Sanremo 2024 Amici di Maria de Filippi

Intorno alla prossima edizione della kermesse girano ipotesi suggestive

Sarà un Festival di Sanremo 2024 all’insegna dei grandi nomi. Amadeus ha tutta l’intenzione di congedarsi dal palco del Teatro Ariston dopo un quinquennio straordinario portando in scena in meglio della musica italiana. Malgrado manchino ancora diversi mesi all’avvio della settantaquattresima edizione della kermesse canora ligure, la commissione artistica, la Rai e, ovviamente, i cantanti che intendono tentare di parteciparvi sono già al lavoro sulle canzoni. Tra i rumors che iniziano, però, a circolare nell’ambiente discografico ce ne sono di curiosi e interessanti che riguardano, in qualche modo, Maria de Filippi ed il suo “Amici”.

Il talent di Canale 5 in questi anni ha consegnato numerosi artisti al mondo della musica italiana. Diversi di loro (33 nomi per un totale di 49 partecipazioni) sono passati anche dal palco di Sanremo dopo aver calcato quello degli studi Mediaset. Alcuni, ben 3 per la precisione (Marco Carta nel 2009, Valerio Scanu nel 2010 ed Emma nel 2012), hanno addirittura vinto il leone d’oro.

Tre regine di Amici interessate a Sanremo 2024 |

Partiamo con lo specificare che, ovviamente, visto il largo anticipo nulla è ancora definitivo e che ogni voce si riferisce a delle “sensazioni” plausibili o a delle concrete indiscrezioni che, tuttavia, devono ancora fare i conti con i giochi della definizione del cast. E mai come per il 2024 questi giochi saranno particolarmente duri data la gran mole di artisti che pare intenzionata a candidarsi per un posto nell’ultimo Festival di Amadeus per approfittare, in qualche modo, di una garanzia televisiva (e di conseguenza di successo discografico) che non si sa, poi, se sarà in grado di rinnovarsi agli stessi livelli con un nuovo direttore artistico.

Alcuni dei colpi grossi di Amadeus per Sanremo 2024, però, riguarderanno proprio tre voci regine lanciate da “Amici”. Dal talent di Canale 5 paiono essere in dirittura d’arrivo 3 nomi altisonanti della storia del programma condotto da Maria de Filippi. Tre nomi che, malgrado abbiano da anni costruito indipendentemente dall’esperienza televisiva la propria carriera discografica, ancora oggi rendono prestigiosa la scuola di Canale 5. Tre nomi che rispondono anche ad una doppia convenienza per Amadeus: essere 3 donne (e le presenze femminili nei cast sanremesi sono sempre molto apprezzate) ed appartenere differentemente ai roster delle tre maggiori case discografiche italiane (Sony, Universal e Warner).

Tutto pronto per la prima di Alessandra Amoroso |

Il nome sulla bocca di tutti gli addetti ai lavori è quello di Alessandra Amoroso. La cantante salentina è stata in questi anni, senza esagerazione alcuna, il nome più corteggiato da tutti i direttori artistici passati dal Festival di Sanremo. La voce di “Immobile”, però, ha sempre rifiutato il debutto in gara sul palco del Teatro Ariston.

Alla competizione ha sempre anteposto passaggi promozionali o di supporto a colleghi in terra sanremese. Nel 2010, fresca di vittoria ad Amici, fu per due serate al fianco di Valerio Scanu interpretando in duetto ‘Per tutte le volte che…’ contribuendo al suo ripescaggio e alla vittoria finale. Nel 2012 accompagnò, invece, Emma nella serata duetti per la rivisitazione della poi vincente ‘Non è l’inferno’. La prima da superospite fu nel 2019 per promuovere il singolo ‘Dalla tua parte’ (di cui qui la nostra recensione) e cantare con l’allora conduttore Claudio Baglioni la celebre ‘Io che non vivo (senza te)’. Nel 2020 presenziò per la promozione del concerto-evento ‘Una nessuna centomila’. Nel 2021, infine, fu con Emma sul palco per la loro Pezzo di cuore‘ e poi, in solitaria, per lanciare un messaggio di sostegno ai lavoratori dello spettacolo interpretando ‘Una notte in Italia’.

Alessandra Amoroso

Al sorgere della sua carriera non ha avuto oggettivamente bisogno di una partecipazione al Festival dati i numeri record di cui è stata capace. Poi è sopraggiunta la necessità di un cambio di repertorio non così adatto alla dimensione sanremese tradizionale e, forse, la paura di un rischio troppo grande. Sandrina ha sempre raccontato di voler un giorno partecipare a Sanremo ma di volerlo fare con ‘la canzone giusta’.

Proprio dalla canzone, dunque, sarebbero già partite le trattative per portare la prima reginetta di “Amici”, Alessandra Amoroso, in gara a Sanremo 2024. La cantante pare essersi convinta ed Amadeus non vede l’ora di forgiarsi anche di questo primato. Si è parlato di un lotto di canzoni già presentate al direttore artistico ma, in realtà, ci sentiamo di parlare con più precisione soltanto di un ascolto preventivo di parte del nuovo album d’inediti a cui la cantante salentina sta lavorando in questi mesi. Un modus operandi proprio di Amadeus e che, per esempio, lo scorso anno lo portò a coinvolgere in gara Giorgia scegliendo il brano ‘Parole dette male’ da un lotto di canzoni non pensate appositamente per la kermesse.

Alessandra Amoroso sta lavorando alla sua nuova musica non dimenticando le conquiste di repertorio di questi ultimi anni ma andando anche a riscoprire le proprie radici. In questo senso pare che, se dovesse essere la cantante leccese a compiere la scelta, la canzone da proporre in gara sarebbe un’intensa ballata. Una dimensione musicale che ha fatto scoprire la voce dell’Amoroso ma che si sposerebbe anche alla necessità di una rinascita personale dopo dei mesi duri.

Il ritorno della vincitrice, Emma |

Nelle scorse settimane, si è parlato dell’altra salentina di ‘Amici di Maria de Filippi’Emma, come co-conduttrice in quel di Sanremo 2024. Niente di più falso. Emma non è interessata e, soprattutto, Amadeus non ripeterebbe mai un qualcosa di già visto. La Marrone, infatti, ha già ricoperto il ruolo di valletta nel Sanremo 2015 di Carlo Conti.

Emma

Per la cantante di ‘Calore’, però, si potrebbe prospettare all’orizzonte un ritorno in gara nella kermesse. La quarta partecipazione in poco meno di quindici anni di carriera. L’esordio fu al fianco dei Modà nel 2011 quando Emma, fresca della vittoria di Amici, fu scelta come voce femminile del brano “Arriverà”. L’anno successivo, il 2012, fu l’anno della vittoria grazie a “Non è l’inferno”. Da allora un lungo silenzio interrotto solo da partecipazioni di taglio differente (duettante nel 2013 e nel 2021, da conduttrice nel 2015, da superospite nel 2020) fino al 2022 quando tornò in gara per Ogni volta è così. Nonostante il buon piazzamento quell’ultimo passaggio sanremese rimase non completamente sfruttato: non ne seguì né la pubblicazione di un album né tantomeno un tour live.

Questa volta, però, Emma vorrebbe fare le cose per bene. Il ritorno in gara non è affatto certo ma la salentina ha da parte un nuovo album d’inediti da lanciare come si deve. L’ultimo disco (“Fortuna“, di cui qui la nostra recensione), d’altronde, è datato 2019 perciò i tempi sono maturi. I lavori durano ormai già da mesi e le canzoni ci sono. Rimane da definire soltanto la strategia ma un passaggio in terra ligure sarebbe l’ideale per non correre il rischio di mettere in fila un ulteriore disco mal promozionato e gestito. I passi mossi quest’estate con “Mezzo mondo” e “Taxi sulla Luna” promettono bene ma per un rilancio completo Emma pare proprio aver bisogno di una vetrina importante. La scelta è soltanto sua.

La regina del presente: Annalisa |

Il nome grosso, ma contemporaneamente anche il più incerto per come stanno messe le cose, è quello di Annalisa. In casa Warner Music Italy negli ultimi mesi si sono registrate diverse novità (qui) ed è probabile che Amadeus dovrà ampliare le quote destinate agli artisti di questo roster per il prossimo Festival. La reginetta ligure vive un periodo d’oro iniziato un anno fa con il lancio della hit “Bellissima” e proseguito con “Mon amour” e l’estiva “Disco paradise” in compagnia di Fedez e gli Articolo 31.

Annalisa 2022

Ora, però, la Scarrone guarda avanti. Passata l’estate verrà il tempo della pubblicazione di un nuovo album. E, subito dopo, del debutto al Forum di Assago per la prima volta in carriera. Il ritorno al Festival di Sanremo appare incondizionalmente legato a questi avvenimenti. Il sold-out al Forum è un dato di fatto ma l’andamento del disco sarà tutto da verificare. Più volte in passato Nali ha scelto di ricorrere alla kermesse per raddrizzare le sorti di un progetto e, malgrado la situazione questa volta sembra promettere ben altri panorami, nulla è da escludere considerando la volubilità del mercato attuale. Per l’aprile 2024, poi, è già stata annunciata una tranche live nei palazzetti di tutt’Italia che, malgrado stia già andando piuttosto bene, servirà promozionare ulteriormente e, magari, ampliare. Un passaggio sanremese, in questo senso, sarebbe assai prezioso.

Le canzoni, ovviamente, non mancano. Escluderne una dal disco in uscita è un gioco da ragazzi. Ma, considerando anche il prolifico team di scrittura da cui Annalisa è contornata nulla vieta di pensare ad un autunno creativo. Ciò che è certo è che Amadeus per Sanremo 2024 non vorrebbe lasciarsi scappare nemmeno la terza stella lanciata da “Amici di Maria de Filippi”. E possibilmente vorrebbe accaparrarsela con una canzone capace di scalare le classifiche affermandosi come una hit. In questo senso l’ipotesi di una ballata (a meno di capolavori senza tempo) sarebbe la scelta meno apprezzata dal direttore artistico. E’ Annalisa che deve decidere. E per ora la scelta è di rimanere a guardare e capire come andranno le cose.

Di certo il ritorno in gara di Annalisa sarebbe un evento capace di attirare le masse social che l’hanno incoronata nuova regina del pop italiano. Lei che a Sanremo vanta già ben 5 partecipazioni ma che, mai come questa volta, vi parteciperebbe con premesse tutt’altro che di piazzamento. L’esordio fu timido nel 2013 con la retrò “Scintille” seguita, nel 2015, dall’ultra-pop “Una finestra tra le stelle”. Il 2016 rappresentò un passo falso eccessivo con una sconclusionata e classicheggiante “Il diluvio universale” da cui nacque la svolta contemporanea successiva. Il podio del 2018 con “Il mondo prima di te” gettò le premesse per una Dieciche nel 2021 volle seguirne le orme. Per il 2024 c’è chi è pronto a giurare che la savonese avrebbe le carte in regola per staccare il biglietto per l’Eurovision Song Contest.

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.