Fiorella Mannoia, trent’anni di “Di terra e di vento”

Album Amarcord: i dischi più belli da riascoltare

Dopo aver celebrato i trent’anni di Cosa resterà… di Raf, di Oro, incenso e birra di Zucchero, Tutti i brividi del mondo di Anna Oxa,Martini Mia… di Mia Martini e Sono cose che capitano di Biagio Antonacci, oggi parliamo di un altro grande album datato 1989: “Di terra e di vento” della straordinaria Fiorella Mannoia, artista che quest’anno ha celebrato i venticinque anni di Gente comune e i vent’anni di Certe piccole voci.

Reduce da due consecutivi premi della critica al Festival di Sanremo, nel 1987 con “Quello che le donne non dicono” e nel 1988 con “Le notti di maggio”, l’interprete romana si conferma una delle muse e delle voci preferite dai cantautori, una delle poche in grado di valorizzare testi così personali e introspettivi. Rilasciato il 28 novembre 1989, “Di terra e di vento” è prodotto da Piero Fabrizi, con arrangiamenti curati dal Maestro Fio Zanotti.

Tante le firme prestigiose, a cominciare da Ivano Fossati autore del brano d’apertura “Baia senza vento”, di quello di chiusura “Lunaspina” e co-protagonista del duetto “Oh che sarà”, capolavoro di Chico Boarque riadattato in italiano dallo stesso artista genovese. Molti i testi scritti da Enrico Ruggeri, daLa giostra della memoria” a “Le canzoni”, passando per “Ascolta l’infinito” e “Gli amanti”, quest’ultima musicata da Riccardo Cocciante. Presente per la prima volta in un disco di Fiorella, invece, appare Francesco De Gregori, che le regala la struggente Cuore di cane”. Un album che chiude idealmente lo straordinario decennio della Mannoia, partita in sordina e senza una chiara direzione nel 1981 con “Caffè nero bollente”, ma riuscita a definire in corsa il proprio stile unico e inconfondibile, affinando un tipo di narrazione intensa ed insolita per un’interprete.

“Di terra e di vento” è un album da non perdere, perché al suo interno non troviamo due o tre singoli di successo e poi le cosiddette “tracce riempitive”, bensì otto canzoni di qualità eccelsa che consacrano a livello comunicativo Fiorella Mannoia, in tutta la sua profondità ed eleganza. Un lavoro cruciale per il suo percorso, che segna il definitivo passaggio nell’Olimpo della musica leggera italiana.

Acquista qui l’album |

Di terra e di vento | Tracklist e stelline

Lato A
  1. Baia senza vento
    (Ivano Fossati)
  2. Oh che sarà con Ivano Fossati
    (Chico Boarque, Ivano Fossati)
  3. Cuore di cane
    (Francesco De Gregori)
  4. La giostra della memoria
    (Enrico Ruggeri, Luigi Schiavone)
Lato B
  1. Le canzoni
    (Enrico Ruggeri, Piero Fabrizi)
  2. Gli amanti
    (Enrico Ruggeri, Riccardo Cocciante)
  3. Ascolta l’infinito
    (Enrico Ruggeri, Piero Fabrizi)
  4. Lunaspina
    (Ivano Fossati)
The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.