Leda Battisti e la forza analogica sprigionata da “Il tatuaggio”

Tempo di nuova musica per la cantautrice reatina, protagonista di un pezzo originale ed esplosivo

Irrompe sul mercato come un uragano di freschezza e di originalità Leda Battisti, protagonista dell’ennesima ottima proposta discografica, che segue a distanza di pochi mesi i precedenti singoli “Seconda notte”, “Solo un’estate fa” e la cover Parla più piano (brucia la terra). Si intitola “Il tatuaggio” il pezzo scelto per accompagnarci lungo l’imminente stagione estiva, realizzato in collaborazione con Lion D, tra i maggiori esponenti mondiali della musica reggae, che impreziosisce il tutto con i colori tipici del patwa.

Un brano di carattere, dal sound travolgente, che permette di mostrarci nuove sfumature della vocalità dell’interprete di “Un fiume in piena”, sempre più intenzionata a sperimentare nuovi territori sonori non adagiandosi nelle solite zone di comfort. L’impronta c’è e l’energia pure, riconoscibili in un’estensione vocale piena di grinta e di un ritrovato entusiasmo, senza far riferimento nel testo alla passione, come accaduto più volte in passato, ma trasmettendola con tutta se stessa mediante questa impetuosa e riuscita interpretazione.

Infine, altro aspetto da non sottovalutare, sono le sonorità orgogliosamente analogiche, che dimostrano quanto si possa abbracciare l’originalità senza alcun tipo di compromesso o abuso della tecnologia digitale. Perché la musica è un tatuaggio che ci accompagna per il resto della nostra vita, gli strumenti consentono di assaporare suoni reali, senza tempo o date di scadenza, l’uso smodato di frequenze computerizzate porta ad un inevitabile invecchiamento precoce di un pezzo che, riascoltato a distanza di pochi anni, risulta già passato di moda. Chitarre, tastiere e batterie resteranno per sempre il vero cuore pulsante della musica, per questo motivo bisogna sostenere gli artisti che portano avanti un discorso di questo genere, con coraggio e passione.

Il tatuaggio | Audio

Il tatuaggio | Testo

Woman you got stuck pon me like a tattoo
yes you got stuck pon me just like a tattoo
you ah  follow me anywhere me go

Passa il tempo e cresce
anche la voglia in me
di fare questo viaggio
di farlo insieme a te

Con la passione ed il coraggio
di un amore appena nato
giuro che da ora
la vita ho ritrovato

One more time: woman, you got stuck pon me like a tattoo
yes you got stuck pon me just like a tattoo
you ah  follow me anywhere me go

Strade che ho percorso
quante ne ho sbagliate
la sofferenza insegna
a fare come il mare
che qualche volta si alza
ed altre fugge via
si calma e poi ritorna
come la vita mia

E come il sole poi
tu mi scalderai
un tatuaggio in me
che non sbiadisce mai
e come l’alba poi
tu mi sveglierai
sarai un ricordo che
non mi abbandona mai
che non mi abbandona mai

Woman, you got stuck pon me like a tattoo
yes you got stuck pon me just like a tattoo
girl ah  follow me anywhere me go

Giuro che da oggi
non eviterò più
i doni del destino
fra questi ci sei tu
e giuro che da oggi
l’inverno passerà
non voglio più svegliarmi
se questa è la realtà

E come il sole poi
tu mi scalderai
un tatuaggio in me
che non sbiadisce mai
e come l’alba poi
tu mi sveglierai
sarai un ricordo che
non mi abbandona mai

Woman, you got stuck pon me like a tattoo
my love for you is so true and i’ll never let you go
you got stuck pon me just like a tattoo
anywhere i go
yes you got stuck pon me just like a tattoo
and me nah care what the people wanna say or do
me ah go stick pon you just like a tattoo ahahah
I will never turn my back on you
no matter what they say or do

E come il sole poi
tu mi scalderai
un tatuaggio in me
che non sbiadisce mai
e come l’alba poi
tu mi sveglierai
sarai un ricordo che
non mi abbandona mai

E come il sole poi
tu mi scalderai
un tatuaggio in me
che non sbiadisce mai
e come l’alba poi
tu mi sveglierai
sarai un ricordo che
non mi abbandona mai
che non mi abbandona mai

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.