Da “Abbronzatissima” a “Mambo salentino“, sei decenni di canzoni estive italiane da non dimenticare

Le regole che determinano un successo estivo sono in continuo mutamento, mai come oggi risulta difficile fare previsioni, mentre un tempo bastava avere tra le mani una bella canzone per azzeccare qualsiasi tipo pronostico. Oggi i fattori sono molteplici, la musica da sola non basta, così abbiamo deciso di fare un tuffo nel passato per rispolverare un po’ delle nostre radici.

Partiamo da un semplice quesito: cos’è un tormentone e, soprattutto, come lo si riconosce? L’immediatezza delle strofe, l’orecchiabilità dell’inciso, la ripetitività del testo e la melodia ben identificabile sin dal primo ascolto, sono solo alcuni degli elementi alla base di una potenziale hit estiva che, grazie all’esposizione mediatica e al conseguente consenso commerciale, possono dare vita ad un vero e proprio martellante pezzo da spiaggia.

Per comprenderne le origini è necessario fare un salto indietro nel tempo fino agli anni ’60, decennio caratterizzato dal boom economico e dal desiderio di rivalsa sociale tipico del dopoguerra. Ad accompagnare questo clima di rinascita sono canzoni in grado di raccontare e fotografare un’intera epoca,  tra cui ricordiamo: Tintarella di luna di MinaSaint Tropez Twist di Peppino di Capri, Sapore di sale di Gino Paoli, Azzurro di Adriano Celentano, “Legata a un granello di sabbia” di Nico Fidenco, “Abbronzatissimae Guarda come dondolo” di Edoardo VinelloIl ballo del mattone” di Rita Pavone e Luglio di Riccardo Del Turco.

Con gli anni ’70 qualcosa comincia a cambiare, il vento della Disco Music porta con sé parecchia esterofilia, il made in Italy lascia spazio a sonorità dal respiro internazionale. Tra le novità del nostro Paese, invece, l’affermazione dei complessi e la solidificazione del cantautorato, sempre più sperimentale e ispirato. Tra i pezzi nostrani, riscuotono un ottimo successo: Pazza idea di Patty Pravo, E tu di Claudio Baglioni, Ti amo di Umberto Tozzi, Figli delle stelle di Alan Sorrenti e Splendido splendente di Donatella Rettore.

Visto l’andazzo del decennio precedente, negli anni ’80 molti artisti italiani cominciano a cantare in inglese, da Raf con “Self control” a Ivana Spagna con “Easy lady”, passando per Sabrina Salerno con “Boys boys boys”, oppure in spagnolo come, ad esempio, i Righeira con “Vamos a la playa”. Sul fronte italiano, tengono duro: Giuni Russo con “Un’estate al mare”, il Gruppo Italiano con “Tropicana”Gianni Togni con “Luna”, Donatella Rettore con “Kobra” e “Lamette”, Loredana Bertè con “Non sono una signora” e “In alto mare”.

Gli anni ’90 riportano al centro dell’attenzione la melodia, sia gli interpreti che una nuova scena cantautorale, tra i pezzi estivi di maggior successo ricordiamo: “Un’estate italiana” di Edoardo Bennato e Gianna Nannini, “Sotto questo sole” di Francesco Baccini e i Ladri di BicicletteMare mare di Luca CarboniIl battito animale di RafHanno ucciso l’Uomo Ragno degli 883, “Bella” e “Un raggio di sole” di Jovanotti, “Solo una volta (o tutta la vita) di Alex BrittiTroppo bella di Davide De Marinis  e “50 special dei Lunapop.

Terminiamo il nostro viaggio con i primi tormentoni del nuovo millennio, tra le canzoni estive più gettonate degli anni ’00, segnaliamo: Vamos a bailar di Paola e Chiara, Tre parole di Valeria Rossi, www.mipiacitu dei Gazosa, L’aiuola di Gianluca GrignaniEstate” dei Negramaro, “Lasciala andare” eBruci la cittàdi Irene Grandi, “Pazzo di lei” Non vivo più senza te di Biagio Antonacci, Tranne te di Fabri FibraP.E.S. dei Club Dogo con Giuliano Palma, Roma-Bangkok di Baby K e Giusy FerreriVorrei ma non posto di J-Ax e FedezRiccione dei Thegiornalisti, “Amore e capeira di Takagi & Ketra, “Mambo salentino” dei Boomdabash e Alessandra Amoroso.

A ciascuno il proprio tormentone del cuore… ai posteri l’ardua sentenza: saranno in grado i pezzi di oggi di durare così a lungo nel tempo? Bella domanda, chi può dirlo, di sicuro l’ingente quantitativo di proposte non aiuta, anzi rischia di confondere, depistare e far passare in secondo piano parecchi brani degni di nota. Il mercato musicale estivo negli ultimi anni è sicuramente in crescita dal punto di vista commerciale, l’intera discografia investe più che in passato, i ritorni sono sicuramente importanti, ma non perdiamo di vista il focus, la musica non può essere trattata solo esclusivamente come un’industria. Pensiamo a tutte le canzoni che abbiamo appena citato, hanno funzionato, molte senza alcuna aspettativa, il segreto forse sta proprio in questo. Insomma, gli anni passano ma i tormentoni ben fatti rimangono!

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Di Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.