15 aprile

Ogni giorno una canzone che ci ricorda un anno e un momento diverso

IL GIORNO:

Il 15 aprile è il giorno che, nella storia della Francia e dell’intera cultura europea, ricorda il tragico incendio della cattedrale di Notre Dame dde Paris nel 2019. Era il 15 aprile quando, nel 19899, iniziava in Cina la protesta di Piazza Tienanmen contro il regime governativo, e quando, nel 1912, il Titanic affonda dopo aver urtato contro un iceberg nel suo viaggio oceanico inaugurale.

Musicalmente quella del 15 aprile è la data che ricorda il compleanno di Luca Barbarossa. Artista e cantautore romano è noto per incarnare con la sua musica la tradizione italiana e romana. Nel corso della sua carriera discografica ha partecipato per ben 9 volte al Festival di Sanremo vincendo l’edizione del 1992 con il brano ‘Portami a ballare’.

LA CANZONE:

Il 15 aprile 2016 arrivava in rotazione radiofonica la voce profonda e la poetica più romantica di Fabrizio Moro per un’inedita Sono anni che ti aspetto.

La canzone arrivava come singolo d’apertura di un nuovo progetto discografico intitolato ‘Pace’. L’album sarebbe uscito l’anno successivo durante la partecipazione al Festival di Sanremo 2017 con il brano ‘Portami via” che avrebbe segnato una sua rinascita discografica.

Acquista qui il brano |

Sono anni che ti aspetto | Videoclip

Sono anni che ti aspetto | Testo

Le mie paure
Sono carezze mancate
Incertezze che tornano a un passo da me
Evitando i rumori
Sono mio padre e i suoi errori
Un bersaglio sfiorato
Le paure che sento
Come distanze da un centro

Sono l’amore che ho dentro
E che non so controllare
Il primo giorno di scuola di un piccolo uomo
Che ha vergogna a parlare
Le riflessioni sospese
Un mattino alle sette
Le paure che sento qui dentro di me
Sono parole mai dette

Tu, tu non mi hai voluto credere
Sono anni che ti aspetto
E ora non riesco a respirare più
Ora basta devi scegliere
Sono anni che ti aspetto
Le mie paure

Sono un bugiardo che giura
Tutte le cose che ho perso
Tenendo ugualmente una stretta sicura
La prima volta che ho detto
Ho bisogno di te
Sono quel dubbio che resta nascosto
Anche quando ho capito perché
Perché

Tu, tu non mi hai voluto credere
Sono anni che ti aspetto
E ora non riesco a respirare più
Ora basta devi scegliere
Sono anni che ti aspetto

Ci sono cose che non riesco più a dimenticare
Sono le stesse che non ho imparato mai a capire
Le convinzioni non saranno sempre uguali
Neanche quelle che oggi sembrano normali
La differenza fra ogni uomo sta nell’intenzione
E ora so che posso scegliere
Sono anni che ti aspetto
Sono anni che ti aspetto
Sono anni che ti aspetto

Sono anni che ti aspetto
Sono anni che ti aspetto

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Commenta qui...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.