califano – Napoli
(Antonio Gaudino, Alberto Laurenti, Franco Califano)

1994 | Classifica Nuove Proposte

Andrea Bocelli – Il mare calmo della sera
(Zucchero, Gian Piero Felisatti, Gloria Nuti)
Antonella Arancio – Ricordi del cuore
(Claudio Alla, Ray Distefano)
Danilo Amerio – Quelli come noi
(Danilo Amerio)
Irene Grandi – Fuori
(Telonio, Irene Grandi)
Valeria Visconti – Così vivrai
(Ermanno Croce, Rossano Elleuteri)
Lighea – Possiamo realizzare i nostri sogni
(Stefano Jurgens, Giulio Galgani, Lighea)
Giorgia – E poi
(Massimo Calabrese, Mario Rinalduzzi, Giorgia Todrani)
Francesca Schiavo – Il mondo è qui
(Varo Venturi)
Silvia Cecchetti – Il mondo dove va
(Vincenzo Benedetto Scanu)
10° Giò Di Tonno – Senti uomo
(Alessandro Di Zio, Giò Di Tonno)

Non finalisti
Paola Angeli – Cuore cuore
(Paola Angeli)
Simona D’Alessio – E’ solo un giorno nero
(Carmen Di Domenico, Claudio Pizzale)
Baraonna – I giardini d’Alhambra
(Fulvio e Vito Caporale)
Daniela Colace – Io e il mio amico Neal
(Michele Ascolese, Daniela Colace)
Franz Campi – Ma che sarei
(Franz Campi)
Joe Barbieri – Non spegnere i tuoi occhi
(Joe Barbieri)
Paideja – Propiziu ventu
(Tina e Valeria Nicoletta)
Daniele Fossati – Senza un dolore
(Daniele Fossati)

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

By Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Commenta qui...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.